promotion image of download ymail app
Promoted
metta
Lv 4
metta ha chiesto in Gravidanza e genitoriNeonati e bambini · 1 decennio fa

HELP mastite! cosa posso fare?

Qualcuno di voi l'ha avuta? aspetto consigli per risolvere il problema è troppo doloroso...ho la febbre a 38 e il seno duro tipo marmo (x fortuna quello destro e basta). già provato le spugnature e la borsa dell'acqua calda, oltre che a tirarmelo col tiralatte elettrico...e poi x farmelo andare via del tutto?

11 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Esistono due tipi di mastiti: quella infiammatoria e quella infettiva. L'unica discriminante per decidere quale delle due sia è il valore della febbre. Se la febbre sale oltre i 38,5° è importante chiamare il medico che prescriverà un antibiotico adatto e compatibile con l'allattamento. In entrambi i casi, però, è importante il riposo a letto (sembra un accessorio, ma sembra che con la mastite sia proprio una parte importante della cura) e cercare di ammorbidire il seno più possibile. Per far questo è importante massaggiare la zona indurita sotto l'acqua calda. Sembra che l'applicazione di calore con la borsa dell'acqua calda sia molto meno efficace dell'irrorazione diretta con l'acqua calda stessa. Puoi metterti sul lavandino in bagno e, con la mano o con l'aiuto della spugna, buttare sopra acqua calda e nel contempo massaggiare circolarmente la zona indurita. Questo andrebbe fatto almeno 4 volte al giorno. Se riesci, sarebbe più efficace attaccare il tuo bambino/a più spesso possibile perchè un bambino è infinitamente più efficace di qualunque tiralatte per drenare il seno. Il latte estratto da un seno con la mastite non è pericoloso per il lattante (cosa risaputa, ma non da tutti, ormai da diversi anni), mentre una mastite mal curata può portare ad ascessi mammari che si possono poi risolvere solo con incisioni chirurgiche che, ovviamente, sarebbe meglio evitare. Per fare andare via il latte ci sono molti modi che dipendono principalmente dall'età del bambino (subito dopo il parto sono efficaci delle pastiglie da prendere sotto prescrizione medica... pastiglie che diventano del tutto inefficaci dopo un mese dal parto). Nel caso ti suggerisco di contattare una consulente della Lega per l'allattamento materno (www.lllitalia.org), ovvereo La Leche League Italia.

    Fonte/i: www.lllitalia.org www.allattiamo.it www.allattare.net
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Se hai anche dolori e malessere come quelli dell'influenza el afebbre supera i 38,5 allora e' davvero mastite e potrebbe volerci l'antibiotico (sono compatibili con l'allattamento). Altrimenti potrebbe essere solo un brutto ingorgo. In entrambi i casi allatta spesso, magari prima fai un impacco caldo umido (bastano 5 minuti un asciugamano bagnato, non bollente, attenta!) e poi un massaggio e poi attacca il tuo bambino. Non ho capito la tua ultima domanda: vuoi smettere di allattare? In questo caso se usi il tiralatte per eliminare l'ingorgo, devi levare solo poco latte, solo finche' non senti il seno meno duro, perche' se ne togli finche' ne viene stimolerai il seno a produrre sempre la stessa quantita'.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    metta si tre volte col primo figlio . un disastro. allora cerca di:

    trovare il formaggio QUARK non scherzo! non la ricotta che fa poco o nulla. il quark e´un formaggio fresco tedesco. oltre che essere buono ha anche funzione di antiinfiammatorio. lo spalmi su un tovagliolo di carta e lo appoggi nel reggiseno. io lo tenevo tutta la notte e il gg dopo tutto passato. all inzio ero molto scettica e invece...

    avevo la febbre a 39 (mai avuta!) e non potevo nemmeno teneere giu un braccio perche mi faceva troppo male.

