Catena "acqua in bocca" (forse l'avete già sentita)?

Mi è arrivata questa catena:

"

ACQUA IN BOCCA: VI ABBIAMO VENDUTO L'ACQUA di Rosaria Ruffini

Mentre nel paese imperversano discussioni sul grembiulino a scuola, sul guinzaglio al cane e sul flagello dei graffiti, il governo Berlusconi senza dire niente a nessuno ha dato il via alla privatizzazione dell'acqua pubblica. Il Parlamento ha votato l'articolo 23bis del decreto legge 112 del ministro Tremonti, che afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell'economia capitalistica. Così il governo Berlusconi ha sancito che in Italia l'acqua non sarà più un bene pubblico ma una merce, e quindi sarà gestita da multinazionali (le stesse che possiedono l'acqua minerale). Già a Latina la Veolia (multinazionale che gestisce l'acqua locale) ha deciso di aumentare le bollette del 300%. Ai consumatori che protestano, Veolia manda le sue squadre di vigilantes armati e carabinieri per staccare i contatori. La privatizzazione dell'acqua che sta avvenendo a livello mondiale provocherà, nei prossimi anni, milioni di morti per sete nei paesi più poveri. L'acqua è sacra in ogni paese cultura e fede del mondo. L'uomo è fatto per il 65% di acqua, ed è questo che il governo italiano sta mettendo in vendita.L'acqua che sgorga dalla terra non è una merce, è un diritto fondamentale umano e nessuno puo' appropriarsene per trarne illecito profitto. L'acqua è l'oro bianco per cui si combatteranno le prossime guerre. Guerre che saranno dirette dalle multinazionali alle quali oggi il governo, preoccupato per i grembiulini, sta vendendo il 65% del nostro corpo. Acqua in bocca.

"

Io, con avendo la mai sentita come cosa, e giustamente è riportato che non se ne sentito parlare dai media, vorrei venire a sapere un pò di più su questo l'articolo 23bis del decreto legge 112 del ministro Tremonti, per essere a conoscenza di tutto cosa viene detto nel decreto e non una minima parte. Qualcuno pò spiegarmi cosa dice o riportarmi per intero il decreto??

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    no, non mi è arrivata l email. però questa notizia cosi pubblicizzata l'ho letta qualche mesetto fa. sai com'è..in Italia le informazioni bisogna cercarsele come si cerca un tesoro prezioso...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sarebbe bello e anche meraviglioso, che pure le chiese pastorali fossero sottomesse alle regole dell'economia capitalistica.

    ----------------------

    stesso discorso per le bollette dell'elettricità.

    Il sistema statale di adesso impone che il costo della bolletta dipende...

    1) dallo scaglione (che cos' è lo scaglione non lo so boh!)

    2) dalla categoria, le chiese pentecostali sono esenti

    3) dal consumo dell'anno precedente, se minore di 900 kwh c'è uno sconto.

    4) dal consumo diurno o serale, se è serale il costo unitario del kwh è leggermente minore.

    5) dalla nazionalità, se sei marocchino che una maggiorazione

    6) dal prurito anale, se soffri permanentemente di emorridi e prurito c'è uno sconto.

    7) se sei un rappresentante del clero c'è uno sconto.

    8) se è una scuola di culto pastorale c'è uno sconto

    9) se sei un travestito transessuale che una quota in più da pagare

    10) se ti tini i capelli di colore verde o viola significa che sei scemo e allora hai diritto ad uno sconticino

    11) ....

    12) ....

    13) ....

    14) ....

    15) ....

    16) ....

    17) ....

    18) ....

    19) ....

    20) ....

    21) ....

    22) ....

    ------------------

    E' evidente che anche l'Enel e L'Aem dovrebbero essere privatizzati, perchè cosi come è adesso non va bene, infatti lo Stato ha fatto stupidaggini e quindi è meglio privatizzare.

    Ma perchè bisogna chiamare uno scienziato lunare per calcolare quanto costa un solo chilowattora ?

    La risposta è semplice...

    Bisogna nascondere che certe caste hanno dei privilegi.

  • 1 decennio fa

    io non so la fonte della mail-catena. so però che in lombardia le società acquedottiche sono private già da un bel po', e ci sono concessioni per lo sfruttamento delle acque minerali (S. Bernardo, S. Anna, Sangemini), quindi mi sembra una stupidaggine antigovernativa. però basta cercare su internet e te ne puoi accertare direttamente. Ciao, lilli

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.