promotion image of download ymail app
Promoted
? ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

La piena libertà economica è sintomo di benessere?

I paesi che hanno un idice di libertà economica molto alto come Singapore, Hong Kong, Irlanda, Australia, USA..ecc (Index of economic freedom 2008, Wall street journal) hanno anche un PIL procapite elevato.

1) C'è correlazione fra i due elementi?

2) Il PIL procapite riesce a cogliere la reale situazione sociale?

3) La piena libertà economica è realizzabile ed apprezzabile, oppure si tratta di una utopia (o una menzogna)?

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il sudafrica è un paese-modello, dal punto di vista capitalistico. Ma lì ci sono anche milioni e milioni di disgraziati che campano con meno di un dollaro al giorno, senza contare il più alto numero di sieropositivi del mondo...

    NO, quindi. Libertà di mercato e benessere non si identificano, o almeno non per tutti, non sempre e non dappertutto.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Se per libertà economica intendi liberismo, cioè assenza o quasi di regole nel mercato, non penso sia sintomo di benessere pechè in questo modo spesso è facile che gli imprenditori guadagnino alle spalle degli altri, che si impoveriscono

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    per quanto ne so io i regimi socildemocratici come Svezia e Norvegia sono quelli che stanno meglio.... sono anche quelli che pagano più tasse, ma producono di più, hanno servizi gratuiti per i cittadini benefit e welfare avanzato.... negli Usa ancora ogni tanto senti di qualche bambino morto perchè i genitori non potevano permettersi l'assicurazone sanitaria pur facendo due bei lavori part time al giorno! magaripoi produrranno anche tanto ma le ricchezze sono mal distribuite e portano a situzioni incivili e disumane

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    no il capitalismo e il liberismo sono i mali ke fanno morire un sacco di gente di fame...ma parlo di milioni di morti

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • blake
    Lv 5
    1 decennio fa

    Sulla pericolosissima crisi economica in corso finora poco si è detto realmente . Aspettavamo lumi dagli economisti. Speravamo, tra l'altro, in un loro mea culpa.

    Perché il fatto è che il grosso della loro disciplina non ha previsto la catastrofe in arrivo. Era impossibile prevederla? Balle. Non solo era prevedibilissima, ma il punto di principio è che una scienza economica che non sa prevedere è una scienza da poco, quasi da punto.

    Science for what? Un sapere «pratico» che consiglia male e che prevede altrettanto male, produce guai o comunque ci lascia nei guai.

    Molti economisti se la cavano scaricando la colpa sul liberismo «selvaggio » che ha predicato la

    deregulation, l'abbattimento delle regole. A suo tempo — e cioè in tempo — alcuni scrivevano che se le regole sono malfatte, allora sono regole da eliminare; ma «sregolare» è solo un rimedio a breve, e un vuoto di regole non toglie che dobbiamo avere regole. Anzi, oggi, le regole ridiventano più necessarie che mai. Le banche non sorvegliate sono libere di fallire a danno dei loro depositanti. Il mercato finanziario è sempre più infestato da imbroglioni che vanno imbrigliati. L'alternativa non è tra intervenire o no, ma tra capacità di «buon intervento» o no.

    Si legge che le crisi finanziarie sono intrinseche al capitalismo, che pensare di eliminare il rischio è una sciocchezza e che per ogni regola esiste un modo di aggirarla. Ma spero proprio che non sia così. Il mercato è un meccanismo che, per esistere e funzionare, deve essere protetto da leggi che vietano i monopoli e che puniscono i falsi garantendo la autenticità delle merci. Addio mercato se io posso impunemente spacciare per oro un qualsiasi metallo giallo. Così come vanno controllate le medicine e, oramai, persino la produzione industriale del cibo. Pertanto l'argomento «fatta la legge trovato l'inganno» è suicida. Né ritengo che i collassi «alla 29» siano fisiologici. Siccome il sistema di mercato è un automatismo che procede per auto-correzione, è normale che il suo andamento sia ciclico e che includa recessioni. Ma se un sistema di mercato che si auto-distrugge facendo collassare tutto il sistema economico fosse «normale», allora siamo al cospetto di un sistema mal congegnato.

    Torno al quesito che è la madre di tutti gli altri: perché gli economisti non hanno adeguatamente previsto e denunciato la follia dei subprime, dei mutui senza sufficiente copertura? Sono quei prestiti che hanno scavato la voragine nella quale stiamo ora affondando. Eppure tutti zitti e pronti a bere la favola (all'oppio) dei «derivati», e cioè che il rischio veniva minimizzato distribuendolo a tutti in tutto il mondo. Ovviamente (al solito, elementare buon senso) può essere così solo se il «debito cattivo » non diventa gigantesco. Invece nessuno lo ha controllato, è diventato gigantesco, e così siamo tutti a rischio.

    Dunque — lo ripeto — quel che è successo era facilmente prevedibile. Io mi sono spaventato quando ho vissuto (negli Stati Uniti) il bombardamento delle offerte di credito facile, troppo facile. Ma ora sono gli economisti che non si sono spaventati a tempo e che devono fare l'esame di coscienza e rivedere le proprie bucce. Perché chi non sa prevedere, nemmeno sa prevenire.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.