cavaliere medievaleee?!?!?!?

sapete dirmi l'aspetto fisico del cavaliere medievale...il cavaliere del ciclo bretone come lancillotto e il paladino del ciclo carolingio?!

graziee!

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Il Vestito di Ferro

    Inizialmente l’armatura dei cavalieri era costituita da una cotta di maglia: una specie di tunica fatta di molti e piccoli anelli di ferro fittamente collegati fra loro. Nel corso del XII secolo questa corazzatura andò estendendosi, venendo a proteggere anche le braccia e le gambe mediante maniche e cosciali di maglia metallica. Si cominciò anche a portare una sottocotta imbottita e trapuntata avente il compito di smorzare i colpi.

    Nel Trecento si diffuse tra i cavalieri l’uso di piastre di ferro per proteggere gli arti, o le parti più esposte di essi. Anche il torso venne protetto sempre più spesso con piastre metalliche fissate ad una veste d’arme di tessuto. Nel secolo successivo, alcuni cavalieri cominciarono a portare una completa armatura metallica, che proteggeva ogni parte del corpo. Il peso completo di una simile corazzatura si aggirava intorno ai 20 25 kg, così ben distribuiti tuttavia, da consentire ad un guerriero armato di tutto punto, di correre, saltare o montare a cavallo senza alcun aiuto, anche se, allora come oggi, correvano storie di cavalieri (peraltro del tutto infondate) che si facevano issare a cavallo con una gru, perché paralizzati dal peso dell’armatura. In realtà, il vero problema della corazza era un altro: la grande scatola di ferro, quasi senza aerazione, diventava rapidamente un forno.

    A partire dal XV secolo si generalizzò l’uso di proteggere i cavalieri con un’armatura completa di piastre metalliche, sagomate in modo che le punte e le lame delle armi, scivolassero sulle loro superfici levigate. Questo accorgimento permetteva di smorzare la forza dei colpi, e quindi, consentiva di realizzare corazze ragionevolmente leggere. Le armature imitavano spesso le fogge delle vesti civili. Alcune erano parzialmente verniciate di nero, sia per proteggere il metallo, sia per ragioni decorative; altre venivano azzurrate, così da riflettere i raggi solari e diminuire il riscaldamento del metallo sotto il sole.

    Qualche esemplare di pregio venne decorato al bulino e, nel Cinquecento, si diffuse l’abitudine di incidere i disegni decorativi con l’acido. Bordi e fregi erano spesso in oro, o dorati: finitura che, in alcuni casi speciali, veniva estesa a tutta l’armatura.

    Opinione comune è che le armature a piastra fossero goffe e rigide. Ma, se questo fosse stato vero, non sarebbero mai state usate in battaglia. In realtà, un uomo in armatura poteva fare quasi ogni cosa che fosse capace di fare quando non la indossava. Il “segreto” stava nel modo in cui gli armaioli sagomavano le piastre, affinchè si potessero muovere l’una rispetto all’altra seguendo i movimenti del cavaliere. Alcune piastre erano incernierate e potevano ruotare una sull’altra. Altre erano unite da perni scorrenti in un’asola, in modo da poter non solo ruotare, ma anche scorrere. Molte erano connesse mediante stringhe interne di cuoio, che ne facilitavano lo scorrimento reciproco. Quelle sagomate a tubo avevano imbocchi a flangia o a manicotto, così da infilarsi l’una nell’altra e da ruotare senza scoprire parti del corpo.

    Le armature più antiche erano abbastanza facili da indossare: si infilava la maglia dalla testa e quindi si affibbiavano sulla schiena le piastre di rinforzo per il torso, i fianchi e le spalle.

    Infilarsi le armature a piastre metalliche era, invece, notevolmente più complicato, anche se, con l’aiuto di uno scudiero, un cavaliere poteva prepararsi al combattimento (o togliersi l’armatura) in pochi minuti. Si iniziava con l’indossare la “veste d’armi”, cioè l’indumento che stava sotto l’armatura, quindi si mettevano in posizione i vari pezzi dell’armatura stessa, cominciando rigorosamente da quelli inferiori e finendo con l’elmo.

    Nel Quattrocento, alcuni pezzi dell’armatura, venivano fissati alla veste d’armi, ma nel secolo successivo, ogni piastra veniva, di regola, assicurata alle altre per mezzo di corregge, perni o ganci.

    Le parti dell’armatura

    Il cimiero: questo ornamento rendeva agevole l’identificazione sul campo di battaglia, tuttavia già in quell’epoca, andava perdendo popolarità a favore di elmi meno ornati, come il bacinetto con visiera.

    Il bacinetto: o elmetto con visiera, nato in Italia nel XIV secolo, aveva probabilmente in origine una celata ribaltabile sulla fronte. Ma venne poi affermandosi la più pratica incernieratura laterale, quella che in Germania veniva scherzosamente chiamata Hundgugel, museruola.

    Maglia metallica: nelle cotte di maglia ogni anello era intrecciato, mentre era ancora aperto, con quattro altri anelli.Poi veniva ribattuto così da chiudersi. Il peso di una simile corazza si aggirava attorno ai 9-14 kg, in parte gravanti sulle spalle del combattente. Poiché la maglia era flessibile, un colpo inferto con forza, poteva provocare serie contusioni, od anche fratture letali.

    Lo scudo: i cavalieri protetti dalla sola maglia metallica, erano molto vulnerabili da parte di forti colpi di mazza o di lancia. Dove

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.