Matrimonio degli atei in chiesa. Domanda per i cattolici...?

Ho bisogno di capire una cosa che nessuno ancora mi ha chiarito. Io sono atea e mai (MAI) mi sposerò in chiesa, per una questione di coerenza e rispetto del modo di vivere che ho avuto nei miei 26 anni. Tuttavia molti miei amici atei non ne fanno una questione tanto importante e si sono sposati/si sposeranno in chiesa:

-per accontentare il partner

-per accontentare i genitori (propri e/o del partner)

-perchè sposarsi in chiesa è più figo

Trovo aberrante tutto questo, ma quel che più mi sconcerta non è solo la mancanza di coerenza degli atei, ma soprattutto l'accettazione della cosa da parte di chi considera SACRA l'unione matrimoniale.

Mi rivolgo ai cattolici: non trovate che sia una mancanza di rispetto? Non vi offende che una cosa sacra venga usata in questo modo?

Il fatto di non credere non pregiudica il valore del sacramento? Non lo annulla di fatto di fronte a Dio?

So che è previsto dalla chiesa un modo per sposarsi con un ateo e questo acuisce il mio sconcerto...

Aggiornamento:

@ amphoe

In sostanza stando a quanto mi è stato spiegato, in questo rito il sacerdote si rivolge solo al cattolico...

Aggiornamento 2:

@Manuela:

Ti dirò, i miei si sono sposati in comune, i rispettivi genitori han tirato su casini su casini, al matrimonio non è venuto nessun parente perchè i miei non hanno ceduto. Stessa storia quando non mi hanno battezzata, ma non hanno troncato i ponti, col tempo si sono appianate le cose... E mi è sempre stato insegnato che prima di tutto viene il rispetto per se stessi e la coerenza morale, poi il resto.

@Gattopluto

Okay, si può discutere. Quello che mi chiedo, aldilà della comodità pratica, è come è possibile che sia considerata valida DALLA CHIESA un'unione in cui uno dei due non creda nella sua importanza. Non capisco come non si annulli il suo valore di "cerimonia sacra". Non so se riesco a farmi capire, ma mi interessa il lato spirituale della cosa...

18 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    La penso proprio come te.

    Anzi, io mi sentirei male a fare tutti quei riti così solenni che per me non significano niente, mentre per loro "tutto"-

    Non mi piace fingere né prendere in giro le persone, io non lo farei anche per rispetto a loro.

    Anche il mio compagno è ateo, ma lui dice che non avrebbe problemi e che i genitori prob. ci faranno pressioni per sposarci in chiesa poichè credenti (idem per la mia famiglia) e che inutile che mi faccio degli scrupoli visto che invertendo i ruoli, i credenti non si sarebbero fatti tanti problemi, anzi, non se li fanno mai quando si tratta degli altri.

    Solo che io non sono così.

    ciao

    @ Insane: l'elemento "nonna" mi ha fatta morire dal ridere ma è proprio vero!!

    sacrificio dici? bè potrebbe essere... alla fine se non era per la nonna, si sarebbe fatto il matrimonio in comune, che alla fine è quello che conta.

    grazie!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Da Cattolico ti dico, in primis guarda che compagno scegli,condividere la fede religiosa lo ritengo di vitale importanza, quindi guardo affinchè la compagna che sceglierò condivida la mia fede religiosa,onde evitare problemi futuri,problemi che si manifesteranno nella vita di coppia! Sempre che il Cattolico della coppia sia veramente Cattolico e non si professi tale per tradizione di famiglia.

    Secondo se siete atei che senso ha sposarisi in Chiesa? Per la Cerimonia? per far contenti i familiari? il Matrimonio in Chiesa è un Sacramento e le promesse fatte hanno un valore,e se la coppia non mette Cristo al centro della loro vita la loro relazione è destinata a finire, quindi è meglio che vi sposiate in comune! Rispetto più un ateo che si sposa in Comune che un ateo che va in Chiesa senza sapere quello che fa!

  • .
    Lv 6
    1 decennio fa

    atea, mio marito ateo, sposati in municipio con genitori vari che rosicavano.

    In che senso è previsto un modo per sposarsi con un ateo?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    io sono credente e il mio partner ateo. entrambi vorremo optare per la convivenza. ma hai mai avuto a che fare con genitori tradizionalisti e non rispettosi delle scelte altrui?

    Il mio partner è pronto a sposarmi in chiesa solo per il quieto vivere. Come iniziare una vita insieme su basi solide se ostacoli dai genitori?

    non è facile.

