promotion image of download ymail app
Promoted
.....
Lv 7
..... ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

'Ti amo perché ti lascio troppo', che razza di scusa è?

Riuscite a oensare a una più falsa, ipocrita, peggiore?

A una che ferisce di più, oltre al danno la beffa?

Io proprio non la capisco questa frase...voi?

Buona serata, grazie a tutti :D

Aggiornamento:

uhhahaa e dai è una provocazione!

perchè per me la frase non ha senso neanche invertita xd

Aggiornamento 2:

claudiog...meraviglioso come sempre, anche a una domanda scherzosa come questa doni una risposta sublime, grazie! :D

47 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Attenta Ariel...è una di quelle affermazioni da non banalizzare: l'apparenza inganna e la banalità anche di più.

    Io sono convinto che in amore, se le parole non sono semplicemente parole, ma hanno un senso, una dignità, cioè non sono usate per ingannare e per raggiungere un fine, ma rappresentano un valore intrinseco e si possono interpretare come i fattori di un prodotto aritmetico.

    Quindi cambiando il loro ordine, la verità rimane la stessa.

    Del resto, non è forse vero che in una relazione d'amore, le rispettive energie incontrandosi, si moltiplicano invece di sommarsi semplicemente?

    L'amore è una manifestazione di energia.

    Che cosa sono le parole d'amore, se non un espressione energetica ?

    Amare costa: più ami una cosa e più devi abbandonare te stesso per avvicinarti all'oggetto verso il quale dirigi i tuoi sforzi.

    Non puoi amare una persona e rimanere quello che sei, questo è chiaro a quanti sanno di doversi adattare per formare una coppia.

    Ma anche un'artista o uno scienziato sanno quanto di sè devono mettere in quello che fanno, a scapito di altro.

    Quindi amare veramente è doloroso, non può essere altrimenti, se è vero che il tuo desiderio è fonderti con la cosa che ami.

    Muore quello che eri per rinascere quello che non sai cosa sarai.

    E questo non solo ti costa ma ti spaventa pure.

    Ma può anche succedere che tu sia cambiata fino al punto che io non sono più disposto a seguirti.

    Vedi perciò che se io ti dico che sinceramente non mi sento di rinunciare a me stesso, in tutto o in parte, per te, ti dico la verità: ammetto di essere un egoista e un codardo.

    E se non sono stato sincero "prima" di arrivare a dirtelo, cioè ho mancato al mio impegno di essere come un libro aperto davanti a tuoi occhi, perchè non mi conoscevo abbastanza, sono pure un immaturo.

    Ma è comprensibile, sono cose che succedono Ariel, non siamo tutti allo stesso livello, si rimane delusi ma bisogna accettarlo come parte di un gioco dove nulla è dato per scontato.

    L'ipocrisia invece presuppone la volontarietà, il calcolo, la consapevolezza di usare l'altro come un oggetto e allora la tua rabbia più incontenibile è quanto di più naturale e giusto si possa aspettare.

    Le persone non sono oggetti e pure il mondo inorganico, in natura, si ribella con tutta la sua rabbia se viene offeso e bistrattato.

    Quindi è giusto che, chi si comporta così, ne subisca le conseguenze.

    In fondo anche un oggetto ha diritto di essere amato, perchè non esiste per te e se pensi a cosa hanno fatto per esempio Leonardo, Donatello o Michelangelo con dei pezzi di pietra, di tela o dei semplici muri intonacati...

    Comunque, invertendo l'ordine dei fattori, come ti ho detto, il prodotto ha sempre un senso,quindi per me non ho letto nulla di strano nella tua espressione, che risulta quanto mai vera anche così.

    Perdonami se cito l'ormai tanto inflazionato Kahlil Gibran, per una volta consentimi di svestire i panni di Paganini per ripetermi:

    "Lasciate che vi sia spazio nella vostra unione,

    e tra voi danzino i venti dei cieli.

    Amatevi l'un l'altro,

    ma non fatene una prigione d'amore:

    piuttosto vi sia un moto di mare

    tra le sponde delle vostre anime."

    Persino dopo un matrimonio d'amore, spesso i rapporti si deteriorano fra marito e moglie e i due cominciano ad annoiarsi e odiarsi.

    Quello che muove l'attrazione è la diversità, l'essere come poli opposti e intendo questa definizione in senso lato, includendo anche le coppie dello stesso sesso.

    Si vorrebbe essere vicini all'altro, per conoscerlo più rfondamente e meglio, ma più ci si avvicina e più è possibile scoprire aspetti che ci risulta difficile accettare.

    Si ammira una Ferrari per il suo colore, la linea della carrozzeria, ma poi quando si alza il cofano si scopre il motore di una panda...magari a metano...

    Le cose che piacciono possono essere diverse e la gente litiga ogni giorno per queste inezie, senza pensare di lasciare che l'altro abbia il proprio spazio, la propria libertà.

    Non dico poi che per amore dell'altro si possa pensare di entrare nel suo mondo fino ad accettarlo: non sempre è possibile, ma perchè restare attaccati per litigare?

    Perchè piuttosto non ricreare quelle condizioni di lontananza che hanno fatto nascere quell'amore?

    Che c'è di strano se ci sono coppie che vanno avanti in questo modo, che non sanno stare insieme più di tanto, ma una volta separati sentono il bisogno di riprendersi?

    Più ti lascio e più ti voglio, quindi...non è amore anche questo?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Ma volevi dire "ti lascio perché ti amo troppo"? .-.

    ☭αttιℓα ƒℓαgεℓℓσ dι dισ☭

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Solo una nuova versione della per il cùlo presa.

    Fonte/i: pepologia ruffiana
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    veramente nemmeno io... mi sa che ha bagliao qualcosina.........

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    ma di solito non è TI LASCIO perchè TI AMO troppo?!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ariel, le canne da te non me le sarei mai aspettate! :-P

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Katnip
    Lv 6
    1 decennio fa

    neanche io la capisco

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ariel cara sai che pensavo di rispondere ad una domanda di Salute mentale?

    Hai invertito mi sa ma il senso si capisce, non preoccuparti...

    Rispondendoti è veramente una scusa poco credibile, una presa di giro direi anche se bisogna fare un distinguo perchè ci possono essere delle situazioni in cui è veramente impossibile portare avanti una storia di amore.

    Fonte/i: Ciao cara
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    non è una scusa..è un errore grammaticale!! hihihi

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    ahahah rileggi il titolo della domanda. ti amo perche ti alscio troppo ahahahahahahah

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ma non era "Ti lascio perchè ti amo troppo"?

    Boh letta cosi pare che t'ha lasciato 1000 volte xk te ama e nn ha senso..ma nemmeno la mia versione della frase ce l'ha quindi..si è una cag@t@

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.