quali sono i benefici del thè verde?

quante volte al giorno prenderlo? va bevuto puro? miele o zucchero?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    La sua assunzione regolare ha un effetto

    curativo, preventivo e di prolungamento della vita: è un toccasana per

    la circolazione, il cuore, il sistema immunitario e si ipotizzano anche

    proprietà anticancerogene.

    Da

    una trentina d’anni la

    bevanda è stata analizzata scientificamente ed i risultati sembrano

    straordinari. L’interesse nacque dal fatto che i Giapponesi ed i

    Cinesi forti bevitori di tè verde rispetto agli occidentali, soffrivano

    piu’ raramente di cancro, malattie cardiovascolari e vivevano piu’ a lungo.In

    conseguenza a ciò furono effettuati

    i primi studi scientifici in Giappone, ai quali ne seguirono

    altri europei ed americani. Attualmente sono in corso numerosi progetti

    di ricerca scientifica sul tè verde.

    Le

    sue benefiche proprietà migliorano la circolazione, prevenendo gli

    infarti in quanto vengono rimossi molti fattori che stanno alla base di

    molte malattie cardiovascolari. I danni che sono di norma già gravi,

    quando i primi sintomi diventano evidenti, vengono cosi’ limitati od

    evitati, poichè un infarto

    od un colpo apoplettico si preparano all’interno delle arterie che

    irrorano il cuore ed il cervello senza

    alcun segnale di allarme.

    L’accumulo

    di placche aterosclerotiche sulle pareti interne dei vasi che irrorano

    di sangue il cervello ed il muscolo cardiaco, è una delle cause che

    possono provocare l’infarto, poichè riducono il diametro dei vasi ed

    ostacolano il flusso del sangue, limitando l’apporto di ossigeno al

    muscolo cardiaco o al cervello. Cosi’ accade che un coagulo di sangue

    (trombo) si deposita su una placca aterosclerotica e blocca

    definitivamente il flusso di sangue nel vaso che si era già

    pericolosamente ristretto. Questo avviene perchè il nostro sangue, in

    presenza di ferite, reagisce immediatamente coagulandosi. E questo va

    bene in presenza di ferite esterne, poichè altrimenti potremmo morire

    dissanguati. Ma il nostro corpo percepisce i danni aterosclerotici sulle

    pareti interne delle arterie come se fossero ferite e reagisce con una

    forte tendenza alla coagulazione.

    L’accumulo

    di placche aterosclerotiche è favorito nelle arterie le cui pareti

    interne sono già danneggiate dalla nicotina o da una pressione

    sanguigna troppo alta. Ecco perchè i piu’ favoriti sono i fumatori e

    gli ipertesi. Tuttavia anche l’alimentazione gioca un ruolo importante

    nella formazione delle placche aterosclerotiche. Quelle piu’

    pericolose sono composte da colesterolo, una sostanza contenuta nei

    grassi animali e assunta con il cibo. Un alimentazione ricca di grassi

    favorisce quindi l’arteriosclerosi.

    Ecco

    come agisce, il tè verde

    in questo processo: l’epigallo catechina contenuta nel tè verde,

    riduce il livello di colesterolo. Se si assume la bevanda

    contemporaneamente o subito

    dopo un pasto ricco di grassi i vasi ne risentono di meno e si combatte

    l’arteriosclerosi. Da uno studio condotto in Giappone agli inizi degli

    anni ottanta è emerso che il tè verde esercita anche un’azione

    preventiva sulle malattie cardiovascolari ed epatiche, infatti coloro

    che bevevano molto tè verde presentavano un tasso di colesterolo totale

    molto inferiore, con conseguente minor rischio di arteriosclerosi.

    Inoltre il tè verde sembrava anche essere in grado di distinguere tra

    colesterolo utile e

    dannoso; quest’ultimo infatti aumentava in coloro che lo assumevano

    regolarmente. Il colesterolo cattivo

    (LDL, low density lipoprotein) si deposita sulle pareti interne

    dei vasi, mentre quello buono (HDL, high density lipoprotein) riduce il

    rischio di infarto perchè stimola la scomposizione dell’LDL nel

    fegato.

    L’effetto

    di ridurre i grassi nel sangue del tè verde, dipende dalle saponine in

    esso contenute, che si legano al colesterolo dei cibi nell’intestino,

    impedendogli di entrare nel flusso sanguigno.

    Il

    tè verde abbassa anche la

    pressione sanguigna perchè

    agisce direttamente sui meccanismi di regolazione della pressione

    sanguigna. Il restringimento dei vasi fa aumentare la pressione

    sanguigna. L’ACE, un enzima del nostro corpo catalizza la formazione

    di una sostanza chiamata angiotesina II, che ha una forte azione

    ipertensiva. Gli studi piu’recenti hanno dimostrato che la catechina

    contenuta nel tè verde limita l’azione dell’ACE e riduce quindi la

    formazione di angiotesina.

    La

    catechina inoltre ha una forte azione anticoagulante, fattore ulteriore

    per la protezione dall’infarto e dal colpo apoplettico.

    Sulla

    psiche invece il tè verde ha un’azione rilassante; ma se, se ne

    assume molto della qualità a maggior contenuto di caffeina, si puo’

    provocare un aumento della pressione sanguigna, un’azione a breve

    termine, contrapposta a quella a lungo termine di abbassamento della

    pressione, che si instaura dopo mesi di assunzione regolare di tè.

    E’

    bene quindi utilizzare una varietà giusta, preparando un tè leggero.

    Un

    ulteriore beneficio della sua assunzione, è il suo effetto benefico

    sugli organi digestivi. I tannini c

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    prova ad aggiungere della menta e un po' di limone!! buonissimo! ^^

    SONO UNA FANATICA DEL THè VERDE E DELLE SUE PROPRIETà BENEFICHE...COME:

    " Sollievo in caso di problemi allo stomaco e all'intestino;

    " Riduzione del tasso di colesterolo nel sangue;

    " Tonificante dei vasi sanguigni;

    " Effetti benefici sul cuore e sulla circolazione;

    " Efficace contro l'arteriosclerosi;

    " Antinfiammatorio;

    " Favorisce la normalizzazione della tiroide;

    " Stimola l'irrorazione sanguigna e favorisce la rigenerazione della pelle;

    " Aumenta le capacità cerebrali e secondo recenti studi risulta efficace nella prevenzione dell'Alzheimer;

    " Combatte la depressione;

    " Aiuta nella guarigione delle malattie epatiche;

    " Azione antireumatica (consumo prolungato);

    " Combatte la formazione dei calcoli renali e della cistifellea;

    " Combatte la carie grazie all'apporto di fluoro;

    " Svolge azione preventiva anticancro;

    " Diuretico e disintossicante;

    " Antiossidante;

    " Ottimo dispensatore di ferro, fluoro.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Poco zucchero ed è un ottimo rinfrescante.!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.