Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 decennio fa

Perchè i ristoranti, oltre alla sala fumatori, non fanno anche la sala famiglie con bambini?

Sono reduce da una cena in cui mi son trovata accanto la classica famigliola con bambini. Uno piccolo, che ha pianto per 3 volte, e ogni volta per diversi minuti, e uno più grandicello, che si alzava in continuazione dal tavolo e giocava urlando con i suoi Gormiti. i genitori facevano quel che potevano, ma...quando si hanno dei bambini piccoli, non sarebbe meglio evitare i ristoranti, dove ci sono persone adulte che magari alla fine di una settimana di lavoro cercano un po' di relax? Anche per i bambini: un bambino non ce la fa a stare fermo e buono per ore, lasciateli ai nonni o portateli in un posto più alla buona, no?

Aggiornamento:

Parlo di un locale di livello medio-alto, da 40€ a testa per capirsi

Aggiornamento 2:

Gaspy, condivido...ai miei tempi il buon comportamento in pubblico era una delle prime cose che i genitori ci insegnavano.

Aggiornamento 3:

Zia Molly...UUUHHH! Non me ne parlare!

Aggiornamento 4:

Sand, hai centrato il problema a quanto vedo...eheheh

18 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    ahia! vedrai che strali.... figurati tocchi un argomento delicatissimo... l'incapacità dei nostri coetanei di eessere autorevoli con i propri figli..

    piuttosto di ammettere che son dei genitori incompetenti dal punto di vista educativo, vedrai che te ne diranno di cotte e crude..

    Capisco che i bimbi non nascono con il famoso libretto delle istruzioni, ma alcuni genitori, sfornano figli, e non han voglia di "perdere tempo ad educarli", perchè ci vuole tanta pazienza e fatica...

    ribadisco onde evitare polemiche.... alcuni genitori!

    -----------

    te l'avevo detto!......

    per fortuna ho specificato alcuni.

    mi sembrano molto più intolleranti ed offensivi qui certi genitori , piuttosto che, chi ha postato la domanda....

    voi non potete sapere se chi ha postato la domanda è genitore o meno, essere genitore non significa avere l'illuminazione per l'educazione dei figli, diamine siate voi più tranquilli, come mai vi sentiti tutti così offesi, cannella ha fatto solo un osservazione, si può non essere d'accordo, ma visto che comunque l'ha fatta educatamente, siate anche voi educati e smorzate i toni! senza augurare nulla e senza offendere, che qui mi pare che nessuno ha offeso la categoria "genitori".

    ve lo dice una che adora i bambini e non vi dice se è, o è stata mamma, per esprimere un opinione!

    ------------------

    yeeshava, ho premesso "alcuni genitori..."

    tu non sei stata offensiva, hai espresso il tuo punto di vista educatamente.. ma alcuni lo han fatto con un diverso "stile"...

    nessun orgoglio nel prevedere il putiferio, così è...

    penso di essere stata chiara e realistica, e non offensiva..

    I miei punti di visti sono basati anche per me sull'esperienza,e non sono d'accordo nel ghettizzare i bimbi..ho molta esperienza con loro, assolutamente no...

    ma certi genitori, ripeto certi.. forse si.

    ciao :-)

  • 1 decennio fa

    Senti....

    Già ad essere genitori cambiano un sacco di cose, già si fanno per forza di cose la metà delle cose che si facevano prima....

    Già è un trauma per noi stessi decidere di uscire sapendo che i bimbi magari bisticceranno, e che in ogni caso non potremo consumare la cena in santa pace perchè c'è quello da imboccare, quello da tenere d'occhio, quello a cui tagliare la carne e quello che deve fare pipì ogni due minuti....

    E se già enormemente consapevoli di tutto questo decidiamo comunque di uscire, perchè ne abbiamo voglia, perchè fa bene, e perchè fino a prova contraria NE ABBIAMO DIRITTO come tutti.....

    ...dobbiamo anche preoccuparci dei senza-figli-intolleranti-"adulti" che vorrebbero i nostri figli in un recinto insonorizzato?

    No, scusate, non credo proprio....

    Primo, piantiamola con questa solfa dei nonni, perchè è il caso che vi mettiate in testa che non è una regola fissa, NON TUTTI hanno i nonni baby sitter.

    Secondo, mi rifiuto di vedere i bambini considerati alla stregua dei cani, "voi in questo locale non potete entrare".

    E' vero che i bambini si stancano a stare troppo fermi in un posto e possono diventare noiosi, ed è anche vero che molti genitori sono troppo permissivi, ma.....arrivare alla discriminazione?

    Anche i genitori magari arrivano alla fine di una settimana di lavoro e vogliono fare qualcosa per svagarsi, mica solo le coppiette senza prole.

    Sala fumatori e sala bambini, ma che scherziamo?

