De André: genio, ma fumatore e alcolizzato?

De André. Eccezionale, incredibile, un Dio. Inimitabile, assolutamente. Lo reputo il migliore fra tutti i cantautori italiani. Ma era un grandissimo fumatore: immancabile la sigaretta, al suo fianco; sempre, anche sul palco, davvero ovunque. Ed era un alcolizzato, per sua stessa ammissione, fino al 1985, quando... visualizza altro De André. Eccezionale, incredibile, un Dio. Inimitabile, assolutamente. Lo reputo il migliore fra tutti i cantautori italiani.
Ma era un grandissimo fumatore: immancabile la sigaretta, al suo fianco; sempre, anche sul palco, davvero ovunque. Ed era un alcolizzato, per sua stessa ammissione, fino al 1985, quando giurò a suo padre, sul letto di morte, che avrebbe smesso; Fabrizio stesso ha detto che fino a quella data si beveva una o due bottigle di Whisky, e ha aggiunto, poi, di essere orgogliosissimo delle canzoni scritte sotto l'effluvio dell'alcol. Era anche un eccezionale donnaiolo (con tutte le canzoni di prostitute del suo repertorio ...).
Fumo, alcol, donne: fonte di ispirazione per un artista? Sono elementi necessari per sopportare la pressione? Senza di essi, non si possono scrivere canzoni così belle? (il discorso è, beninteso, esteso a tutti gli artisti, in generale)

Secondo me, sono indispensabili. Senza di essi, De André non sarebbe diventato ciò che è ora; il fumo se l'è portato via troppo presto, si, ma lo ha reso immortale.
Aggiorna: C'è chi, forse, mi ha frainteso; anzi, probabilmente, non mi sono espresso bene io. Non credo assolutamente che De André, così come tantissimi altri artisti, abbia scritto le sue canzoni solo grazie ad alcol, fumo e domme, Assolutamente. Sono d'accordissimo sulla questione della sensibilità di questi... visualizza altro C'è chi, forse, mi ha frainteso; anzi, probabilmente, non mi sono espresso bene io.
Non credo assolutamente che De André, così come tantissimi altri artisti, abbia scritto le sue canzoni solo grazie ad alcol, fumo e domme, Assolutamente. Sono d'accordissimo sulla questione della sensibilità di questi artisti: essi ne possiedono una fuori dal comune, che fa forse vedere loro il mondo in modo diverso, fa comprendere loro molte cose, ne fa immaginare loro altre; infatti, quando ho scritto "Sono elementi necessari per sopportare la pressione?" mi riferivo proprio a questo, alla pressione che ne può derivare, a ciò che si può provare - magari quasi insopportabile - avendo una sensibilità fuori dal comune. E quando ho scritto "fonte di ispirazione", beh, qui intendevo dire che questi elementi - fumo, alcol,donne -, forse, hanno 'aiutato' De André, come altri, ad esprimersi meglio, a far uscire ciò che era maturato dentro di loro, proprio grazie a questa sensibilità straordinaria.
16 risposte 16