Sejar ha chiesto in Matematica e scienzeChimica · 1 decennio fa

Domanda su Protossido di azoto(n2o) e sul maus Logitech Cordless Mini Optical Mouse ?

Alura...

Mi sapere dire se il protossido di azoto(n2o) puo nuocere alla saluta se innalato ogni giorno con una dose di 20 grammi?

E poi io ho il maus della logitech(vedi titolo) e solo che avrei bisogono il driver da installare che non trovo piu il cd qualcuno sa dove posso prenderlo? il massimo di punti a chi mi da le risposte...o la risposta....

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    ma che centra il logitech coso ?!

    N2O

    protossido di azoto

    diazoto monossido

    N(-)=N(+)=O <----> N≡N(+)-O(-)

    non sò proprio cosa sia il mouse logitech

    N2O è un ossidante , e cioò viene usato come ossidante nei propellenti nei razzi , come propellente per far salire la panna spray , se vedi nelle bombolette c'è scritto ''propellente : protossido di azoto'' , ma anche in altri spray come deodoranti e spray per capelli ; viene usato sulle machcine nelle bombol perchè ossida la banzina e fà andatre la macchina più veloce , detto NOS Nitrous Oxide System

    e in ospedale come analgesico e anestetico , infatti il gas esilarante è proprio N2O

    da wiki :

    '' Utilizzi del gas [modifica]

    Gas esilarante [modifica]

    L'inalazione di ossido di diazoto è spesso causa di euforia, confusione e - in alcuni casi - un blando effetto afrodisiaco. Può altresì produrre nausea e una confusione persistente se l'esposizione è troppo rapida o eccessiva. L'effetto anestetico dell'ossido nitroso non è ben chiarita nei dettagli, ma si pensa che il gas interagisca con le membrane delle cellule nervose del cervello alterando la comunicazione intracellulare a livello delle sinapsi.

    L'ossido di diazoto è usato da alcuni come sostanza stupefacente (a volte nota come hippie crack). Benché il gas di per sé non sia tossico, un uso prolungato produce sintomi analoghi a quella della carenza di vitamina B12: anemia e neuropatia. In California l'uso non medico di questo gas è considerato un crimine.

    Propellente per aerosol [modifica]

    L'ossido di diazoto è un additivo alimentare e viene usato negli spray come propellente[1] nelle confezioni di panna montata spray. È molto solubile in acqua e nei grassi, per cui si lega bene al composto della panna (35% di grassi emulsionati, il restante è acqua). Con la depressurizzazione del contenitore, all'apertura dell'ugello, il gas tende ad uscire, rigassificandosi e creando delle minuscole bollicine costituite da lipidi. La quantità di gas non è sufficiente ad anestetizzare, ma in grandi quantità mantiene un leggero effetto euforizzante.

    La panna spray fu inventata nel 1931 da Charlie Goetz e G. Frederick Smith, uno studente di chimica dell'Università dell'Illinois ed il suo supervisore. Inizialmente usarono biossido di carbonio, che non era solubile nei grassi ma li rendeva acidi. L'uso dell'ossido di diazoto venne proposto da un dentista locale, che lo conosceva come anestetico. A partire dal 1948 la panna spray venne commercializzata in contenitori monouso sotto pressione e caricati con ossido di diazoto da parte della Reddi-Wip di Aaron Lapin.

    Carburante per razzi [modifica]

    L'ossido di diazoto può essere impiegato come comburente nei motori dei razzi. Rispetto ad altri agenti ossidanti ha il vantaggio di non essere tossico, di essere stabile a temperatura ambiente e di essere relativamente facile da stoccare e trasportare in volo.

    È il comburente scelto in diversi modelli di motori ibridi per razzi - ibridi perché il combustibile è solido, mentre il comburente è liquido o gassoso. È stato usato spesso in combinazione con un polibutadiene a terminali ossidrilici.

    Motori a combustione interna [modifica]

    Nelle applicazioni motoristiche, l'ossido di diazoto (più noto in questo contesto come "protossido di azoto") ed il carburante del veicolo vengono iniettati nel condotto di aspirazione del motore, che produce i seguenti risultati: temperature dell'aria più basse nell'aspirazione, che producono un denso carico di aspirazione; aumento dell'ossigeno contenuto nel carico di aspirazione (l'aria ha una percentuale di ossigeno in peso del 20,9%); Nelle competizioni automobilistiche l'ossido di diazoto (più noto in questo contesto come "protossido di azoto" o semplicemente nos, è iniettato nel carburatore o immediatamente a monte di esso per aumentare la potenza. Benché di per sé non sia infiammabile, decomponendosi ad alta temperatura fornisce più ossigeno dell'aria, consentendo al motore di bruciare una miscela più ricca di carburante; inoltre, essendo stoccato in forma liquida, la sua evaporazione nel carburatore provoca un abbassamento della temperatura, questo rende la miscela carburante-comburente più densa e riduce la detonazione. Solitamente viene inserito in bombole di forma cilindrica comandate da una elettrovalvola che permette l'afflusso del gas a monte del carburatore attraverso l'azionamento di un apposito interruttore. Non è legale utilizzarlo come sovralimentatore chimico per motori.

    La stessa tecnica fu impiegata durante la Seconda guerra mondiale per aumentare la potenza dei motori degli aerei, soprattutto da parte della Luftwaffe, il cui carburante era mediamente peggiore - in termini di numero di ottano - di quello in dotazione alle forze aeree degli Alleati, e per compensare la carenza di ossigeno in alta quota.

    La benzina, come tutti carburanti, per bruciare ha bisogno di un elemento comburente: l'ossigeno, normalmente fornito dall'aria. Mentre l'addizione di un turbo viene chiamata "sovralimentazione meccanica", quella del protossido d'azoto viene definita "sovralimentazione chimica". Più ossigeno apportiamo all'interno della miscela aria/benzina, più il potere calorifico ed esplosivo aumenta. Su di un motore turbo la sovralimentazione chimica può aumentare le prestazioni del 40%-45% (esempio: da 100cv si passerebbe a 140/150cv). Per un veicolo progettato per altissime prestazioni si può arrivare ad un aumento del 150% (Es: da 100 cv si passerebbe a 250cv). ''

    è un inquinante e un comburente (ossidante)

    frasi R: R 8 Favorisce l'infiammazione di sostanze combustibili.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Frasi_R

    frasi S: S 9-17

    9 Conservare il recipiente in un luogo ben ventilato.

    17 Tenere lontano da sostanze combustibili.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Frasi_S

  • 1 decennio fa

    Ovvio che fa male, e 20grammi so tanti ^^ ti sballi con merce cara lol

    http://www.softwarepatch.com/utilities/logisetpoin...

    www.logitech.com

  • Anonimo
    1 decennio fa

    x l'n20 pensa sl k viene usato in america nelle corse clandestine, kiamato in qst caso nos... quindi credo k essendo un comburente lasci parecchi depositi nei polmoni.... nn ne sn convinto xò...

  • Anonimo
    1 decennio fa
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.