    Ne riparleremo quando anche tu avrai la "classica famigliola" e avrai speso tempo e fatica per educare i tuoi figli su come comportarsi in pubblico.....e magari ripensa a questa tua bella proposta, vediamo se ti sembrerà altrettanto appetibile.

    PS: quando abitavo a Londra, feci per entrare con il passeggino in un wine-bar e cafè piuttosto "in", quando la mia amica mi indicò un cartello con su scritto "no kids and babies".

    Mi sono sentita alla stregua dei neri quando non potevano entrare nei locali frequentati dai bianchi.

    Non è stato affatto simpatico.

    -------------------------------------------------

    Sand, dato che io non ritengo la mia risposta intollerante ed offensiva, mi sento in diritto di dirti che non capisco il tuo orgoglio nell'aver "previsto" la difesa delle nostre posizioni da parte di noi genitori.....non hai fatto altro che prevedere l'ovvio, mi pare normalissimo che ad una domanda di questo tipo risponda soprattutto chi si sente attaccato.

    Forse, dovevamo astenerci dal rispondere?

    Nella mia opinione, chi posta le domande solo per specchiare il proprio punto di vista nelle risposte altrui, manca completamente il bersaglio, che è quello del confronto. E qui confronto è stato offerto.

    Oltrettutto, anche la tua risposta presenta dei preconcetti....."l'incapacità di essere autorevoli"...."genitori incompetenti".....e chi te lo ha detto, scusa? E' una legge universale? Uno può essere anche un genitore con il pugno di ferro, ed avere comunque un bambino che si imbizzarrisce al ristorante perchè è stanco ed annoiato.

    Poi qui è stato messo sotto processo addirittura IL PIANTO di quelli molto piccoli......cioè il loro UNICO mezzo di comunicazione. Mi spiego?

    E' vero, nessuno di noi può sapere se la richiedente abbia figli o no....ma ti assicuro che chi ha figli non ha posizioni così settarie in merito, perchè si avvale di "comprensione" dovuta al proprio ruolo....tutti i genitori condividono le stesse esperienze.

    E non è affatto bello vedere una domanda dove ci si auspica che i bimbi vengano "ghettizzati" o "parcheggiati altrove" (perchè è questo il succo, poche chiacchiere) per il loro essere bambini......cioè, piccole persone, non dimentichiamocelo.

    Ed il tutto per non dare fastidio agli "adulti che hanno diritto al loro relax".

    Ecco, se questa è una posizione di una che ha figli, allora io sono Maria Antonietta di Francia.

    Dal canto mio posso dirti che al ristorante mi danno meno noia i bimbi capricciosi che quelle persone, genitori o meno, che hanno il cellulare che squilla loro ogni tre secondi a volume insopportabile e parlano al telefono con un tono di voce tale che non possono fare a meno di ascoltare nemmeno i cuochi che stanno friggendo i calamari in cucina....

    Ognuno ha le proprie obiezioni sul comportamento umano.

  • Vale
    Lv 5
    1 decennio fa

    Ma dai,che discorsi sono..cos'è non si può più portare fuori a cena i bambini?

    E poi,sono bambini dai! non puoi pretendere che stiano buoni e zitti tutta la sera..se poi sono ESAGERATAMENTE fastidiosi e maleducati sta ai genitori tirare qualche ceffone!

    E quindi se si comportano male è anche causa dei genitori.

  • 1 decennio fa

    se cerco relax non vado di certo al ristorante...opto per una cena a casa!

    e poi scusa...non hai visto il cartello all'ingresso:

    IO POSSO ENTRARE

    con raffigurato la foto di un bimbo e di un cane??

    Fonte/i: un po' di sopportazione diamine...
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Certo, come no!

    Con i bambini piccoli è meglio rinchiudersi in casa e gettar via la chiave così da non infastidire più le persone come te che sono stanche dalla settimana lavorativa!

    I genitori invece non hanno nessun diritto, nè di divertirsi, nè di cenare fuori, nè di rilassarsi dallo stress del lavoro!

    E cosa consigli loro?

    Di PARCHEGGIARE i loro figli da nonni o parenti e di andarsi a divertire senza di loro...

    Ma ti rendi conto di quel che dici?

    Forse non lo ricordi, ma oggi è il 26 dicembre e credo che le famiglie vogliano stare unite, bambini inclusi che sono la cosa più importante ed hanno tutto il diritto di cenare al ristorante come lo hai tu!

    ----------------------

    E cosa c'entra il livello del locale?

    Io con mia figlia piccola sono stata in ristoranti anche molto cari e nessuno si è mai permesso di dirci niente!

    Poi cara, l'educazione ai nostri figli gliela insegnamo anche noi mamme moderne.....ma sai com'è, un bambino è un bambino ed i bambini di oggi sono FORTUNATAMENTE svegli e vivaci e non sempre è facile tenerli a bada!

    Non per questo però dobbiamo rinchiuderci in casa!

