trucchi per risparmare acqua,energia........?

chi ha trovato qualche accorgimanto per risparmiare l'acqua o energia elettrica o gas ???

se avete qualche idea, scrivetemelo.

.

Io ho trovato che per risparmiare acqua, quando lavo la verdura, la recupero e la metto nell'innaffiatoio.

Ho calcolato che per lavare le spinaci e comunque l'altra insalata si utilizzano fino a 60 litri d'acqua.

Con questi litri d'acqua innaffio tranquillamente tutte le piante del mia appartamento (ne ho tantissime) e a volte anche le piante nei vasi che ho nel giardino.

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Nonostante abiti alla confluenza tra due fiumi e l'acqua sgorghi spontaneamente dal pozzo in giardino, io mi comporto esattamente come te.

    Siccome ho anche un'orto copro la base delle piantine con teli di plastica nera, allo scopo di limitare l'evaporazione d'estate e il raffreddamento d'inverno.

    Inoltre è utile lavorare leggermente il terreno, tre dita al massimo, con una zappetta o meglio un sarchiatore, quando, subito dopo ogni irrigazione il terreno tende ad asciugarsi in superficie: questo rompe le soluzioni di continuità (micro crepe) che si creano fra gli strati profondi e quelli superficiali del terreno stesso, limitando di per sè in modo notevole l'evaporazione.

    L'unico limite è quello estetico, dipende dai tuoi gusti e da come vuoi impostare l'aspetto del giardino e dei vasi.

    Qundi puoi usare sistemi di pacciamatura più naturali.

    - se hai il prato totale tienilo così se ti piace, ma è la soluzione più dispendiosa in termini idrici.

    - se hai il prato con le aiuole di terreno lavorato allora ricorda di dargli una leggera sarchiatura appena comincia ad asciugarsi in superficie.

    - questo è valido anche per le piante in vaso, se non sono già ricoperte di pacciamatura diversa, come corteccia di pino, foglie, paglia o altro: in questo caso non fare nulla perchè va bene così

    - se pensi di aggiungere il telo di plastica, sappi che per quel che riguarda l'evaporazione il colore ha poca importanza, quindi puoi usare anche sopra i vasi quello che più si adatta.

    Naturalmente quello più economico è un sacco per la spazzatura....

    Ma specialmente sulle aiuole, il telo più è trasparente e più lascia sviluppare le erbe infestanti, inoltre ogni copertura, anche naturale, crea l'ambiente naturale per le limacce, cioè le lumache senza guscio.

    Naturalmente avrai anche sostituito tutte le lampadine con quelle a basso consumo.

    P.S: dimenticavo di dirti che io lavo la macchina direttamente in giardino, non sulla pavimentazione, perchè così irrigo gli alberi da frutto che ho piantato tutt'intorno: ovviamente non uso detersivi di sorta, ma soltanto una buona spugna naturale e non vedo a tutt'oggi che differenza ci sia; come alternativa potrei usare il pulitore a vapore che spreca molta meno acqua.

  • 1 decennio fa

    per risparmiare acqua io faccio in questo modo: accumulo l'acqua piovana in una cisterna abbastanza capiente per accumulare il più possibile durante le piogge e l'inverno, poi la uso per irrigare. oppure annaffio il giardino nelle ore subito dopo il tramonto in modo che le piante possano assorbire l'acqua senza che ci sia la dispersione per evaporazione che ci sarebbe se lo facessi nelle ore diurne o mattutine.

    per il gas: ho installato un pannello solare per la produzione di acqua calda. praticamente il gas lo uso solo per cucinare. risparmio anche per il riscaldamento, in quanto ho montato un camino caldaia (ovviamente sempre che sia possibile).

    per l'energia elettrica, al momento, l'unica strada percorribile sono i pannelli fotovoltaici: oggi con gli incentivi e i conti energia, lo stato e le banche intervengono nell'investimento senza che il fruitore investa in tal senso. ovviamente questo è influenzato dalla disposizione del manufatto e/o dell'edificio dove installare il pannello, dalla latitudine, ecc.

    spero di esserti stato d'aiuto

  • Chiara
    Lv 5
    1 decennio fa

    L'uso dei miscelatori d'aria nei rubinetti e nelle docce riduce il consumo d'acqua senza modificare le proprie abitudini. Si tratta di una piccola aggiunta al proprio rubinetto in grado di miscelare l'acqua in uscita con l'aria. Chi usa il getto d'acqua non percepisce alcuna differenza ma il consumo complessivo d'acqua è inferiore. Si arriva a risparmiare quasi la metà dell'acqua utilizzata. Esempio doccia con miscelatore d'aria.

    Lo sciacquone del water consuma ad ogni getto circa 10 litri d'acqua. Non è però necessario utilizzare sempre questo getto. Per ridurlo è sufficiente porre nella cassetta una bottiglia di plastica da un litro piena d'acqua, priva di etichetta ed ermeticamente chiusa con il tappo, oppure far installare un sistema con doppio pulsante di scarico o regolare il galleggiante dello sciacquone compatibilmente ad una capacità minore di acqua.

