Coltello kukri simbolo del soldato Gurkha. Tu marzialista, con questa strana lama ricurva di 30cm che pensi..?

Pensi sia un vezzo estetico, oppure c'è una ragione reale?

p/s il primo che lo indovina si becca i 10 punti..potresti indovinare anche se nn hai mai fatto coltello, ma devi almeno avere una componente marziale...

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://www.c...

Aggiornamento:

@L'ultimo Samurai...eh eh ..ci sei andato vicino..prova a pensarlo come un Tantò..la lunghezza è quella no? ;o)

Aggiornamento 2:

@Master..nn esistono lame di lunghezza predefinita nel Tantò ma essa dipende dalla lunghezza dell'avambraccio. Così come nn esiste una lunghezza predefinita nel JO essa dipende dalla altezza da terra della tua ascella...era solo per precisare :o))

9 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    E' un'arma che mi piace molto, non la conoscevo prima di un viaggio fatto a Singapore 3 anni fa e devo dire che fa una certa impressione addosso a un agente Gurkha. Come molte armi non nasce per uso bellico ma come attrezzo multiuso, anche il suo design è la fusione tra un coltello e un 'ascia e lo rende adatto per una moltitudine di scopi, come ad esempio il taglio dei rami. In ambito marziale, il peso concentrato sulla punta dell'arma la rende incredibilmente letale quando calata sull'avversario, dato che tra l'altro sono lame estremamente affilate. Si rende particolarmente versatile per la decapitazione, dato che la sua forma aggredisce la carne in maniera molto efficace.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • auri
    Lv 6
    1 decennio fa

    io penso che, qualunque lama, non è mai per caso o per abbellimento.. non è che mi sto mettendo addosso una minigonna inguinale perchè ho voglia che si girino a guardarmi... UNA LAMA, NON E' PER CASO (.... e sarebbe pure un bello slogan .... )... non mi intendo di questa lama, ma sembrerebbe che abbia la stessa tecnica di taglio di una katana...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Non so ma da quel che vedo deve affettare molto bene.

    Me lo presteresti che non riesco a sminuzzare per bene queste foglie di the e non vorrei sporcare il mio tanto, ci sono affezzionato.

    A parte gli scherzi é un arma molto pericolosa e versatile, in mani esperte, non ne esci vivo.

    Sayonara

    Fonte/i: Yoshimitsu Satou
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    No nn è per niente un vezzo estetico...

    anzi..

    è molto pratico è potente...

    prova a pensare al film "Resident Evil 3 Extintion" ;-)

    e cmq un Kukri è più lungo di un Tanto...è 40 cm...mentre un Tanto è di 30... :-P

    http://www.vivacinema.it/img/resident_evil_3_25090...

    ;-)

    Ualter diciamo ke hai ragione ma in generale la lunghezza è quella...

    la "regola" che hai detto tu vale per i Nunchaku...

    Ukon e Sakon devono essere della lunghezza dell'avambraccio dell'atleta mentre la Himo ovvero la corda o la catena ke li unisce dev'essere lunga quanto la larghezza del palmo della mano dell'atleta...

    altrimenti sarebbe impreciso e difficile il controllo..

    anke se la storia ci insegna ke i più esperti se ne fregavano altamente...tipo Bruce Lee ^__^

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Di coltelli non ne so molto, ma ricorda certi falcetti utilizzati per il lavoro nei campi... Non è magari un'arma derivata da un attrezzo da lavoro? (come ad esempio, falce, roncola, ecc)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    quoto gli omini neri sopra di me, hanno ragione da vendere

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    mah... io l'unica cosa che so è che in molte civiltà, fino dai tempi più atichi, era uso comune incidere le lame con simboli; di solito fallici, o figure hard, anche in coppia...perché era comune credenza che tali simboli allontanassero le disgrazie dal possessore della lama...

    altro però nun me viene in mente...

    saluti

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    no,non è un vezzo prp x nulla.

    sono stato in nepal l'anno scorso e ho kiesto.

    mi han detto ke la forma e il baricentro spostato in avanti ne aumenta la forza di taglio x inerzia rendendolo un'ottimo machete x il taglio di arbusti o cmq un'ottimo utensile.

    qst xkè la sua forma e il posizionamento del peso fanno si ke l'efficacia del taglio sia pari a un utensile di maggior peso e ingombro.qndi in buona sostanza è così fatto x economia di spazio e energia nel porto e nell'utilizzo.ke a 5000 mt anke un etto fa la sua differenza....

    l'efficacia bellica è venuta dopo,il fatto ke controlli molto bene altre armi,il fatto ke un colpo benkè parato data la forma del coltello,potrebbe cmq causare danni al nemico sono risvolti inaspettati x qnt piacevoli.

    Fonte/i: coso li..come si kiamava... beh non me lo ricordo benkè mi abbia portato in giro x 2 settimane. io lo chiamavo skizzetto,dopo 11 ore di cammino mi disse ke non era stanco.se avessi avuto ancora un briciolo di forza l'arei strozzato....
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Sembra molto temibile; mi dà l'impressione, per la sua forma e angolazione di permettere a degli attacchi lineari una triettoria circolare...una sorta di artiglio di tigre incorporato. Non l'ho mai visto e non so se quello che ho immaginato abbia senso, mi piacerebbe vedere come lo impugnano e comunque non vorrei far arrabbiare qualcuno che lo sa usare

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.