    A parte il rito siamo entrambi giuristi e non siamo proprio d'accordo con le conseguenze civili del matrimonio. Ma i miei minacciano di non parlarmi più. quindi matrimonio in chiesa senza trascrizione degli atti.

    E tutto per l'apparenza. che schifo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Io sono esattamente come te,ateo e sposato solo in comune e mai mi sposerò davanti a un sacerdote che per me non ha nessun significato,ciaoNando

  • 1 decennio fa

    Capisco che se per te il matrimonio non è un sacramento non ha senso che l'unione sia sancita davanti a Dio, con il matrimonio religioso. Nessuno ti obbliga a farlo e capisco che il farlo solo per le apparenze o le mode sia inutilmente offensivo.

    Diverso il discorso di un matrimonio tra un ateo e un credente. In questo caso, nel momento in cui per una delle due persone il matrimonio davanti a Dio rappresenta un valore, è possibile una formula che rispetti entrambe le posizioni. Ognuno dei due prende atto della posizione dell'altro ma, nel momento in cui per il credente, l'unione davanti a Dio è di grande e direi indispensabile significato, l'ateo partecipa al matrimonio in chiesa con lo spirito con cui lo farebbe davanti all'ufficiale di stato civile (e il prete è anche questo, con il concordato). Non vedo quindi nessuno sconcerto in quanto mi pare in questo modo vengano rispettate entrambe le posizioni, sia quella dell'ateo che quella del credente.

    In ogni caso, buon anno.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    magari mi potessi sposare.

  • 1 decennio fa

    chi accetta di sposarsi in chiesa non è un vero ateo, anche se si dice tale è un "bamboccione/a" non a il coraggio delle proprie idee, e della coerenza tra il pensiero e l' azione che oggi è troppo sottovalutato," ho non è più di moda? "(oggi diremmo in termini volgari e maschilisti non ha le p..alle) non vuole sfidare i pregiudizi della tradizione cattolica dei parenti ( e i vantaggi "opportunistici" che ne derivano naturalmente) senza parlare del partner che dovrebbe essere una cosa chiarita molto prima, poi se addirittura se "uno si sposa in chiesa perche è più figo" non ho parole.

    Per quello che riguarda la chiesa ha tutto l'interesse di "inglobare persone del genere, senza spina dorsale" col tempo i parenti lo conviceranno al battesimo del figlio, e poi la comunione, e...dopo 10 anni saranno dei perfetti cattolici, anche perchè ATEI VERI non lo sono mai stati.

    Per quel che mi riguarda, io dopo lunga convivenza,mi sono sposato in comune (essendo che la mia ragazza condivideva le mie idee mi sarbbe stato difficile diversamente convivere), ormai un pò di anni fà, sfidando parenti anche stretti, e rinunciando tranquillamente anche a vantaggi che avrei acquisito( ma se uno ha veramente un idea, deve essere anche disposto a pagare un prezzo per essa) io sono orgoglioso di essere ateo, e di non essere mai sceso a compromessi, i figli che ho avuto non sono stati coerentemente battezzati, ne comunicati, ma si sono comunque laureati e non hanno mai sentito quella necessità, benche da maggiorenni erano liberi di farlo.

    Si orgogliosa delle tue idee e della tua coerenza, in un mondo sempre più di plastica, ho stima delle persone come te e per altro verso disprezzo le persone non coerenti e opportuniste, non farti cambiare, anzi tenta di cambiare il mondo che ti circonda.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ok mettiamola così:

    Elemento A ed elemento B si sposano.

    A crede in Dio,B no.

    B si sposa in chiesa perché sa che A ci tiene.

    _____

    A e B non credono in Dio,ma si sposano in chiesa per non urtare in modo eccessivo la sensibilità dell'elemento Nonna.

    ___________

    Io lo chiamo spirito di sacrificio,tu mancanza di rispetto?

    Fonte/i: _________ Beh ,ci sarà un motivo se i miei nonni sono gli unici a credermi "agnostico pessimista",no?
  • Per fortuna ho potuto scegliere ed evitare il matrimonio religioso.

    Anche perchè il parrroco non ci avrebbe mai sposati e avrebbe avuto ragione.

    Spesso uno dei partner e la sua famigliaa gonfiano talmente le scatole da obbligare l'altro ad accettare.

    Dovrebbe essere il parroco a evitare certi matrimoni fatti per scenografia (per non parlare dell'abito bianco, simbolo di purezza) e fare solo un piccolo rito con la benedizione della coppia.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.