    L'acqua piovana può essere raccolta e incanalata dalla grondaia verso il proprio giardino o in cisterne di raccolta per consentire un utilizzo successivo. L'acqua piovana è gratuita, usarla con razionalità equivale a risparmiare l'acqua degli acquedotti e molti euro sulla bolletta.

    Le piante del terrazzo possono essere annaffiate anche tramite l'acqua già utilizzata per lavare la frutta e la verdura. E' sufficiente raccoglierla l'acqua in una bacinella nel lavabo ed utilizzarla dopo aver sciacquato la verdura.

    Quando si nota una fontanella pubblica sgorgare continuamente acqua potabile inutilmente è consigliabile chiedere al proprio Comune di far inserire una manopola per aprire e chiudere il getto a richiesta. Nel caso di fontane pubbliche con acqua non potabile e solo per fini estetici, verificate che la fontana usi il sistema a ricircolo, ossia utilizzi sempre la stessa acqua.

    Fate periodici controlli sullo stato dell'impianto idrico di casa. E' sufficiente controllare il contatore dell'acqua nel momento in cui tutti i rubinetti sono chiusi. Se continua a girare è probabile che ci sia una perdita nell'impianto. Chiamate un idraulico prima che la perdita peggiori o danneggi le proprietà dei vostri vicini.

    Preferire la doccia al bagno. Per riempire una vasca sono necessari 100 litri d'acqua mentre per una doccia il consumo d'acqua è pari circa alla metà.

    Lavarsi i denti in modo ecologico. Un gesto quotidiano come lavarsi i denti può comportare enormi sprechi d'acqua nel lungo periodo a causa della pessima e inutile abitudine di lasciare sempre il getto dell'acqua aperto. E' sufficiente utilizzare il getto d'acqua soltanto due volte: (1)inizialmente sullo spazzolino e (2) successivamente per risciacquare lo spazzolino. Nell'atto di lavarsi i denti, almeno 2 minuti per una buona pulizia, è inutile lasciare il rubinetto aperto. Inoltre per risciaquare i denti utilizzate un bicchiere, è più comodo e consente un minore spreco d'acqua. In ogni caso, per una migliore pulizia dei denti è sempre consigliato risciacquare la bocca usando lo stesso spazzolino imbevuto d'acqua per rimuovere il dentifricio dai denti prima di provvedere al risciacquo finale della bocca con un bicchiere.

    La rasatura ecologica. Evitare di lasciare il rubinetto aperto per pulire il rasoio e mentre ci si rade. Chiudete il tappo del lavabo e riempitelo d'acqua fino alla metà per utilizzarla nel risciacquo del rasoio di volta in volta. Si tratta semplicemente di modificare un'abitudine, per il resto nulla cambia alla qualità della rasatura e tantomeno al tempo necessario per radersi.

    Per lavare le stoviglie è consigliabile utilizzare una vaschetta dove porre le stoviglie per insaponarle e utilizzare un debole getto d'acqua soltanto alla fine per risciacquarle.

    Per lavarsi le mani è inutile tenere sempre aperto il getto d'acqua. Per una buona pulizia è soprattutto necessaria una buona perizia nell'insaponarsi le mani. Aprite il rubinetto una prima volta per bagnare le mani e il sapone, poi richiuderlo. Dopo aver insaponato le mani, per 1-2 minuti, riaprite il getto d'acqua solo per risciacquarle. Il risparmio d'acqua è assicurato, si tratta solo di modificare qualche piccola abitudine.

    Chiudere il rubinetto mentre ci si insapona. si può risparmiare acqua anche chiudendo il rubinetto mentre ci si massaggia la cute durante lo shampoo e durante il tempo che serve per il balsamo (uno o due minuti). Sono parecchi litri d'acqua se si pensa alla pressione del rubinetto della vasca, e non cambia assolutamente nulla. (suggerimento proposto da Mchiara)

  • 1 decennio fa

    se puoi metti a fuoco lento il fornello e metti i termosifoni a massimo 20 gradi... poi per l'elettricità devi comprare lampadine a basso consumo, spegnere le lampadine che stanno in standby.... chiudi il rubinetto qnd nn serve.....

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Bella la tua trovata! Io per risparmiare gas, ad esempio quando devo far bollire una pentola di acqua, ci metto già dentro il sale di modo da abbassare il punto di ebollizione e l'acqua bolle prima. Per risparmiare acqua sto molto attenta a quando faccio la doccia: non lascio scorrere l'acqua mentre mi insapono. Sono tutti piccoli accorgimenti che nel complesso fanno tanto!

  • 1 decennio fa

    SE NON HAI NULLA DA PERDERE E LA TUA VITA E' COSI COSI' TI CONSIGLIO DI VIVERE ALLA MACCHIA COME I CIGNALI!!TI RITIRI IN UNA GROTTA CON UN COMPLETO MIMETICO ACCENDINI(QUELLI ECOLOGICI)E VIVI LASSU' SULLE MONTAGNE MANGIANDO SELVAGGINA BACCHE RADICI E LATTE DI VOLPE E CAPRIOLO!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.