secondo voi perche non commercializzano la macchina ad idrogeno o gas metano?

consumi ridotti, costi bassi e poco inquinamento... perche aspettare che finisca il petrolio?

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Le auto a metano (specie ibride, metano-benzina o metano-elettrico o quant'altro) esistono già, e sono (se l'impianto è già montato nell'auto) convenienti rispetto a benzina e Diesel, anche rispetto al GPL (il metano costa molto meno). Lo svantaggio è che, devi recarti in stazioni di servizio apposite e cambiare la bombola (se non sbaglio) vuota con una piena. Il metano può essere prodotto benissimi dai reflui umani e zootecnici (residui organici di stalle ed altri allevamenti), e da svariate altre fonti ecologiche (come la sintesi Fisher-Tropsch del metano dal gas di legna o la depolimerizzazione termica di scarti agricoli o di industrie alimentari o altre).

    Il problema è che:

    1-pochi interessi

    2-se tutti passano al metano, il governo lo sovratassa come ha fatto con benzina e Diesel

    Per quanto riguarda l'idrogeno, il problema principale, non è la produzione (poichè, grazie ad energie rinnovabili presenti in abbondante misura, può essere prodotto in grandi quantità, se c'è un po' di interesse per le energie alternative), ma lo stoccaggio. Infatti, un m3 di idrogeno, per la bassisima densità, sviluppa circa 3000 kcal, al contrario di un m3 di metano, che ne sviluppa 11000-12000 kcal. Anche se viene compresso (a 100 atm, cioè occupando 100 volte in meno il volume occupato a pressione atmosferica), ha sempre una bassa densità energetica (energia/volume), rispetto a benzina o gasolio. Ma...esistono progetti in atto, in cui si pensa di usare zinco metallico per far reagire il vapor d'acqua (ottenuto per riscaldamento dell'acqua su una resistenza elettrica) ed ottenere idrogeno: Zn + H2O --> ZnO + H2. Da 1 L d'acqua si otterrebbe un'energia (100% dell'energia ottenibile con l'idrogeno: un rendimento irreale) che potrebbe vaporizzare da 0 °C a 300 °C 12 volte l'acqua impiegata nella reazione! considerando la resa termodinamica di un motore a scoppio (20%), si arriva a 2,4 volte. Cioè, l'energia sviluppata dal motore, è per metà impiegata per vaporizzare l'acqua, metà (abbondante) per la propulsione del veicolo ed impieghi vari (illuminazione, radio, pompe del carburante...). L'ossido di zinco, andrebbe poi scaricato in centri appositi e ricaricato sul piccolo "reformer" del veicolo, e l'ossido, riconvertito a zinco metallico con varie possibili reazioni:

    ZnO + H2* --> Zn + H2O

    ZnO + C --> Zn + CO

    2ZnO --> 2Zn + O2 (avviene a 1900 °C, temperatura ottenibile per concentrazione della luce solare mediante uno specchio parabolico sull'ossido di zinco). *: idrogeno prodotto per elettrolisi o termolisi (reazioni chimiche particolari), dell'acqua utilizzando fonti rinnovabili (solare, eolico, idroelettrico, biomassa, geotermico, moto ondoso, maree ecc...).

    Concludo con altre due possibili soluzioni: esiste l'alternativa di immagazzinare l'idrogeno liquido (a -250 °C circa) in serbatoi speciali (vasi Dewar), l'idrogeno liquido occupa circa 750 volte in meno il volume dell'idrogeno gassoso. Però, l'idrogeno evapora in fretta, creando oltre a problemi economici (idrogeno buttato via), problemi di sicurezza: basta una scintilla e scoppia tutto. Tuttavia, questa soluzione, è adatta a mezzi in continuo funzionamento come autobus o anche navi, che hanno la necessità di funzionare molto molto spesso. L'ultima alternativa, è la spugna di palladio o terre rare. Sono dei metalli (palladio e lantanio, una terra rare), in grado di assorbire, non si comprende ancora esattamente il perchè, da 1000-900 (per il palladio) a 400 (per il lantanio), volte il loro volume, in idrogeno, cioè 1 L di palladio è in grado di assorbire 1000 L di idrogeno, 1 L di lantanio è in grado di assorbire 400 L di idrogeno, fungendo, questi metalli, da spugna, con la differenza che il metallo deve essere molto permeabile, quindi deve trattarsi di sottili lamine unite assiente, lasciando spazi vuoti (le sottili fessure fra una lamina e l'altra) per far entrare l'idrogeno. Sono così in grado, di emetterlo poi sotto opportuni stimoli. Però, si tratta di metalli costosi, non tanto il lantanio (che è sempre molto costoso, ma è un abbondante componente delle terre rare rispetto ad altri), quanto il palladio, raro come se non più del platino.

