Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaRoditori · 1 decennio fa

porcellino d'india!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!?

volevo chiedere se il fieno era indispensabile per il porcellino d'india e se non poteva essere sostituito con qualche altro alimento.( sono allergico al fieno)

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ciao!

    Allo

    la cavia o porcellino d'india è strettamente erbivoro

    Vegetali (circa 1/3 di tazza di ciascun elemento) che contengono buoni livelli di vit. C sono:

    - Peperone rosso 151 mg

    - Peperone verde 65 mg

    - Pomodori 29 mg

    - Spinaci 25 mg

    - Asparagi 23 mg

    - Piselli 16 mg

    - Ravanelli 15 mg

    - Indivia 14 mg

    - Zucchini 13 mg

    - Cicoria

    - Cavolo

    - Cavolo riccio

    Nella dieta della cavia frutta e verdura fresca (cetriolo,carote, mele, uva secca...) sono importanti. La lattuga (soprattutto la iceberg) non deve essere somministrata perchè può dare diarrea!

    La miglior fonte di proteine vegetali è quella presente nei pellettati e deve essere almeno il 16% dell’intera razione alimentare.

    Il picco di attività alimentare della cavia è al mattino e alla sera, quindi è opportuno lasciare cibo fresco ed acqua in questi momenti. L’alimento fresco dovrebbe essere messo appena la cavia si sveglia.

    Rimuovere sempre il cibo che non viene utilizzato dall’animaletto. Bisogna sempre controllare la quantità di cibo che assumono perchè loro mangerebbero in continuazione ed eccessivamente (da qui il nome “Porcellino d’india”), quindi cercare di somministrare un po' di tutto ma non troppo. Sono grandi spreconi!!! Il fieno è importante per evitare costipazione.

    L’acqua deve essere sempre disponibile. Abbeveratoi a goccia in metallo sono i più indicati, perchè la cavia tende a rosicchiare tutto e ad ingerire i pezzi provocandosi delle occlusioni intestinali.

    I supplementi vitaminici sono essenziali per la vita di questi animaletti; possono essere somministrati mescolandoli con l’acqua di bevanda facendo attenzione però a scegliere il giusto prodotto per evitare di far assumere all’acqua un odore sgradevole tanto da impedire alla cavia di abbeverarsi.

    Nel caso in cui si voglia introdurre un alimento nuovo bisogna farlo in maniera graduale, come segue:

    - mescolare 1/3 del nuovo alimento con 2/3 del vecchio, ogni giorno per 1 settimana;

    - mescolare 1/2 del nuovo alimento con 1/2 del vecchio, ogni giorno per 2 settimane;

    - mescolare 2/3 del nuovo alimento con 1/3 del vecchio, ogni giorno per 3 settimane;

    - somministrare solo il nuovo alimento.

    Alimenti tossici per la cavia sono: la lattuga iceberg e le bucce di patate; nochè tutti i materiali che l’animaletto può ingerire rosicchiando, e che gli possono causare occlusioni intestinali anche mortali.

    Le feci della cavia devono avere consistenza solida e colore scuro. Un cambio del colore e della consistenza, soprattutto quando quest’ultima è acquosa ed il colore è chiaro, vuol dire che siamo in presenza di qualche problema. La diarrea è il più frequente e può essere provocata da cambi improvvisi nella dieta o da un’alimentazione inadeguata (troppa verdura o frutta). La diarrea è molto preoccupante perchè può causare in breve tempo disidratazione dell’animale e morte.

    Quindi se nel vostro piccolo ospite si dovesse manifestare della diarrea deve essere trattato immediatamente per la perdita di liquidi; se questo sintomo è dovuto ad un cambio nella dieta, si può provare a togliere la causa e vedere se il sintomo scompare. Nel caso in cui questo non si verificasse, si deve intervenire con una terapia farmacologica entro 24 ore.

    La costipazione si può verificare in seguito ad una mancanza di acqua, a blocco gastrico-intestinale o ad un consumo eccessivo di cibo secco. Si può trattare somministrando liquidi, frutta e verdura fresca in modo da favorire il transito delle feci. Nel caso in cui ciò non si verificasse, meglio far intervenire il veterinario.

    Un’alimentazione inadeguata con carenza di vit. C può dare problemi articolari con zoppie, letargia con eccessivo sonno ed al risveglio l’animale è senza energia. Così pure le carenze proteiche possono dare:

    - deperimento;

    - crescita stentata;

    - perdita di peso;

    - perdita di pelo;

    - tossiemia gravidica;

    - aggravamento di patologie già esistenti.

