Siberian_Husky ha chiesto in Animali da compagniaGatti · 1 decennio fa

Per tutti coloro che sterilizzano un gatto e magari gli tagliano pure le unghie altrimenti vengono graffiati?

Non sarebbe meglio comprarsi un peluche?così non sporca nemmeno per casa -.- La domanda nasce dal fatto che vedo numerosi spolliciamenti in giù per chi è dell'opinione di non far sterilizzare gli animali. Buona giornata a tutti

Aggiornamento:

personalmente non ho intenzione di mettere pollici in giù..quindi se li trovate mi dispiace, ma non cercate me

Aggiornamento 2:

rispondo a §bambolina§

grazie per avermi dato del superficiale ed ignorante, anche se in realtà non lo sono affatto...La domanda che ho posto è solo frutto di una serie di discussioni ed ha un tono volutamente polemico. Riconosco che nel momento che l'ho scritta, vuoi per uno stato d'animo agitato o per altre ragioni, mi sono espresso in maniera un po' "astrusa".Il concetto che intendevo io non è che sono completamente contrario alla sterilizzazione o magari a quello che è il taglio delle unghie, ma che sono contrario quando avviene per motivi futili(se mi permettete il termine). Spesso si pensa al fatto di tagliare le unghie al gatto non perchè può causargli problemi, ma SOLO perchè ti graffia, oppure si decide di sterilizzare la gatta solo perchè così si pensa diventerà più calma e meno dispettosa..in tal senso agarcioccolato è riuscito non so come a prendere il giusto significato delle mie parole ed è per tale motivo che ho avanzato l'ipotesi di prendersi un bel peluche...

Aggiornamento 3:

Per la cronaca la persona superficiale ed ignorante ha una gatta di 10 anni non sterilizzata (perchè madre di altri splendidi gatti), a cui non ho mai dovuto tagliare le unghie pur vivendo in casa (non ha avuto bisogno dato che si è sempre ben curata da sè per il momento), che ha un carattere magnifico, "è buona come il pane" (pur giocando spesso con lei non ha mai graffiato nessuno e al max può far finta di morderti, perchè non ha mai affondato un vero morso nelle mie mani o nelle mani di qualsiasi altra persona) ed alla quale voglio un sacco di bene, tanto da considerarla come una sorella...

Vedete bene dunque come ci si può sbagliare nel giudicare le persone...

15 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    ciao..ti scrivo da gattofila convinta, addirittura mi reputo una "gattara"....

    amo tutti gli animali ma per i gatti ho quasi una venerazione

    ne ho tre domestici che vivono in casa ( e ai quali fa schifo anche solo uscire in terrazza) altri quattro cinque sei semidomestici che vivono in terrazza ( e anche sui tetti dei palazzi vicini e nel cortile e nel giardino ...insomma dove vogliono) ai quali fornisco regolarmente cibo cure veterinarie riparo dalle intemperie e quando si degnano di farmi il favore anche carezze....

    inoltre mi occupo di una piccola colonia felina del mio quartiere, dove porto regolarmente cibo e mi assicuro che siano in buona salute e nn abbiano subito incidenti , se cosi' nn fosse mi adopero per le cure veterinarie

    orbene, detto questo ti devo dare una terribile notizia...sono tutti sterilizzati, maschi e femmine ( tra l'altro quasi tutti a mie spese escluso un piccolo contributo ASL per la colonia felina) , inoltre a quelli di casa taglio le unghie...

    tagliare le unghie ai gatti domestici e' spesso una necessita', ma nn per me, ma per il gatto stesso....e mi spiego: un gatto domestico cammina poco nn si arrampica piu' di tanto, nn deve farsi le unghie( cioe' marcare il territorio in competizione con nuovi arrivati) quindi le sue unghie crescono piu' di quello che si consumano, si possono piegare, rimanere fuori dagli " astucci" preposti a contenerle e fare male al gatto stesso...quindi gliele taglio esattamente come taglio le mie unghie quando sono troppo lunghe..nn provano dolore ( a meno che nn gliele tagli oltre l'unghia bianca)

    se invece ti riferisci all'asportazione chirurgica delle unghie ( pratica tra l'altro vietata in Italia, ma molto usata negli stati uniti, dove si arriva anche all'asportazione delle corde vocali sia per i cani che per i gatti)

    sono allora d'accordo con te , e' una barbarie e come tale va condannata....

