mattia pd ha chiesto in Casa e giardinoGiardinaggio · 1 decennio fa

E' normale che un'azalea ?

piantata in terra (dopo avergli messo attorno e sotto terriccio acido in quantità) stia perdendo le foglie in questo periodo?

Aggiornamento:

Grazie a tutti per le risposte.

L'ho piantata a fine marzo e non mi ricordo se gli avevo fatto un sufficiente drenaggio.

In effetti ora le foglie ingialliscono e cadono in quantità, nulla di paragonabile con le azalee che ho in vaso.

Due o tre volte, non di più gli ho dato del concime specifico per acidofile nel terreno. Ogni quindici giorni, come tutte le altre, gli davo il fogliare.

L'acqua usata per irrigare è dell'acquedotto, credo sia "dura"..

Che fare, concimazioni più frequenti?

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ohi mi ha preceduto hanno dato risposte che condivido pienamente.

    Solo alcune integrazioni, ricordo sempre una risposta di una bravissima giornalista e esperta di giardinaggio, Lidia Zitara, : non è difficile trasformare un terreno acido in neutro e basico, è una impresa ardua il procedimento inverso.

    Un mio carissimo amico per poter assaporare dei frutti di mirtillo, ha dovuto coltivarli in un mastello - bidone, nel terreno non era mai riuscito!.

    I rhododendron azalee ericaceae hanno le stesse esigenze dei mirtilli.

    Una domanda le foglie che sono rimaste qual'è il loro colore, tendenti al giallo significa clorosi, quindi presenza di terreno non adatto e principalmente

    mancanza di ferro nel terreno .

    Questa "malattia " compare si presenta quando si utilizza acqua dura per irrigazione; il calcare si associa al ferro forma un composto non assimilabile dalla pianta indispensabile per la sintesi clorofilliana.

    Ho lo stesso tuo problema (esperimento) effettuati su una azalea (trovata in discarica ) salvata diventata florida dopo alcuni anni l'0'i ripiantata per esigenze di spazi in un luogo in cui è soggetta a irrigazioni con acqua dura, e malgrado il terriccio sia solo torba e sabbia, ora è in condizioni identiche quando la trovai 5 anni fa. prima utilizzavo acqua dell'addolcitore.

    Un altra importante indicazione è la posizione (prediligono ombra o semi ombra.

    Terriccio sempre umido, ma non ristagni. Quando l'hai messa a dimora hai posto nel sottofondo del materiale di sgrondo?

    In questo periodo la pianta perde parte della vegetazione (quella rimasta deve coprire i rami e deve essere di un verde intenso.

    Per interventi di correzione del terreno (sospetto basico ) occorrono integrazioni di (senza esagerare altrimenti ottieni l'effetto diserbante )

    Solfato di ferro (meglio chelati hanno costi alti ) oppure solfato di ferro con stallatico maturo, anche zolfo, oppure gesso. Asportare del terreno (esterno alla chioma della pianta e pacciamatura con torba e sabbia .

    Scommetto che il pane delle radici è rimasto identico da quando l'hai messa a dimora. .

    Ciao.

    Aggiornamento:

    Foglie gialle è solitamente indice di clorosi.

    Quindi somministra solfato di ferro (integrato con dello stallatico maturo) Le concimazioni servono relativamente .

    Lo stallatico (anche se non è un concime particolarmente ricco è più che sufficiente alla pianta).

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Le AZALEE appartengono alla famiglia delle Ericacee e sono piante arbustive rifiorenti di tipo perenne a lenta crescita caratterizzate dalla necessità di avere un suolo con caratteristiche acide e per questo motivo

    sono chiamate anche "piante acidofile . Fra le altre peculiarità vi è quella che non tollerano elevate temperature estive ed abbisognano di abbondante disponibilità idrica.

    In base alla descrizione fatta sulle Azalee del Suo balcone, il quadro patologico di sofferenza è riconducible ad un tipico difetto di mantenimento dell'acidità in suolo.

    Il terriccio, anche se inizialmente indicato per le "acidofile"nel tempo può degradare può facilmente a causa delle acque dure o calcaree utilizzate per le annaffiature.

    La sintomatologia tipica che si presenta è quella di ingiallimenti sulle foglie che possono degenerare con disseccamenti e perdita di foglie. La fioritura può essere incompleta o del tutto assente e nei casi più gravi la pianta deperisce totalmente.

    Pertanto se come temiamo le acque della Sua zona sono particolarmente calcaree, l'unico sistema oltre a quello di utilizzare acqua piovana, è quello di rinnovare annualmente il substrato con prodotti di comprovata specificità per acidofile, e soprattutto fare fertilizzazioni con concimi fisiologicamente acidi per non vanificare il tutto. Si consigliano potature dopo la fioritura per infoltire la chioma.

    Fonte/i: io ce lo bellissima segui questi pccoli consigli
  • 1 decennio fa

    da quanto tempo è interrata? Tieni presente che ogni tanto bisogna acidificare il terreno con un prodotto apposito. Comunque in inverno un po di foglie cadono. Controlla non ci siamo parassiti nella pagina inferiore delle foglie

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.