promotion image of download ymail app
Promoted
RODAN
Lv 6

Perchè la gente continua a pensare che mani pulite indagò a senso unico per salvare il PCI?

Sono anch'io convinto della responsabilità morale che ebbero i vertici del partito del PCI, ma le responsabilità penali sono ben altra cosa, vanno trovate le prove e le responsabilità penali individuali per poter condannare qualcuno.

Ora, io vorrei semplicemente capire in base a che cosa i detrattori del pool di Mani Pulite sostengono che ci sia stato un occhio di riguardo nei confronti del PCI.

Avete qualche conoscenza delle carte processuali oppure la vostra posizione è basata su quello che i mass-media ci hanno fatto sapere?

Voglio dei ragionamenti SERI, non la solita monnezza da tifosi.

Mettete da parte per un attimo la vostra fede politica.

Aggiornamento:

@basua3

E per fortuna che volevo un ragionamento serio!

Aggiornamento 2:

Ambrabà ha detto una cosa importante:

fino all'89 i soldi arrivavano dalla Russia, non ne avevano un bisogno di tangenti 'nostrane' anche se ce ne furono.

Il PCUS dava soldi al Pci. Non ci piove.

Per quei soldi il pool non poteva fare nulla perchè ci fu l'amnistia da parte del parlamento

Aggiornamento 3:

@ Eric

Che il PD, ennesima metamorfosi del PCI, abbia la rogna non lo metto in dubbio.

Quello che hanno potuto fare per coprire il caso Unipol è a dir poco schifoso.

Però il fatto che qualsiasi toga abbia parato le terga al PCI, PDS, PD, non lo credo.

Per arrestare qualcuno occorrono le prove della responsabilità personale del singolo.

La storia eclatante di mani pulite fu quella della borsa con la maxi tangente della Enimont ritrovata a Botteghe Oscure della quale non si riuscì a risalire a chi fosse indirizzata. Raul Gardini si suicidò prima di poter rivelare alcunchè.

In realtà non è vero che MANI PULITE non toccò per niente il PCI. Mise in galera tutti quelli del PCI milanese per lo scandalo della metro, arrestò e tenne dentro per 2 anni il compagno

GREGANTI, inviò un avviso di garanzia al compagno STEFANINI, tesoriere del PCI che morì d'infarto e ben 6 avvisi ciascuno a Occhetto e a D'Alema.

A blocare tutto fu l'amnistia del parlamento ancora craxiano.

9 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Non riesco a dare una risposta seria. I detrattori di mani puliti, secondo me, devono avere il cervello che non funziona. Un guasto a livello biologico che impedisce loro di ragionare logicamente e oggettivamente. Non c'e' altra spiegazione. Quel che è grave è che una parte politica (quella al governo attualmente) approfitta di questa debolezza intellettiva e di un fortissimo potere mediatico, per spacciare falsità a getto continuo.

    P.S. Ne approfitto per ricordare che una buona parte dei politici arrestati e condannati a Milano erano militanti del PCI, e che quasi tutti facevano parte della corrente dei miglioristi, quella di Napolitano, il nostro Presidente della Repubblica.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Credo dipenda dal massiccio uso che si fece dei mezzi di comunicazione contro il Partito COmunistà che apparentemente si salvò.

    Tutti cadevano tranne loro. Si pensò e si urlò "al complotto".

    Ci fu la questione di Greganti, ci fu il cambio di nome e ci furono diverse dichiarazioni di Di Pietro che sostenne l'impossibilità per ragioni burocratiche di proseguire le indagini verso quel partito (ed essendo lui non di sinistra, con grande rammarico)

    Se tutto avesse funzionato sarebbero caduti anche loro.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Il PCI riceveva finanziamenti come gli altri partiti. I finanziamenti ricevuti dalla' URSS, tesoriere Cossutta finirono in prescrizione. Greganti, Donigaglia (presidente della Coop.Costr.) e altri, fecero mesi di galera, ma non dissero una parola. Il tesoriere della DC ammise tutto con soli 2 giorni di carcere, così fece il socialista Mario Chiesa.

    Secondo la mia opinione la Magistratura indagò in tutte le direzioni, non riuscendo sempre a trovare le prove.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Dal punto di vista penale si possono perseguire persone e non gruppi e/o associazioni, che però si possono condannare politicamente e moralmente. Sminuire il lavoro di mani pulite è un revisionismo che si sta affermando in questo periodo perché cercano di attaccare Di Pietro, essendo colui che in questo periodo sta facendo una vera opposizione allo strapotere del cavaliere.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non credo che il PCI fosse composto da persone tutte oneste. Il sistema coinvolgeva tutti. Forse la struttura del partito permetteva di nascondere meglio la cosa.

    Non faccio distinzioni destra-sinistra. Credo che il potere e il denaro siano "valori" universali, e che nemmeno il più onesto dei politici non ne possa essere tentato.

    Mani pulite è stata necessaria, ma forse non è riuscita a scoperchiare tutto.....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Dunque, credo che in quel periodo, a detta degli imprenditori indagati, il dare bustarelle era uso comune (e lo è un po' anche ora, ma nessuno ci va a guardare in fondo...). Se era uso comune, vuol dire che era richiesto da quasi tutti i politici che avevano una qualche carica (sindaci, assessori, governi provinciali, regionali ecc.). Ora, che nessuno dei politici del Pci abbia mai chiesto una mazzetta mi suona strano e che nel putiferio generale nessuno abbia nemmeno menzionato qualche carica del Pci ancora di più. Da qui presumo ci sia stata qualche copertura.

    Poi, quando vedo insabbiare casi tipo Unipol o lo scandalo delle coop rosse... beh mi viene più di un sospetto che qualcuno sia molto abile a nascondere le carte......

    C'è comunque da dire che il polverone è stato per lo più sollevato in Lombardia, dove il Pci non aveva grandi cariche istituzionali. Sembra che nessuno invece abbia toccato regioni più "rosse", magari perchè non c'era nessun Di Pietro che voleva prendersi la rogna, oppure perchè i magistrati avevano interesse a stare zitti... forse è un altro dei motivi per i quali i "comunisti" non sono stati sfiorati dalle inchieste.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Leffe
    Lv 5
    1 decennio fa

    Bè mi pare evidente.

    Tutti i partiti, perfino quelli che valevano una cacchetta, ricevevano soldi a destra e a manca per finanziare delle macchine partitiche che in taluni casi erano ridicole.

    Il PCI no. E da dove gli piovevano tutti i soldi che utilizzava per finanziare la mostruosa macchina politica e di propaganda?

    Buttandola sul banale,

    se siamo tre fratelli con il medesimo lavoro di cui due girano in Mercedes e uno in Ferrari e si scopre che i due con la Mercedes se la sono comprata perchè hanno rubato, non ti viene il naturale sospetto che forse quello con la Ferrari ha rubato pure di più?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    ma sai,,,,probabilmente con tutti i soldi che arrivavano dalla Russia, non ne avevano bisogno.Io comunque non ho mai creduto alla "pulizia penale" dei vertici del PCI.Ad ogni modo, a distanza di anni, credo che Manipulite sia stata una grande minchiata. Non per le intenzioni,ma per i risultati.Tutto quel casino ha prodotto diversi suicidi, tre anni di carcere per tal Cusani Sergio, e una carriera politica per Tonino da Montenero.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Dossier_Mitrokhin

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • basua3
    Lv 6
    1 decennio fa

    mani pulite le aveva piu' sporche che mai visto i risultati

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.