Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteDieta e fitness · 1 decennio fa

Cosa è la glutammina?

chi mi sa dire gli Aspetti positivi e negativi della glutammina quando viene assunta?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    La glutammina è un aminoacido (ovvero un prodotto finale dell’idrolisi delle proteine) non essenziale, cioè un aminoacido che il nostro corpo non riesce a sintetizzare da solo, e per coprire quindi il suo fabbisogno dobbiamo assumere alimenti che lo contengano.

    Anche se la glutammina è un aminoacido non essenziale, in alcune circostanze come lo stress, le infezioni, un allenamento intenso o una malnutrizione proteica, viene chiamato “essenziale condizionato” o “semi essenziale”, per le importanti attività che svolge in queste determinate circostanze, nelle quali il corpo aumenta il fabbisogno di glutammina, e deve quindi essere assunto tramite integratori. Lo stesso vale per sportivi ed atleti ad alto rendimento.

    Dove si trova la glutammina?

    La maggior parte degli alimenti ricchi di proteine hanno anche un’adeguata quantità di glutammina. Sono ottime fonti di glutammina i latticini (latte, yogurt, formaggio), le carni, la frutta secca, la soia, il tacchino e i fagioli.

    Benefici della glutammina nello Sport.

    La glutammina ha due principale funzioni per l’atleta professionista ad alto rendimento: la prima è quella di facilitare il recupero di glicogeno, mentre la seconda funzione è quella di favorire la sinterizzazione proteica. La glutammina aiuta inoltre a recuperare il glicogeno muscolare in seguito ad un periodo di intenso allenamento, nel quale le riserve si svuotano più rapidamente del normale.

    Diverse ricerche scientifiche e studi di medicina dello sport hanno evidenziato che il consumo di glutammina e di polimeri del glucosio promuovono l’accumulo di glicogeno nel fegato e nel muscolo. In concreto si è osservato un notevole aumento del glucosio nel sangue successivamente al consumo di glutammina pura (senza polimeri del glucosio).

    La glutammina risulta essere quindi tanto efficace per aumentare i livelli di glucosio nel sangue quanto i polimeri di glucosio, senza però aumentare i livelli di insulina (cosa che invece accade con il consumo di polimeri). La glutammina quindi non modifica l’insulina.

    Per questo motivo vengono utilizzati integratori di glutammina per aumentare le riserve di glucosio (riserve energetiche) del muscolo dell’atleta in seguito ad un duro allenamento, per poter ricaricare le riserve di glucosio (nel muscolo e nel fegato) in modo rapido e senza aumentare i livelli di insulina.

    L’ideale è somministrare agli atleta una dieta iperproteica ben pianificata e individualizzata, insieme ad un integratore di glutammina, per proteggere il tessuto muscolare specialmente durante i periodi di lunghi ed intensi allenamenti.

    Si è inoltre riscontrato che durante lunghi e intensi sforzi negli allenamenti, i livelli di glutammina nel sangue sono più alti rispetto al normale, mentre durante il riposo vi è una brusca e rapida discesa. Se durante il periodo di tempo che intercorre fra l’allenamento e il riposo, o durante un allenamento e l’altro, non c’è un recupero adeguato di glutammina, l’atleta corre il rischio di soffrire della cosiddetta “sindrome da sovrallenamento”. Quindi non solo si mette a rischio il rendimento sportivo, ma anche la salute dell’atleta, visto che la mancanza di glutammina, così come la mancanza di altri aminoacidi (proteine), provoca un indebolimento del sistema immunitario sottoponendo l’atleta ad un rischio più alto di contrarre infezioni.

    Le dosi adeguate di glutammina.

    In genere, i supplementi di glutammina vengono venduti in polvere o pasticche da assumere per via orale (la glutammina degli integratori si trova in forma di L- glutammina). La dose consigliata è di 40 – 50 mg di glutammina per chilo di peso al giorno. L’ideale è assumere la glutammina al mattino e a digiuno, perche risulta essere più efficace, oppure un’ora prima e un’ora dopo l’ allenamento.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    5 anni fa

    Per i vari tipi di Pesi Body Building prova ad andare sulla sezione relativa di Amazon.it a questo link http://amzn.to/1EJ2gNN.

    Potrai vedere tutti i modelli attualmente disponibili e ordinarli per popolarita', fasce di prezzo, giudizi degli utenti. In questo modo potrai farti una idea piu' precisa e chiarire i tuoi dubbi.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    La glutammina è un aminoacido che deriva dall'acido glutammico; viene usata come coadiuvante nelle terapie dell'affaticamento mentale poiché è importante nelle funzioni nervose e cerebrali. È indispensabile per la produzione di aminoacidi non essenziali ed è importante per il controllo dell'azoto. Attualmente viene proposta come la panacea per tutti gli atleti; anche in questo caso la diffusione dell'integratore arriva dal body building.

    La glutammina che dovrebbe avere le seguenti proprietà:

    a) previene il catabolismo muscolare (proprietà cara ai body builder, scoperta in situazione di crisi in campo chirurgico dove si è visto che alte dosi di glutammina aiutavano il ripristino dei tessuti muscolari: in situazioni "normali" ciò non avviene, anzi, impedire il catabolismo muscolare significa togliere una delle fonti energetiche alternative);

    b) favorisce il recupero (è allora meglio utilizzare gli aminoacidi ramificati la cui funzione è diretta e molto più rapida);

    c) stimola l'ormone della crescita (come si è visto le esperienze condotte al di fuori di cliniche su soggetti "normali e allenati" non hanno replicato i risultati su soggetti "clinici e anziani");

    d) rinforza le difese immunitarie (se fosse vero in modo significativo, poiché ci sono individui che non prendono mai l'influenza a causa delle loro alte barriere immunitarie, perché invece del vaccino non si suggerisce di prendere la glutammina?)

    e) aumenta il volume delle cellule muscolari, pompandovi acqua (ma questo interessa un body builder, non uno sportivo in cui il peso è spesso un handicap);

    f) possiede un'azione disintossicante, epatoprotettiva e antinfiammatoria (sicuramente c'è del vero, ma è meglio rivolgersi a prodotti specifici);

    g) entra nella formazione del glutatione, un antiossidante costituito da cisteina, acido glutammico e glicina (anche questo è vero, ma se mancano gli altri componenti?).

    In sostanza la promozione della glutammina è simile a quella che gli alimentaristi generici fanno dei vari cibi: ogni cibo ha delle proprietà, contiene vitamine ecc., ma non per questo è la panacea contro le malattie o contro il decadimento fisico. Si consiglia di prenderla con carboidrati perché meglio assorbita in condizione di elevazione del carico glicemico (salvo poi affermare che per stimolare l'ormone della crescita deve essere assunta in condizioni di basso carico glicemico!). In realtà 10 g di glutammina al giorno per un mese non hanno migliorato in alcun modo le prestazioni di sei atleti già allenati. Anzi, due di questi sono aumentati di peso, probabilmente a causa dell'effetto volumizzante della glutammina che tende a trattenere acqua. L'apporto di glutammina con la dieta deve ritenersi del tutto sufficiente.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.