    per quello che riguarda la sterilizzazione per i gatti domestici e' una necessita' a meno che nn hai un allevamento di gatti di razza, io con i miei europei ogni 3 4 mesi mi ritroverei a gestire miriadi di gattini che nessuno vuole nemmeno in regalo e che io certo nn posso mantenere...allora secondo te cosa dovrei fare ? buttarli in mezzo ad una strada con i loro genitori? capisci che e' vergognoso ?

    per i miei gatti che vivono semidomestici li ho dovuti sterilizzare per evitare che moltiplicandosi i condomini e vicini di casa si lamentassero troppo, obbligandomi a allontanare i gatti stessi o rischiando che qualcuno me li eliminasse in varie maniere

    per la colonia felina e' quasi un obbligo di legge in quanto la colonia deve rimanere nel luogo dove vive ma va contenuta in maniera incruenta, cioe' sterilizzando i mici man mano che raggiungono la maturita' sessuale, in caso la colonia proliferasse troppo, ci sarebbero problemi di gestione e di igiene e qualche benpensante magari prvvederebbe di persona a eliminarne una parte

    per cui come vedi nella tua domanda c'e' un tono polemico che nn dovrebbe sussistere...forse dovresti provare ad occuparti personalmente di un po' di gatti e forse il tuo tono cambierebbe...

    detto questo sono comunque felice del fatto che pur in maniera un po' donchisciottesca hai alzato una voce in difesa dei gatti

    ciao e buon natale

  • Anonimo
    1 decennio fa

    PIUTTOSTO CHE VEDERE GATTI E GATTINI ABBANDONATI PER STRADA O ANCORA PEGGIO AI BORDI DI UNA STRADA UCCISI DA UNA MACCHINA PREFERISCO SAPERLI CASTRATI E SENZA UNGHIE IN UNA CASA ACCOGLIENTE CON CIBO E COCCOLE A VOLONTà.

  • 1 decennio fa

    quest'idea che il gatto dev'essere "naturale" è una grandissima ipocrisia

    lo prendiamo in casa al caldo, lo nutriamo con cibi superselezionati, gli regaliamo giocattoli e graffiatoi, lo curiamo con medicine e tecniche veterinarie moderne, insomma gli offriamo uno stile di vita completamente diverso da quello che hanormalmente un gatto in natura ...e poi facciamo la scenetta...."no il gatto non lo devi sterilizzare perchè se è nato così c'è un motivo..no le unghie non vanno tagliate perchè se la natura glie le ha messe non vanno toccate.." e simili

    e poi magari non lo facciamo accoppiare perchè poi arrivano troppi cuccioli oppure, peggio, lo lasciamo trom.bare libero aumentando il randagismo, per non parlare dei gattini che vengono investiti o abbandonati da chi predica l'intoccabilità delle gonadi

    MA DAI SIATE COERENTI E RESPONSABILI e ammettete che in certe condizioni la sterilizzazione è accettabile e allunga pure la vita dell'animale e il taglio delle unghie (le punte....non tutta) se il gatto è casalingo e non deve lottare, è innocuo

  • 1 decennio fa

    Sicuramente sterilizzare o castrare il proprio animale potrebbe sembrare contro natura ma cosa fai se non puoi tenere i cuccioli? Allora sarebbe meglio buttarli o peggio ancora abbandonarli?

    Non ci sono alternative: o lo sterilizzi o lo fai accoppiare...

    Non puoi tenere un animale in calore senza farlo accoppiare perchè si ammala... La mia gatta l'ho sterilizzata tardissimo e per questo le è nata una grossa cisti. Ora sta benone... Bisogna valutare bene...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • TaTa
    Lv 5
    1 decennio fa

    Il tuo è un discorso insensato. E' facile attaccarsi al discorso che "non è naturale sterilizzare gli animali domestici", beh, se la mettiamo sotto questo punto di vista non è nemmeno naturale segregare in casa animali che in natura erano selvatici. Trovo sia molto più innaturale costringere il gatto/cane a stare chiuso in casa durante il calore, sottoponendolo a uno stress pesantissimo per l'impossibilità di accoppiarsi, e trovo sia da irresponsabili e da ignoranti permettergli di uscire e di ingravidare le femmine fregandosene di tutti i cuccioli che metterà al mondo e che inevitabilmente finiranno per strada, non voluti da nessuno.

    Se fosse per gente come te, il randagismo sarebbe arrivato a livelli intollerabili. C'è già pieno il mondo di animali nei canili e nelle strade che nessuno vuole e che muoiono in solitudine, che senso ha farne nascere altri sapendo già in precedenza che seguiranno la stessa strada?? La sterilizzazione è un atto di responsabilità verso tutte quelle anime innocenti che patiscono ogni giorno le pene dell'inferno per colpa degli esseri umani ignoranti e superficiali come te.

