Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

come fa a bere il geco in casa?

Mi è capitato un geco in casa ed io lo sto tenendo perché mi è tanto simpatico e mi libera dagli insetti…mi è venuto solo un dubbio: come fa a bere? C’è qualcun altro che ce l’ha in giro per casa?

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    E' COSì CHE FANNO: LI LASCIANO SECCARE E POI CI FANNO GLI STENCIL!

    _ _ _

    Ok... perdona il cattivo umorismo, ti ho trovato delle informazioni che potrebbero esserti utili, anche nell'eventuale habitat da allestire:

    ACQUA ED UMIDITA'

    Non deve mai mancare all'interno del terrario un ciotola con acqua limpida (cambiarla

    possibilmente tutti i giorni) con i bordi bassi in modo da permettere al geco

    di bere con facilità e ai piccoli di nn affogarci.

    Importante per la muta del nostro animale è mantenere una zona del terrario

    umida... una vaschetta con della vermiculite umida va benissimo.

    RISCALDAMENTO E ILLUMINAZIONE

    Il geco leopardo, proviene da zone aride e le sue attività

    le svolge prevalentemente nelle ore crepuscolari e notturne. Il terrario

    quindi, indipendentemente dal fatto che sia di tipo sterile o biotopo dovra

    essere provvisto di una lampadina ad incandescenza e una fonte di calore (tappetino

    riscaldante, serpentina riscaldante, lampada in vetroceramica) montate dallo

    stesso lato del terrario in modo da creare un gradiente termico. Un lato del

    terrario (quello riscaldato) dovrà avere nelle ore del giorno una temperatura

    intorno ai 30° C mentre l'opposto una temperatura leggermente inferiore;

    questo permetterà al Geco di autoregolare la temperatura interna spostandosi

    da un lato all'altro.

    La fonte di calore, per evitare spiacevoli inconvenienti, sarà collegata

    a un termostato. La lampadina invece a un timer che ci eviterà tutti

    i giorni l'incarico di accenderla e spegnerla.

    Durante le ore notturne la temperatura sarà lasciata scendere a 20-25°C.

    L'utilzzo di rocce o tane riscaldate è da tempo sconsigliato dalla maggior

    parte di allevatori in quanto queste facilmente alterabili nel tempo sprigionano

    temperature a contatto troppo elevate rischiando di ustionare seriamente l'animale.

    Per quanto riguarda l'uso di fonti emettenti raggi UVA/B ci sono ancora pareri

    discordi: chi sostiene che siano del tutto inutili in quanto sorpassati dall'utilizzo

    di integratori alimentari contenenti vitamina D3 e chi sostiene che il loro

    utilizzo sia indispensabile. Io non ho mai utilizzato fonti di questo genere

    conseguendo comunque ottimi risultati di allevamento ma ricordandomi di usare

    integratori alimentari contenenti appunto calcio e la famosa vitamina.

    La foto con lo schema qui sopra serve a spiegare come le prese d'aria, unite

    al gradiente termico, permettono il ricircolo dell'aria. Nella parte sinistra

    del nostro terrario grazie al faretto e alla serpentina ( nascosta dal prato

    sintetico) produce un riscaldamento dell'aria e del suolo. L'aria calda salendo

    fuoriesce dalla presa d'aria in alto a sinistra e creando spazio permette all'aria

    più fresca all'esterno di entrare dalla presa d'aria situata in basso

    a destra.

    TANE

    Allestire all'interno del terrario più tane sia nella zona calda che

    in quella più fresca... sarà poi il vostro animale a termoregolarsi

    spostandosi da una all'altra. Importante che siano mantenute perfettamente pulite

    e che siano stabili e solide: questo per scongiurare pericolosi crolli che potrebbero

    causare il ferimento o addirittura la morte dell'animale.

    CIOTOLA PER INTEGRATORI E SOMMINISTRAZIONE CIBO

    Sempre presente all'interno del terrario deve essere una ciotolina con gli integratori

    (soprattutto calcio e d3). In caso di carenza sarà il geco stesso ad

    andare alla ricerca di questi (dandogli una leccatina).

    Per quanto riguarda la somministrazione del cibo vivo tipo grilli, camole, kaimani

    e afidi saranno posti in ciotole sufficentemente alte per evitare la fuga degli

    stessi e di materiale che impedisca di arrampicarsi. Gli altri insetti di taglia

    maggiore o volanti saranno lasciati liberi nel terrario avendo cura che il geco li cacci tutti.

    spero ti sia di aiuto,ciao...

  • Esatto, appendi un bicchierino oppure un tappino di plastica al muro e lui va a bere da solo ;-).

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Siccome lui (parlo del geco) ora si trova sicuramente sul muro, appendi un bicchiere di plastica con un chiodo e vedrai che quando ha sete va da solo a bere

  • 1 decennio fa

    l'ideale sarebbe quando lo trovi sul vetro o sul muro con uno spruzzino di vaporizzare il muro loro bevono le goccioline da li..ma calcola che bevono raramente

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Mirko
    Lv 5
    1 decennio fa

    scusami ma non credo ce debba bere lui prende l'acqua dalle sue vittime...

    stai attento nel sonno potrebbe succhiarti il sangue.

    haHAHhaa

    scherzo. ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.