    Il problema è che chi non ha figli queste cose non le può capire... siete tutte brave a parole ma come mi piacerebbe vedervi all'azione quando sarà il momento!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Mmm.... deduco che tu o non avrai mai figli, oppure se esci gli dai qualche goccia di Valium... oppure non esci fino a che non sono adolescenti e in grado di uscire per conto proprio!

    E tanto per capire, dove dovrei andare a mangiare con i bambini? 30 euro a testa vanno meglio o 20?? Una pizza e via?

    ***cara sand, neanche tu, in realta', sai se chi ha risposto e' genitore oppure no, quindi la tua difesa cederebbe gia'.

    Inoltre, e' vero che cannella ha fatto un'osservazione educata, ma non e' tanto l'educazione dell'osservazione, che e' stata attaccata, quanto il contenuto. Se leggi bene la sua domanda infatti, lei non attaccava il modo di educare o la mancanza di polso di certi genitori, il che sarebbe un altro discorso, ma proprio il fatto che il piagnucolio o il fare giocoso e rumoroso di un bambino le desse fastidio mentre stesse cercando di rilassarsi dopo una lunga settimana di lavoro. A parte il fatto che, come qualcuno ha fatto notare, non tutti hanno i nonni ai quali parcheggiare i bambini, non credi che suggerire un posto separato per bambini sia un po' troppo? Pensaci... le leggi razziali sono cominciate con commenti altrettanto educati.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    perchè una famiglia dovrebbe rinunciare al ristorante o alla pizzeria o lasciare per forza i propri bambini a casa?per non dare fastidio a te??

    perchè non metterli fuori dal ristorante con un fungo per stare caldi????

  • Anonimo
    1 decennio fa

    non saprei cosa dire ! se è giusto o no ! i bambini non si toccano ! ma i genitori andrebbero batonati , perche si molti non sanno fare i genitori altrimenti non ci sarebbero cosi tanti bambini obbesi, segno che le mamme lasciano i propri bambini in balia di una educazione fai da te !

  • Anonimo
    1 decennio fa

    allora mi faro' murare viva con mia figlia finche non compie diciott'anni..ma che state a dire??????????perche uno ha bambini piccoli non puo uscire e andare a mangiar fuori? poi gli adulti escono per rilassarsi e si rilassano anche i figli, giocando.. per fortuna ho (quasi)sempre trovato persone sane di mente che se mia figlia piange

    perche si annoia le parlano e la fanno giocare senza sbuffare..

    per quella che si e' stressata in aereo.. i bimbi cosi piccoli con una forte pressione in alta quota possono avere fastidio alle orecchie..quella bimba magari piangeva dal male, mentre tu sbuffavi

    che domanda.....

    Fonte/i: mamma da un anno e mezzo
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Hai mai provato sui treni a lunga percorrenza?

  • 1 decennio fa

    Nessuno strale, per carità. Ormai dà fastidio anche lo spostamento d'aria quando qualcuno ci passa a fianco, salvo poi meravigliarci delle coltellate tra vicini "per futili motivi".

    Chi non ha esperienza di qualcosa, dovrebbe magari sforzarsi di comprendere. Ma questa è la vera grande eterna utopia dell'umanità.

    Chi non ha figli guarda chi ne ha con occhio severo. Cattiva mamma se sgridi troppo il figliolo, o se gli allunghi una carezza un po' pesante sul pannolone. Altrettanto cattiva mamma se non riesci ad essere "autorevole", se non puoi condurre "al silenzio" creature di uno, due, tre anni.

    Poi il paragone col passato non regge proprio. Quando ero ragazzina facevo un casino immane, magari insieme ad altri conosciuti sul posto altrettanto caciaroni. Non sono cambiati i genitori, è cambiata la società. Ora sono tutti perfettini, i bambini, il vociare, il colore, la gente danno noia. Mi viene in mente la canzone 2030: "Ognuno è chiuso nella propria stanza, l'intolleranza danza, non c'è speranza". Questa è la direzione, che facciamo, continuiamo?

    Ovunque leggo e sento che bisogna lottare contro le discriminazioni di tutti i tipi, e poi qualcuno vorrebbe "ghettizzare" le famiglie con figli discriminando i suoi stessi cuccioli? Perché i bambini sono il frutto e un bene futuro di tutta la società, non solo dei loro genitori, ma anche di voi che non avete figli (per ora, ma poi... vorrei tanto vedervi all'opera).

    Cercando invece di essere io comprensiva, mi rendo conto che ci sono momenti della vita in cui sopporto poco gli altri. In quel caso sono io che evito di uscire, perché se la gente che parla o strilla o piagnucola mi dà noia alle orecchie, è giusto che io le faccia riposare nel silenzio di casa mia (si fa per dire, ho un figlio di tre anni e mezzo). E se proprio non mi va di cucinare esiste anche il takeaway.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.