Pìerus ha chiesto in SaluteSalute mentale · 1 decennio fa

Siamo davvero liberi?

Ciao a tutti...! Oggi, durante una noiosissima lezione di italiano riflettevo: noi ci dichiariamo uomini iberi, eppure ogni giorno ci svegliamo alla stessa ora, prendiamo lo stesso mezzo percorrendo le stesse strade per andare a scuola/lavoro, facciamo le stesse cose...(a parte il sabato!). Insomma, siamo bloccati nella routine... Allora, perchè ci definiamo liberi? che cos'è per voi la libertà? rispondete in tanti e se volete, stellinate!

Ciao =)

9 risposte

Classificazione
  • Anna R
    Lv 4
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    no, non siamo liberi se ci rifletti. purtroppo siamo legati da tantissimi obblighi e norme di buon comportamento, così che tutti possano chiamarci "normali". però, visto che sono un'inguaribile ottimista, e non potrei parlare solo negativamente, vorrei dire che anche nella routine un uomo può essere più libero di un altro, che pure vive le stesse situazione:dipende dal suo atteggiamento nei confronti della vita. "lo straordinario si trova sul cammino delle persone comuni". In fondo, la routine serve agli esseri umani, siamo fatti così, abbiamo bisogno anche di un certo ordine nella nostra vita, perchè un eccesso di libertà porta alla schiavitù, paradossalmente: l'importante è restare liberi di pensare con la nostra testa, nonostante ci siano milioni di automi che pensano sempre uguale, liberi di provare quello che proviamo quando lo proviamo e non doverlo nascondere per nessun motivo, liberi di aiutare gli altri e farci aiutare se siamo in difficoltà, liberi di avere amici e affetti e di cercare la felicità...questa per me è la llibertà...

  • 1 decennio fa

    mi fa piacere che c'è anche qualcun'altro che fa pensieri intelligenti ognitanto...heheh scherzo...

    no, cmq è vero, la nostra libertà è strana...non però nel senso che intendi tu, cioè io sono tenuta a presentarmi a scuola ogni giorno, è una scelta che ho fatto...ma io intendo la libertà strana perché siamo comunque schiavi di qualcosa, soprattutto materiali ultimamente...penso alla tecnologia ;P nel senso che oggi senza telefonino in tasca siamo persi, questo voglio dire: questo è schiavismo, dipendenza!!

    per me la libertà è poter agire liberamente così da poter avere una spiegazione libera e logica ad ogni nostro gesto...anni fa era proibito sedersi su certe panchine, alcuni autobus erano riservati ai "bianchi" ecc...ecco per libertà intendo che puoi fare quello che vuoi (tranne ovvio le cose illegali, a questo punto ci si chiede se le leggi sono state fatte coerentemente...:S). io non definiei libera la situazione in africa ma anche quella in altri molti paesi...purtroppo è la realtà, il nostro mondo...sono le nostre scelte...

    libertà è difficile da definire...x termini + scentifici c'è il dizionario...ma basta guardarsi attorno nella vita di tutti i giorni...

    vabbé, belli questi pensieri bravo...

    ciao ciaoooo

  • 1 decennio fa

    Occorre coraggio per essere noi stessi ed accettarci per quello che

    siamo.Quando avremo imparato ad accettare noi stessi allora abbiamo

    trovato la soluzione....di capire se siamo liberi o no.....

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La libertà sta nel modo di vedere la vita, di chiederne il perché sempre piu coscienti di quello che siamo; non si possono costringere gli altri a cambiare (solo loro possono farlo facendo esperienza, e questo richiede tempo). Un giorno non vorrai cambiare il mondo (perché capirai che è impossibile) ma te stesso, e capendo il mondo cambierai anche tu e di conseguenza il mondo cambierà senza sforzo e il dolore sparirà (che è una conseguenza del voler cambiare gli altri, di voler fare un mondo a nostra immagine e somiglianza) perché l' avrai esorcizzato da quello da cui tutto parte; la tua mente (e simile al discorso del bonzo bambino in Matrix; chi ha visto il prmo ricorderà quel momento misterioso). Ps (in definitiva) L' unico modo di esprimere liberta e conoscere se stessi (e solo il dolore ti farà entrare in te).

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Sai che ci pensavo proprio oggi..

    ma al di là di queste costrizioni materiali, il mio ragionamento verteva più che altro sulla libertà del nostro pensiero (dico pensiero, non libertà di parola)

    Cioè, quanto il nostro modo di pensare è figlio di quello che realmente siamo, e quanto invece è condizionato dalle tradizioni, dal benpensare comune, dalle religioni, dall'etica di massa..

    Ci insegnano da piccoli cosa è giusto e cosa è sbagliato.. in base a leggi antiche tramandate nei secoli..

    E' pensare comune che realizzarsi voglia dire studiare, trovare un lavoro, mettere su famiglia, nei secoli fedele..

    E in questo un po' ci siamo cullati.. in questo avere la strada segnata, un percorso da seguire senza doversi scavare troppo dentro (che fa un male cane).

    E poi è un grande alibi per sbattersene di tutto il resto e farsi una bella corazza di cinismo.

    "E che vuoi.. tengo famiglia.."

    "Eh sai.. devo lavorare per mantenere la famiglia.. non ho tempo per queste cose.."

    Il nostro ciclo vitale è diventato produci, consuma, crepa.

    Ci scordiamo che siamo, FORSE un più evoluti, ma pur sempre degli animali.. e dobbiamo anche ogni tanto assecondare gli istinti, senza danneggiare il prossimo..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Certo che siamo liberi! L'andare a scuola/lavoro, lo svegliarci alla stessa ora, sono semplicemente delle situazioni che si presentano nel corso della vita dell'individuo. E di fronte a queste situazioni, abbiamo sempre la libertà di scegliere in che modo comportarci. Poi è chiaro che non si possono comandare le situazioni che si presentano, ma la nostra libertà nel gestirle è innegabile.

  • 1 decennio fa

    Purtroppo no!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    no

  • Anonimo
    1 decennio fa

    fare il barbone?!?!?!?!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.