Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Il Natale, perché i cristiani lo festeggiano?

Prima di arrivare alla domanda, partiamo da alcune citazioni:

Natale: http://it.wikipedia.org/wiki/Natale

Nel calendario romano il termine Natalis veniva impiegato per molte festività, come il Natalis Romae (21 aprile) che commemorava la nascita dell'Urbe, e il Dies Natalis Solis Invicti la festa dedicata alla nascita del Sole (Mitra), anch'essa il 25 dicembre, introdotta da Aureliano nel 273 d.C., soppiantata progressivamente durante il III secolo dalla ricorrenza cristiana. Il processo attraverso il quale il 25 dicembre divenne la ricorrenza della nascita di Gesù per tutta la cristianità, incominciò solo nel III secolo e durò fino al successivo e differì temporalmente secondo le diocesi.

Data di nascita di Gesù: http://it.wikipedia.org/wiki/Data_di_nascita_di_Ge...

La data di nascita di Gesù non è esplicitamente riportata né dai Vangeli, le principali fonti storiche su Gesù, né dalle altre fonti extra-cristiane.

Yule festa pagana: http://it.wikipedia.org/wiki/Yule

Nella tradizione germanica precristiana, Yule era la festa del solstizio d'inverno. Nel neopaganesimo, soprattutto germanico odierno rappresenta uno degli otto giorni solari, o sabbat; viene celebrata intorno al 21 dicembre... Yule è anche un termine arcaico per il Natale.

Quando i missionari iniziarono la conversione dei popoli germanici, adattarono alla tradizione cristiana molti simboli e feste locali (fu lo stesso Gregorio Magno, tra gli altri, a suggerire apertamente questo approccio alle gerarchie ecclesiastiche). La festa di Yule venne quindi trasformata nel Natale, mantenendo però alcune delle sue tradizioni originarie. Fra i simboli moderni del Natale che parrebbero derivare da Yule compare, fra l'altro, l'uso decorativo del vischio e dell'agrifoglio. Così come gli alberi da frutta, anche i sempreverdi sono un elemento fondamentale delle celebrazioni del solstizio invernale. L'albero sempreverde, che mantiene le sue foglie tutto l'anno, è un ovvio simbolo della persistenza della vita anche attraverso il freddo e l'oscurità dell'inverno. La birra e il pane venivano offerti agli alberi in Scandinavia. L'albero di Yule rappresentava la fortuna per una famiglia così come un simbolo della fertilità dell'anno che sarebbe arrivato.

Albero di Natale: http://it.wikipedia.org/wiki/Albero_di_Natale

L'immagine dell'albero (specialmente sempreverde) come simbolo del rinnovarsi della vita è un tradizionale tema pagano, presente sia nel mondo antico che medioevale e, probabilmente, in seguito assimilato dal Cristianesimo.

Presepe: http://it.wikipedia.org/wiki/Presepe

Per comprendere il significato originario del presepe, occorre chiarire la figura del lari (lares familiares), profondamente radicata nella cultura etrusca e latina.I larii erano gli antenati defunti che, secondo le tradizioni romane, vegliavano sul buon andamento della famiglia. Ogni antenato veniva rappresentato con una statuetta, di terracotta o di cera, chiamata sigillum.Le statuette venivano collocate in apposite nicchie e, in particolari occasioni, onorate con l'accensione di una fiammella.In prossimità del Natale si svolgeva la festa detta Sigillaria (20 dicembre), durante la quale i parenti si scambiavano in dono i sigilla dei familiari defunti durante l'anno. Essendo una tradizione molto antica e particolarmente sentita (perché rivolta al ricordo dei familiari defunti), il presepe sopravvisse nella cultura rurale con il significato originario almeno fino al XV secolo e, in alcune regioni italiane, ben oltre.