    Spero di esserti stato utile.

  • 1 decennio fa

    la lobby dei ricchi petrolieri non permettera' o almeno tentera' in tutti i modi di ostacolare la diminuzione dell'uso del petrolio ,senno' come faranno a continuare e vivere come nababbi? ....poverini...

  • 1 decennio fa

    Le automobili a metano esistono già e sono l'unica alternativa al petrolio.

    L'auto ad idrogeno è una curiosità tecnologica che non risolve nessun problema energetico, anzi, ne crea di nuovi.

    Per cominciare devi sapere che l'idrogeno non esiste in natura: non ci sono pozzi di idrogeno o miniere di idrogeno.

    L'idrogeno si produce per elettrolisi consumando molta energia elettrica e l'energia elettrica è prodotta in Italia quasi esclusivamente in centrali a petrolio.

    Poi ci vuole altra energia per comprimere e raffreddare l'idrogeno.

    Poi ci vuole altra energia per costruire bombole ad alta pressione dove immagazzinare l'idrogeno liquido.

    Poi bisogna costruire una rete di distribuzione di questo gas infiammabile ed esplosivo.

    Quando finalmente avrai fatto il pieno con l'idrogeno la tua macchina potrà circolare senza bruciare benzina, ma per farla andare ad idrogeno avremo consumato il 33 percento di petrolio in più di prima.

    Ciao

  • Anonimo
    1 decennio fa

    purtroppo ci sono troppi interessi...

    diciamo che secondo me chi fornisce il petrolio, vuole fornirlo ancora e chi produce le automobili le produce ancora nello stesso modo di sempre...forse la nuova tecnologia a idrogeno è troppo costosa nella parte che riguarda costruire il motore ..e poco costosa per ciò che riguarda mantenerla...le mie sono supposizioni..poi mbho? non so ma di certo è l'uomo a decidere...forse deciderà troppo tardi....già il mondo è abbastanza inquinato...è una bella domanda dovresti farla a quel certo Lapo !...in italia c'è rimasto poco...l'alitalia se l'hanno comprata i francesi! facessero qualcosa alla fiat!!!sarebbe bello che le auto a idrogeno circolassero per prima in italia!ciaooo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    qlle al metano ci sn già però il problema è tenbere due bombole k occupano spazio e tolgono il 5' posto x i passeggeri se nn ricordo male...XD...qlle a idrogeno invece il problema sta nell'immagazzinamento dello stesso idrogeno in quanto nello stato gassoso brucia troppo velocemente e bisognerebbe comprimerlo a 200 atm in apposite bombole, oppure andrebbe adsorbito in una sostanza solida utilizzando legami chimici secondari formatesi tra l'H e le molecole superficiali del solido..

    Fonte/i: chimica del 3' superiore..XD
  • 1 decennio fa

    Troppi interessi attaccati al petrolio da parte di tutti!!!!!!!

  • 1 decennio fa

    per venderlo tutto

  • 1 decennio fa

    Per i soldi...purtroppo sono sempre loro a rovinare il mondo..ci sono i potenti che tagliano le ali a tutti quei geni che hanno queste idee brillanti per migliorare il nostro pianeta...ma finchè ci saranno i potenti al potere questo mondo continerà ad autodistruggersi...

    10punti please? :-)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.