come si fa un ecografia??????????

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    L'ecografia o ecotomografia è un sistema di indagine diagnostica medica che non utilizza radiazioni ionizzanti, ma ultrasuoni e si basa sul principio dell'emissione di eco e della trasmissione delle onde ultrasonore. Questa tecnica è utilizzata routinariamente in ambito internistico, chirurgico e radiologico. Oggi infatti tale metodica viene considerata come esame di base o di filtro rispetto a tecniche di Imaging più complesse come TAC, imaging a risonanza magnetica, angiografia. L'ecografia è, in ogni caso, operatore-dipendente, poiché vengono richieste particolari doti di manualità e spirito di osservazione, oltre a cultura dell'immagine ed esperienza clinica.

    Gli ultrasuoni utilizzati sono compresi tra 2 e 20 MHz. La frequenza è scelta tenendo in considerazione che frequenze maggiori hanno maggiore potere risolutivo dell'immagine, ma penetrano meno in profondità nel soggetto. Queste onde sono generate da un cristallo piezoceramico inserito in una sonda mantenuta a diretto contatto con la pelle del paziente con l'interposizione di un apposito gel (che elimina l'aria interposta tra sonda e cute del paziente, permettendo agli ultrasuoni di penetrare nel segmento anatomico esaminato); la stessa sonda è in grado di raccogliere il segnale di ritorno, che viene opportunamente elaborato da un computer e presentato su un monitor.

    Variando l'apertura emittente della sonda, è possibile cambiare il cono di apertura degli ultrasuoni e quindi la profondità fino alla quale il fascio può considerarsi parallelo.

    Stanno diventando normali le cosiddette sonde real-time, in cui gli ultrasuoni sono prodotti e raccolti in sequenza in direzioni diverse, tramite modulazioni meccaniche o elettroniche della sonda.

    Quando l'onda raggiunge un punto di variazione dell'impedenza acustica, può essere riflessa, rifratta, diffusa, attenuata. La percentuale riflessa porta informazioni sulla differenza di impedenza tra i due tessuti ed è pari a:

    Vista la grande differenza di impedenza tra un osso ed un tessuto, con l'ecografia non è possibile vedere dietro di esso. Zone di aria o gas (Z piccolo) fanno invece "ombra", per via di una riflessione totale.

    Il tempo impiegato dall'onda per percorrere il percorso di andata, riflessione e ritorno viene fornito al computer, che calcola la profondità da cui è giunta l'eco; questo punto si riferisce ad una superficie di suddivisione tra tessuti.

    Sostanzialmente un ecografo è costituito da tre parti:

    una sonda che trasmette e riceve il segnale

    un sistema elettronico che:

    pilota il trasduttore

    genera l'impulso di trasmissione

    riceve l'eco di ritorno alla sonda

    tratta il segnale ricevuto

    un sistema di visualizzazione

    sistemi di scansione sono caratterizzati dal formato dell'immagine che a sua volta deriva dal trasduttore che si usa.

    Scansione lineare [modifica]

    Sonda a scansione lineareFormato dell'immagine rettangolare

    Trasduttori lineari

    Gruppi di elementi (da 5 o 6) facenti parte di una cortina di cristalli (da 64 a 200 o più) posti in maniera contigua, vengono eccitati in successione in maniera da formare una scansione lineare.

    Scansione settoriale [modifica]

    Formato dell'immagine settoriale

    Trasduttori settoriali meccanici a singolo cristallo, anulari, array.

    Nel caso di un settoriale meccanico (singolo cristallo o anulare) la scansione viene data tramite un sistema di ingranaggi che fa oscillare il cristallo di un settore (normalmente 90°). Durante l'oscillazione il cristallo viene eccitato con una certa tempistica, in maniera da inviare gli impulsi ultrasonori, ricevere gli echi di ritorno e quindi permettere di creare l'immagine ultrasonoro all'interno del campo di vista.

    Scansione convex [modifica]

    Formato dell'immagine a tronco di cono

    Trasduttori convex

    Nel caso di un trasduttore convex i cristalli vengono eccitati esattamente come nel trasduttore lineare, ma il campo di vista sarà a tronco di cono, dato che i cristalli sono posizionati su una superficie curva.

    causa dell'attenuazione degli ultrasuoni nel tessuto umano (1 dB/cm/MHz) gli echi provenienti da strutture distali saranno di minor ampiezza rispetto a quelli provenienti da strutture similari ma prossimali. Per compensare ciò è necessario amplificare maggiormente gli echi lontani rispetto a quelli più vicini. Ciò viene svolto da un amplificatore dove il guadagno aumenta in funzione del tempo (T.G.C. Time Gain Compensation) cioè in funzione della profondità di penetrazione.

    Spero che dopo questa lettura tu ne sappia di piu' Auguroni

    Fonte/i: Medicina strumentale per la clinica, e la mia tenera eta'
  • ANDREA
    Lv 7
    1 decennio fa

    ti fanno togliere i vestiti sulla parte da esaminare, ti passano una sonda con gel che registra le onde trasformandole in immagini

  • Anonimo
    1 decennio fa

    allora per fare un'ecografia bisogna stendersi in un lettino, poi il medico radiologo ti metterà del gel nella parte interessata al controllo e poi ci passa sopra con uno strumento alla quale base è presente una "rotellina" per nulla fastidiosa!!!!! poi in uno schermo il medico vedrà la parte desiderata e controlerà che sia tt apposto....!!! cmq non è nulla di invasivo nè tantomeno doloroso sta pur tranquilla...!!! p. s. me li son meritato 10 punti è......:-)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.