    attacca sempre il bimbo

    si alle spugnature

    ma con il quark non dovrai nemmeno prendere l antibiotico.s e non lo trovi contatta pero il tuo ginecologo o il medico perche l unica soluzione rimane l antibiotico (l amoxicillina puoi prenderlo anche durante l allattamento)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • PaolaP
    Lv 4
    1 decennio fa

    intanto vai dal medico a farti vedere perchè secondo me ti darà degli antibiotici da prendere, poi devi cercare di svuotartelo, con spugnature di acqua calda e te lo fai spremere, io mi ero fatta aiutare da mio marito. E' che se è tutto duro non so se ci riesci. Vai dal medico quanto prima! La mia amica era finita in ospedale!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    io ho avuto un inizio di mastite i primi tempi che allattavo e ho risolto con la doccia calda... in pratica quando andavo a farmi la doccia, mi passavo direttamente l'acqua calda nel seno gonfio, così mi usciva il latte in eccesso in più dopo la doccia lo tiravo con il tiralatte manuale, che funziona meglio di quello elettrico, li ho provati entrambi e anche se con quello manuale all'inizio fa un po' più male secondo me aiuta di più e massaggia anche il seno.

    se hai la doccia idromassaggio, usa il getto medio, così oltre che fare fuoriuscire il latte massaggia e vedrai che starai meglio

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    devi sentire con il tuo dottore perche rischi di perderlo..io l'ho avuta e sono riuscita ad allattare solo 20/25 giorni poi la febbre e l'influenza mi ha mandato via tutto.pero col tiralatte sono riuscita piano piano a svuotarlo. fai una bella doccia calda stacci un pochetto sotto l'acqua e massaggia la tettina o tettona! dovresti stare un po meglio ma non e un rimedio proprio definitivo. cmq so dell'esistenza delle bustine della milte che aiuta a fare latte,se vedi che inizia a scarseggiare.

    Fonte/i: tieni duro non mollare....
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Io l'avevo risolta con le spugnature ed il tira latte ma non avevo avuto la febbre; so quanto sia dolorosa quindi ti consiglierei di contattare il tuo medico prima possibile.

    In bocca al lupo!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    ciao io ho avuto mia figlia due mesi fa, l'ho allattata una settimana ma poi è subentrata una forte mastite in entrambi i seni accompagnata da febbre e pus (non so come si scrive) nel latte. per una settimana ho dovuto "spremere i seni" con le mani. ti spiego meglio. su consiglio ovviamente dell' ostetrica scaldavo ogni seno per un quarto d' ora con la borsa dell' acqua calda poi massaggio di un quarto d' ora per seno dall' esterno verso il capezzolo senza toccarlo insistendo dove è più duro e poi spremitura a mano ( è una tecnica molto particolare dovresti andare in ospedale e fartela spiegare - però se ti può essere di aiuto è come mungere una mucca!) questo lavoro per una settimana cominciando da sette volte al giorno a diminuire di giorno in giorno. ti sconsiglio di NON tirare il latte con i tiralatte perchè la suzione del capezzolo provoca la continua formazione del latte e quindi le ghiandole mammarie continuano a lavorare.Quando poi i seni tornano ad essere morbidi se vuoi puoi riprendere ad allattare oppure prendi la pastiglia per fare andare via il poco latte restante. ciao ciao

    Fonte/i: esperienza personale.
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Allora io avevo avuto l'ingorgo e avevo anch'io il seno enorme e di marmo con il tiralatte elettrico ho risolto il problema....Se hai gia' mastite ti conviene sentire il medico....se vuoi toglierti il latte devi prendere una pastiglia e poi continuare a svuotare il seno con il tiralatte

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    l'ho avuto 5gg dopo il cesareo, che dolore!

    ero ancora ricoverata, il medico mi fece prendere antibitici, poi visto che il latte non usciva, ne con la tiralatte, spugnature, mi hanno dato 2 pasticche di dostinex...il giorno dopo stavo meglio, ma il latte è andato via

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.