Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Secondo voi i politici dovrebbero essere tutti atei?

Secondo me sì. Ci sono già state troppe pressioni dalla chiesa e i politici obbidiscono come dei bravi bambini che ascoltano un genitore arrabbiato. Io credo che la politica e la chiesa siano due cose completamente separate e dovrebbero rimanere tali per il bene della Nazione.

Negli altri Stati la politica non si fa influenzare dalla spiritualità, è colpa della posizione geografica del vaticano?

Voi cosa pensate?

Aggiornamento:

@paolo--->forse non hai capito bene ciò che voglio dire....io dico che i nostri politici si fanno TROPPO influenzare dal papa e dal clero....e ciò non mi sembra giusto nei confronti delle altre religioni presenti in Italia...

per esempio la questione dell'aborto o dell'eutanasia...

Aggiornamento 2:

@The Human Nature 2 ---->purtroppo anche se lo stato dovrebbe essere laico non lo è ... e i medici testimoni di geova si rifiutano la trasfusione degli organi...

la religione ci controlla come un mago vodoo gioca a mettere spilli nella sa bambola...

Aggiornamento 3:

@paolo--->OGNUNO HA LE PROPRIE IDEE RIGUARDO QUESTIONI DI OPINIONE PUBBLICA, MA I POLITICI DEVONO FARE IL BENE DELLO STATO ITALIANO, NON DEL VATICANO, E LO STATO ITALIANO NON E' COMPOSTO SOLO DA CATTOLICI BIGOTTI.....

Aggiornamento 4:

@tavolorosso---> la chiesa influenza la politica ciò non si può negare, l'aborto e il divorzio ci sono solo perchè molte persone hanno fatto sentire la propria opinione

l'ateismo esiste, ed è ora che voi troll lo accettiate...

!!!sono stanca di vivere in un mondo in cui i falsi principi della chiesa vengono anteposti alla mia(e vostra) libertà di pensiero da politici il cui obbiettivo principale è fare soldi e avere la fiducia dei credenti ignoranti semplicemente dicendo "che dio vi benedica"...BASTA!

io spero che la gente si svegli dal sonno profondo che le ha impedito di essere razionale e di guardare in faccia la realtà una volta per tutte!

28 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Diciamo che la politica dovrebbe essere separata dall'ideale religioso. Ognuno ha il diritto di credere in Dio, come chi non vi crede ha il diritto di avere una vita scissa da un ideale religioso.

    Ti faccio un esempio: un politico, non puo farsi influenzare dalla sua religione, perchè è una scelta personale. Se un medico è Testimone di Geova ad esempio, non può opporsi di applicare la trasfusione solo perchè il suo credo non lo consente. Così come un politico cattolico, non può vietare l'aborto solo perchè il suo credo non lo consente. Il fatto che l'Italia per tradizione viene definita "nazione cattolica" è una boiata pari al definire Anna Maria Franzoni presidentessa dell'UNICEF.....

    Fonte/i: In risposta a Bart @ I politici non devono essere atei. Sono persone uguali a tutti e possono avere il loro credo religioso. Ma la loro posizione deve garantire equità per ogni credo religionoso, quando è presente e non solo quello cattolico. @ Bart l'idoneità del politico viene a mancare se non accontenta le richiesta del popolo dicendo che il Papa non vuole. Qui interviene il fattore scomunica: come si può gestire una nazione laicamente se il Vaticano minaccia di scomunicare i politici cattolici italiani che non fanno ciò che dice Sua Maestà Santità.???
  • 1 decennio fa

    Politica e religione devono stare sempre separate.

    @paolo: Ora capisci perchè gli USA hanno sganciato 2 bombe atomiche sul Giappone, hanno sganciato bombe su città italiane indifese e hanno creato una guerra assurda in Vietnam?

    Proprio perchè confidano in Dio...e lo scrivono pure sui dollari..fai un pò tu

    @Paolo: I miei nonni materni sono morti a Cagliari nel febbraio del '43, durante una delle tante incursioni aeree anglo-americane.

    Cagliari è stata distrutta per l'80% dell'abitato, con migliaia di morti in tutta l'isola.

    Le macerie le hanno create loro.

    @Erchemperto: L'ho già scritto prima; sia aerei inglesi, ma sopratutto aerei americani (anche le famose "fortezze volanti" i B17)

  • 1 decennio fa

    basterebbe che non fossero ladri

  • Anonimo
    1 decennio fa

    No, basta che con il loro operato rispettino la libertà di ognuno e che tutelino la laicità dello stato.

    Un'utopia, in pratica.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • I politici dovrebbero essere onesti e non "LADRONI" servi lecca**** del vaticano!

    Permettere che QUATTRO MILIARDI di €uro vengano dirottati dall'Italia che lavora verso lo Stato Capitalista maggiore del mondo è uno schifo che grida vendetta a tutta l'Umanità!

    Devono abolire SUBITO l'8 per mille. Quei soldi vanno alla ricerca, NON PER RENDERE PIU' SONTUOSI quei palazzi dorati per i caciucchi, vestiti come i maghi carichi d'oro:Cristo era povero e viveva tra i poveri.

    Cartagine deve essere distrutta!

  • 1 decennio fa

    Non è detto che debbano essere atei, ma dovrebbero avere la capacità fisica ed intellettuale di distinguere tra opinioni personali e necessità statali.

    Vi sono credenti che condannano molte azioni, passate e presenti, della Chiesa. Vi sono credenti che non si riconoscono nell'organizzazione ecclesiatica e si distaccano da alcune prese di posizione.

    Come queste persone, dovrebbero esservi politici (agnostici, atei e credenti) che impongano a se stessi la suddivisione tra Stato e Religione, senza farsi influenzare da regole e dettami religiosi in cui credono.

    Lo Stato comprende due sfere di potere: spirituale e temporale. La Chiesa è addetta alla prima e non deve intromettersi in faccende statali. La seconda, quella temporale, spetta alla Stato, che ha l'obbligo di lasciare libertà di espressione e di culto.

    Ma questi poteri non devono mai prevaricare uno sull'altro, situazione che in Italia sta accadendo già da troppo tempo. E sai perchè? Non per il credo religioso, ma per interessi economici e politici. I governanti hanno bisogno di sostegno e di finanziamenti ed il Paese, per quanto ricco ed industrializzato, non potrebbe mai sostenere certe manovre.

    Pensaci... qual è lo Stato più ricco, pecuniariamente, in Europa?

    Proprio lo Stato della Città del Vaticano... uno dei più ricchi al mondo.

    A questo punto è palese che non è solo un gioco sporco basato sul Credo, ma sui finanziamenti, sulla potenza economica e sulla corruzione.

    E, dove vi sono i soldi, v'è tutto questo.

  • 1 decennio fa

    Semmai tutti laici, non dovrebbero cioè confondere l' ordinamento giuridico coi dettami della Bibbia.

    Le discriminazioni sono sempre negative.

  • Suskis
    Lv 5
    1 decennio fa

    secondo me GLI UOMINI dovrebbero essere tutti atei

  • hai ragione,ma cio si verifica solo qui,a causa della presenza del vaticano.Stiamo un paese storicamente credente;è difficile toglierci di dosso questo attributo.

    cmq io penso che un politico possa avere qualsiasi credo.anche se dovrebbe cercare do tenerlo separato o dal suo lavoro.è difficile,ma potebbe essere una soluzione.Purtroppo questo discorso non va bene per i cattolici,che sono soliti impicciarsi dei fatti altrui...soprattutto dei fatti politici!

  • 1 decennio fa

    Laici, più che altro.. Dovrebbero anteporre la politica prima di tutto..

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.