Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Urgentissimooooooo!10 punti al miglioreeeee?

Sto da mezz'ora e proprio non riesco a fare questo tema!!Non mi vengono proprio idee e domani la prof corregge il tema e lo vuole perfetto!!

La traccia è questa: come si caratterizza la solidarietà della nostra società??Chi mi aiuta????????????10 punti al migliore ovviamente!

1 risposta

Classificazione
  • Risposta preferita

    Benessere diffuso, necessità di recuperare i valori di solidarietà e convivenza, differenze sociali ed economiche.

    Svolgimento

    Un paese è benestante in virtù della propria economia e della propria tecnologia, questo produce benessere. E’ molto difficile quantificare il benessere di un paese e la maggior parte degli indici economici attualmente utilizzati, come il PIL, non tengono conto di molti aspetti. L’Italia è da sempre considerata meta di benessere economico da coloro che migrano dai loro paesi per sfuggire alla povertà e per cercare migliori condizioni di vita. La trasformazione della nostra società in realtà multietnica genera molte resistenze. Vivere, lavorare e stare a contatto con diverse etnie è difficile. Molto spesso il fenomeno dell’immigrazione è un tema associato a quello della delinquenza e della criminalità. Persone dunque che credevano in tanti ideali come la possibilità di una società multirazziale, nell’integrazione fra popoli e culture, si ritrovano ad avere paura. Dalla paura e dalla diffidenza scaturisce anche una perdita di tutti quei valori di cui bisogna credere. Negli ultimi tempi si parla spesso e con ragione di perdita dei valori, di spirito nichilistico e aumento dell’intolleranza verso la diversità. Dunque il nostro intento è quello di rimettere la solidarietà al centro della società e della politica, del rapporto tra cittadini ed istituzioni, tra popoli e culture. La solidarietà è quella che in comunità garantisce la promozione dell’uguaglianza e della giustizia, della partecipazione democratica dei cittadini e dei popoli, nel rispetto dei diritti e dei doveri di ciascuno. Solidarietà è rifiuto dell’indifferenza, della passività, dell’isolamento, dell’egoismo. Non c’è solidarietà senza giustizia, riconoscimento dei diritti, eguaglianza, pace. Non c’è solidarietà senza impegno costante rivolto alla trasformazione sociale ed economica, allo sviluppo e crescita dato dal lavoro collettivo. Il miraggio di una vita migliore ha fatto si che lavoratori stranieri migrassero con la speranza di un lavoro e di un benessere economico. A tutto si aggiunge la grande differenza di chi vive un discreto benessere e che tutti i giorni lotta per non oltrepassare la soglia della povertà, e chi invece dentro la povertà ci sta da tempo e non intravede nulla di nuovo per il futuro. Il nostro paese vive un imbarazzante differenza tra nord e sud che invece di diminuire, aumenta. Negli ultimi venti anni le disuguaglianze della nostra società sono aumentate in maniera smisurata. La ricchezza prodotta non è distribuita in modo equo e ciò contribuisce ad ingigantire il divario già esistente. Questo divario economico e sociale deve ridursi, per far si che ogni uomo, indipendentemente dalla sua posizione sociale e dalla sua provenienza debba essere considerato alla pari degli uomini ricchi, solo così una società può progredire nello sviluppo.

    ----------------------------------

    Un mondo di solidarietà!

    La solidarietà è una creazione dell’essere umano, quest’essere imperfetto, spesse volte egoista, che però sa vestirsi anche d’altruismo nell’intento più alto e importante del termine, il sapersi concedere agli altri, magari anche attraverso opere materiali nel bene di una collettività. Cosa significa essere solidali? La natura di questa parola prevede un concetto basilare la condivisione che siano poi idee,

    propositi e responsabilità sono queste tante sfaccettature l’elemento

    che caratterizza questa parola rivestita sempre da un alone di positività morale. La solidarietà può essere quella cristiana, che ha portato alla nascita in molte parti del mondo di missioni umanitarie, quella indicata dal senso di pura fratellanza di concedere

    qualcosa al mio fratello per il semplice sentimento di fare del bene. La solidarietà è anche quella dei più giovani, di chi per semplice amicizia, magari come capita fra i compagni di scuola serve ad aiutarsi nei compiti, a risolvere un problema, a superare un momento d’infelicità.

    La solidarietà è condividere un’idea, magari un progetto difficile,

    impossibile da realizzare impegnarsi a fondo senza risparmiarsi per

    ottenere un obiettivo ritenuto utile per una comunità. La solidarietà qualche volta è anche un palliativo, un sistema per mitigare i sensi di colpa nei confronti di società e comunità intere che vivono situazioni d’estremo disagio, dove malattie e fame sono problemi quotidiani.

    La solidarietà è anche quella catena d’aiuti umanitari, che spesso

    s’innesca fra gli stati in aiuto di quelle popolazioni colpite da disastri

    naturali per cercare di risollevare le sorti di una popolazione, ma una volta cessata la prima preoccupazione rimane solo un cumulo di materiali senza scopo. La solidarietà è tante cose messe insieme, spetta poi ad ogni singolo individuo dargli la definizione che più gradisce.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.