fragege79 ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 1 decennio fa

"bruciare una vena" per perdita di sangue dal naso?

Chi di voi mi riesce a dare una spiegazione al perchè quando esce il sangue dal naso per una vena che si è indebolita, si brucia la venuzza stessa col laser?

10 punti alla spiegazione più completa! grazie!

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    In genere quando esce sangue dal naso (epistassi), a meno che questa non sia collegabile ad una vera patologia, di cui può essere un campanello d'allarme (ma sono casi più rari e particolari), si tratta di un capillare (una piccola vena) che tende alla fragilità, quindi si "rompe" (anche con frequenza) e crea il disturbo.

    L'intervento per cauterizzare tale vena indebolita (un tempo si faceva con una lancetta dermatologica a calore, ora con il laser) non fa altro che "tagliare fuori" il capillare, bruciandolo e quindi questo diviene un vaso morto, dove il sangue non passerà più. L'organismo provvederà automaticamente a eliminare i residui del capillare ormai terminato, mentre la circolazione sanguigna sarà dirottata verso gli altri capillari (che sono migliaia e migliaia, minuscoli) senza che il paziente avverta nessun cambiamento se non quello di aver eliminato il problema della epistassi.

    L'intervento è veloce, e non si avverte che un piccolissimo fastidio, sopportabilissimo. :-)))

  • 1 decennio fa

    a me da piccola mi usciva sempre il sangue dal naso, mi avevano detto di fare quell'operazione, ma non l'ho fatta e il sangue ora mi esce molto meno frequentemente, perciò non ce nera bisogno!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.