    La dieta della cavia non deve contenere troppo materiale grossolano, come fieno od avena perchè può danneggiare la mucosa del cavo orale causando linfoadenite cervicale, in quanto le lesioni possono essere infettate da Streptococcus β-emolitico; l’infezione si può diffondere ai linfonodi della regione sottomascellare e cervicale, con sviluppo di ascessi.

    E’ importante:

    somministrare solo frutta e verdura ben lavata, asciugata dall’acqua in eccesso e a temperatura ambiente; niente verdure cotte o scongelate

    Introdurre una verdura per volta nell’alimentazione, in modo da identificare eventuali intolleranze (alcune verdure potrebbero causare diarrea in fase iniziale, se la cavia non vi è stata abituata fin da piccola)

    Dare alla cavia poca verdura per volta ed eliminare quella avanzata dal pasto precedente. La razione giornaliera è di circa 100/150 gr. , da suddividere in due o più pasti

    Di seguito l’elenco (non esaustivo) della frutta e della verdura adatti all'

    Fonte/i: ho 7 porcellini d'inda e mia mamma è un vet specializzata in animali esotici (comprendono roditori) e ha anche una allevamento di roditori
  • Lily
    Lv 6
    1 decennio fa

    purtroppo no, è indispensabile e nn deve ma mancare.

    ricorda che la dieta dei porcellini è cositituita da fieno, erba e verdure.

    no semi, pane, biscotti o mangimi vari.

    se sei allergico al fieno ti conviene nn prendere un porcellino d'india.

  • 4 anni fa

    Se credi di avere il pene troppo piccolo puoi provare a seguire questo metodo per ingrandirlo http://AllungamentoDelMembro.enle.info/?D2WQ

    Se l'uomo sente il suo membro troppo piccolo, questo può avere effetti negativi sulla sua mentale situazione e vita sessuale. Cosi non passa molto tempo che il Partner si accorga che con il proprio compagno qualcosa non va.

  • 1 decennio fa

    anch'io sono allergica al fieno, ho avuto in passato un porcellino d'india x 4 anni (è ancora vivo ma l'ho dovuto dar via perché ho cambiato casa e non volevo fargli fare 1200 k in auto), cmq ho risolto comprandoli a necessità della scarola fresca in inverno e in estate andavo per prati a raccogliere erba e verdure selvatiche che erano ottime per lui....non ho mai avuto problemi ed anche il vet che lo controllava non ha avuto nnientein contrario. Ricorda che puoi dargli anche della lattuga, ll' indivia mele, melone, fetta biscottata e mi raccomando compra il mangime fatto per le cavie e non quello x roditori generico xchè può fargli male

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Il porcellino d'India e' un animale vegetariano e erbivoro e, pensando ai due "topini" che mi hanno fatto compagnia per qualche anno, mi ricordo che il fieno era sempre a disposizione. Per quanto riguarda l'alimentazione ci sono in commercio prodotti specifici fatti di sementi, ma verifica che sia espressamente per porcellini d'India! (e' tollerato il mangime per conigli ma quello per i criceti e' da evitare)

    Oltre ai semi puoi integrare il fieno o il pellets con della verdura e frutta fresca e con dell'avena, del pane, delle foglie di dente di leone.

    In questo modo scongiurI il rischio di carenze vitaminiche

    Se non hai tempo di lavare e tagliare la verdure, vanno benissimo i vassoietti pronti di verdura già tagliata e lavata che trovi al supermercato. Anche una fettina di mela o di arancio saranno graditissime

    Ricordati che qualsiasi cibo fornito ai porcellini d'India non deve essere freddo da frigo o troppo bagnato; il cibo troppo freddo puo' procurare congestioni, mentre troppo bagnato provoca facilmente dissenteria. Quindi lascia un po' di tempo il cibo a temperatura ambiente prima di darlo e asciugate la verdura appena lavata.

    Ciao

    Fonte/i: Bruto e Bella, due porcellini d'india Abissini, che hanno vissuto con noi per 4 anni.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    no non è indispensabile

  • Anonimo
    1 decennio fa

    il porcellino d'india è un esemplare molto raro,conosciuto molto per il suo pelo folto,ma poco per il suo culetto che da un buon prosciutto e per i suoi capezzoli che possono essere munti per un buonissimo latte di altissima qualità.Quindi,mungilo e poi mangiati il culetto.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.