    E per il discorso delle unghie : se il gatto non si accorcia le unghie da solo, gli crescono fino ad incarnirsi perchè mentre in natura vengono usate per arrampicarsi e cacciare per cui le consumano, in casa crescono troppo e se non vengono spuntate dai padroni si infettano!!!

    Se queste cose non le sai è meglio che ti informi prima di parlare!!!!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    anch'io taglio le unghie ai miei gatti ..cosa vuol dire ?

    anch'io ho tanti gatti e ho una colonia di gatti randagi .. certo non vado a tagliare le unghie a quelli che stanno sempre fuori .. le taglio ai miei che ho in casa e che ho addosso tutto il giorno e la notte.. specialmente il piccolo mi si arrampica e vuole giocare .. ho le gambe e braccia tutte graffiate .. ma non tratto i gatti come peluche ..anzi ..

    concordo pienamente con megaego ..

  • 1 decennio fa

    Quando ho castrato il mio gatto l'ho fatto non perché non volevo ke avesse cuccioli ma perché tenendolo in appartamento non avrebbe comunque avuto modo di entrare in contatto con altri gatti e poi soprattutto perché aveva iniziato a seminare il territorio facendo pipì per tutta la casa,divano compreso.Inoltre era sempre abbattuto,triste perché comunque non poteva avere una gattina.Miagolava in continuazione facendo dei miagolii ke ti spezzavano il cuore.E' vero forse è una cosa crudele però se lo tieni in appartamento è l'unica soluzione.Le unghie venivano tagliate,non perché graffiasse mobili o persone (fortunatamente era talmente buono e non ha mai tirato fuori le unghie a nessuno) ma perché quando ce le aveva lunghe scivolava sul pavimento e quando lo prendevamo in braccio si agganciava ai nostri abiti.E' stato trattato come una persona di famiglia fino alla sua morte e non mi sono mai pentita di aver preso lui al posto di un peluche

  • 1 decennio fa

    Sai quale sarebbe una cosa cattiva? Non tagliare la puntina bianca delle unghie ad un gatto che vive esclusivamente in casa... il massimo che può andare è in terrazza, e sai perché? Perchè le unghie crescono e potrebbero arrivare a conficcarsi nei loro polpastrelli mentre camminano per casa.

    Vorrei farti vedere le mie mani che nonostante gli taglio la puntina bianca, sono tutte graffiate perché giochiamo tantissimo eppure non me ne frega nulla come non m'importerebbe se graffiasse mobili o divani. Ha anche il suo tiragraffi, quindi la mia coscienza è a posto, so di farle un favore dal momento che è un GATTO CHE VIVE ESCLUSIVAMENTE IN CASA che non deve difendersi da niente e nessuno e non deve andare a caccia. E cmq sia, il mio veterinario è daccordo e questo mi basta.

    Ora puoi spolliciare in giù finché ti pare che a me non importa nulla perché la mia gatta gode di ottima salute, è trattata meglio di un essere umano e soprattutto è felice.

  • 1 decennio fa

    Caro Siberian purtroppo non mi trovi molto d'accordo con ciò che tu dici.

    La sterilizzazione non la vedo come un mezzo per evitare problemi con il gatto. Se questo fosse l'unica motivazione per eseguire una sterilizzazione allora ti darei pienamente ragione.

    Invece io vedo questo intervento chirurgico come un modo responsabile di evitare nuove nascite e controllare perciò il randagismo (quanti gatti scappano "per amore" e tornano, se tornano, gravidi o dopo aver ingravidato?)

    Inoltre è un mezzo di prevenzione di diverse malattie (es. neoplarie mammarie, piometra, ecc... per non parlare della maggiore probabilità di contrarre malattie infettive trasmissibili durante una delle "scappatelle" per i gatti non sterilizzati)

    La sterilizzazione perciò, per queste motivazioni, la trovo utile e, in certi casi, indispensabile in entrambi i sessi.

    Sono invece d'accordo con te nel non approvare coloro che trattano i propri beniamini come peluche snaturando il loro comportamento solo per adattarlo alle proprie esigenze.

    Ciao!

  • 1 decennio fa

    no però se mi devo tenere in casa un gatto che miagola tutta la notte perchè è in calore, o un maschio che mi segna il territorio sui divani..scusa ma lo sterilizzo..e poi i cuccioli a chi li dai? non tutti possono permettersi di mantenere milioni di gatti...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.