Babbo Natale: http://it.wikipedia.org/wiki/Babbo_Natale

Prima della conversione al cristianesimo, il folklore tedesco narrava che il dio Odino (Wodan) ogni anno tenesse una grande battuta di caccia nel periodo del solstizio invernale (Yule), accompagnato dagli altri dei e dai guerrieri caduti.La tradizione voleva che i bambini lasciassero i propri stivali nei pressi del caminetto, riempiendoli di carote, paglia o zucchero per sfamare il cavallo volante del dio, Sleipnir. In cambio, Odino avrebbe sostituito il cibo con regali o dolciumi. Questa pratica è sopravvissuta in Belgio e Paesi Bassi anche in epoca cristiana, associata alla figura di San Nicola.

Befana: http://it.wikipedia.org/wiki/Befana

La festa della Befana deriverebbe da antichi elementi folclorici pre-cristiani, recepiti ed adattati dalla tradizione cristiana.L'origine di questa figura è probabilmente da connettere a tradizioni agrarie pagane relative all'inizio dell'anno.

Inoltre le candele rosse, il vischio, lo scambio di doni, il banchettare durante la vigilia sono tutte tradizioni pagane. Appurato tutto ciò, qualcuno mi spiega perché lo festeggiate? Solo perché nel 325dc per agevolare l'espandersi del Cristianesimo venne deciso di impadronirsi di festività e celebrazioni già esistenti? Festeggiare la nascita di Cristo direte, certo... Ma se io sono nato ipoteticamente il 3 marzo non vedo perché debba festeggiare il 25 dicembre.

23 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Tutto quello che hai scritto è reale, quasi tutte le feste cattoliche, a parte forse l'immacolata concezione, hanno origini pagane, questo è triste per due ragioni:

    La prima ragione deriva dal fatto che il paganesimo e oggi il neopaganesimo viene considerato dalla maggior parte dei cattolici e dalla chiesa una religione satanica, però gli stessi cattolici non hanno problemi ad assorbire le tradizioni pagane.

    La seconda è che i cattolici si fanno forti del fatto che la loro storia dura da 2000 anni e non hanno una festività autentica, a parte l'8 dicembre che però non ha fondamenti biblici.

    Per quanto mi riguarda, visto che nonostante la laicità del nostro stato, le festività cattoliche sono le uniche che sono considerate festività nazionali, il loro festeggiamento da parte dei cattolici mi torna utile, non mi piacerebbe dover andare a lavorare nel periodo di Yule.

    Per GNTID: NEANCHE LA PASQUA è EUNA FESTIVITA' CRISTIANA (Vedi Ostara)

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ostara

    Fonte/i: Wiccan
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Bravo, ottima domanda... purtroppo ormai è "tradizione", bah.

    PS: Ti PREGO, postala anche nella sezione "Festività > Natale".

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    ormai il natale nn si festeggia piu per gesu e diventato solo un modo per divertisi nn andare a lavora a scuola settimana bianca solo e puro divertimento artro ke gesu

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Domanda: "Solo perché nel 325dc per agevolare l'espandersi del Cristianesimo venne deciso di impadronirsi di festività e celebrazioni già esistenti?"

    Risposta: sì. E per abbuffarsi e spendere tanti soldi...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    per mangiare..........

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    La risposta sta nei dettagli della tua domanda. I cristiani festeggiano il Natale perche' sono discendenti di pagani convertiti, passati al cristianesimo pur mantenendo feste e tradizioni precedenti.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    è solo una cosa commerciale

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Che dire, perfetto, hai fatto una ricerca storicamente accurata che non dovrebbe lasciare spazio al minimo dubbio.... invece ti prendi su dell'ignorante.... robe da matti, i cristiani sono degli alpinisti eccezionali, come si arrampicano loro sugli specchi nessuno lo fa...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Per santificare Babbo Natale... Almeno lui in giro si vede e qualke regalo te lo porta...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    La vera data di nascita di Gesu é celata in questi versetti: Luca 1/39: <<39 In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. >> E Luca 2/6-8: << 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo figlio primogenito, C'erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge >>.

    Il greggie non rimane in montagna sino al 25/12 c'é il ghiaccio e non c'é erba . Invece cio succede in prima vera estate.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.