Chi crede che la perdita di queste senzazioni sia la causa del fallimento della società moderna?

Stesi nell'erba tra i fiori di campo

Persi a narraci future fortune coi sensi colmi di voglia di vita

In tasca solo speranza infinita

E una fiducia infinita nel seno

Quando avevamo cent'anni di meno

Quando una donna era fatta di nebbia e dalle labbra stillava rugiada

Da quella bocca spandeva all'intorno

Inni alla nascita nuova del giorno

E i suoi capelli odoravan di fieno

Quando avevamo cent'anni di meno

Mille cannoni perduti da un bacio

Noi credevamo alla pace nel mondo

Bastava un dolce sorriso, uno sguardo

Tutti abbracciati in un bel girotondo

Anche al diluvio davamo il suo freno

Quando avevamo cent'anni di meno

Oltre i confini di un chiaro orizzonte nascevan solo mattini di pace

La fame, il freddo, la tetra miseria o il malgoverno di qualche incapace

Tutto sfumava in un cielo sereno quando avevamo cent'anni di meno

Luce accecante ci entrava negli occhi e dipingeva di rosa il cammino

Gli sfruttatori, gli schiavi del vizio o i giustizieri di un vecchio ronzino

Li lasciavamo fuori dal treno

Quando avevamo cent'anni di meno

Sopra alle sponde di un lago di pane noi portavamo l'intero creato

Poi cantavamo canzoni all'amore

Nudi tra gli alberi ai bordi di un prato, paghi d'amore col cuore ripieno

Quando avevamo cent'anni di meno

Sotto alle stelle in un bar dentro casa senza deciderci ad andare a dormire

Noi volavamo su Marte o la Luna felici solo di starci a sentire

E credevamo a un domani sereno

Quando avevamo cent'anni di meno.

Dove possiamo ritrovare certe sensazioni?

Donne fatte di nebbia, labbra che stillano rugiada? Come possiamo più dire certe cose?Noi non siamo "felici solo di starci a sentire"non ci basta più oramai!!

Aggiornamento:

@ Fran E' di Pirangelo Bertoli, e credo non sbagli una cicca! Anzi!!

Chiara scusa l'errore di battitura ma nessuno è perfetto!

So che ho i sensi...oppure no!

Aggiornamento 2:

ecco perchè ti definisci aliena!! Tu provi ancora ceret emozioni...

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    si hai ragione.

    Pero' credi: noi italiani di oggi siamo particolarmente ARIDI.

    Ho avuto l'impressione viaggiando che altri lo siano meno.

    Gli abbracci sinceri, i baci d'amore che ti ricongiungono all'infinito, i sogni di pace nel mondo, l'alba che coglie abbracciati, tutte queste cose sistono ancora ma non piu' da noi, nell'italietta di berlusconi, brunetta e gelmini.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Lo hai appena fatto , grazie quasi mi perdevo fra le righe a leggerti dolce soave tagliente allo stesso tempo

    da 10 e lode

    la ciliegina sulla torta!

    anzi il kikko d'uva

    http://it.youtube.com/watch?v=eRhvL0WozB0

    Fonte/i: la bocca della verità
  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    Non basterà A TE.

    Ah, questi 'laudatores temporis acti'... se passassero ad agire la metà del tempo che passano a rimpiangere il passato, questo sarebbe un mondo migliore.

    Bella poesia, comunque, o canzone che sia. Di chi è?

  • 1 decennio fa

    si scrive sensazioni. tu hai i sensi, mica i senZi.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.