Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeSpazio e astronomia · 1 decennio fa

Ma se un corpo umano morto vaga nello spazio.. a distanza di tempo si decompone?

Ciao a tutti.. forse la domanda vi sembrerà un pò strana.. ma mi è venuta qsto dubbio quando ho sentito alla tv dire ke forse vi erano dei corpi rimasti vaganti nello spazio,ovviamente ormai morti.. ora ke sia vero o no.. indipendentemente da qsto..ma se un corpo umano deceduto vaga nello spazio.. a distanza di tempo si scompone??

Aggiornamento:

il_nick nn mi vado ad immaginare se qualcun'altro ha già fatto la stessa domanda.. e cmq nn costa nnt rispondere.. anzi vi danno pure 2 punti e se è la migliore 10.. quindi!..xD

Aggiornamento 2:

si ho cpto ke si congela.. ma essendo pur sempre materia.. qsto corpo si può decomporre a distanza di tempo?

25 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    a mio giudizio la decomposizione delle sostanze organiche dovuta a fermentazione con sviluppo di prodotti volatili necessita obbligatoriamente dell'ossiggeno in assenza della quale non avverrebbe la fermentazione.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Dato che la temperatura nello spazio è veramente gelida i corpi si congeleno cristallizzandosi rimanendo così intatti... A mio avviso penso che la decomposizione nello spazio non avvenga , sia per mancanza di batteri che per la temperatura, ecco il perchè di questa diceria... Il mio dubbio è un altro... Di chi sono i corpi che vagano nelloo spazio?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che io sappia, essendo appassionato di astronomia ed astronautica da una vita, non ci sono corpi vaganti nello spazio al momento.

    Nessun astronauta è mai stato perso o lasciato nel vuoto, compreso quelli deceduti per la causa, che sono periti in altre situazioni.

    Forse avranno sparato in orbita qualcuno come pena di morte? Chissà...

    Comunque la risposta è: se un copro senza tuta spaziale e protezioni, viene esposto al vuoto cosmico, se ancora in vita subisce una serie di cose terribili, che ora non ti spiego, per poi in pratica congelarsi per la temperatura bassissima, quindi resterebbe così, salvo poi essere risucchiato dalla gravità terrestre e fare la fine di migliaia di piccole meteore, che meglio conosciamo come "stelle cadenti".

    Se già morto, penso grosso modo lo stesso, si congelerebbe.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    un corpo che vaga nello spazio potrebbe decomporsi se le prima membrana lisosomiale si degrada: i lisosomi si diffondono e demoliscono l'intera struttura cellulare, così da smantellare un corpo intero molto lentamente con un effetto domino sulle altre cellule. Non so se questo processo sia aerobiotico od anaerobiotico, che avvenga quindi solo in presenza di ossigeno. Comunque se la mia teoria dovesse essere valida, un corpo nello spazio si decomporrebbe molto più lentamente rispetto uno ubicato sulla Terra, poichè, su quest'ultima vi è l'aria e l'acqua che favoriscono la proliferazione di batteri e vermi che fagocitano il cadavere molto più velocemente di quanto lo facciano i lisosomi.

    Aggiungo:

    Specifico che i lisosomi si trovano nelle cellule già prima che queste vengano aggredite da miceti e batteri necrofagi...quindi se vi sono le condizioni affinché la membrana che racchiude queste sostanze altamente corrosive (i lisosomi) si laceri, allora la fuoriuscita di queste comporterebbe la decomposizione.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    credo che prima o poi possa decomporsi se entra nell'orbita di pianeti con atmosfere con esalazioni di gas tali da decomporlo...poi boh..bisognerebbe avere un esperto...

    x il nick:ma quanto yogurt scaduto mangi?ti costa qualcosa essere cortese?inoltre nessuno ti ha puntato una pistola alla tempia per rispondere!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • in teoria dato il grande freddo, dovrebbe conservarsi per sempre ma...essendo fatto di materia organica e non di materia inorganica come gli asteroidi e le comete, subirebbe presto delle mutazioni, non si decomporrebbe di sicuro, ma che io sappia il dna è molto sensibile alle radiazioni.

    sulla terra il dna di un morto se ben conservato come ad esempio quello di un mammut può durare molto tempo, ma comunque non per sempre, nello spazio i raggi gamma e x penso che lo disintegrerebbero subito, quindi se degli alieni trovano l' umano e lo scongelano di sicuro non possono tentare di clonarlo insomma non troverebbero traccia del suo dna.

    un altro fattore logorante potrebbe essere il vento solare, siccome è un umano molto probabilmente si troverebbe in orbita alla terra e anche se non è vicino al sole, gli effetti secondo ME si farebbero sentire, non SO come ma qualcosa a lungo andare provocherebbe al suo corpo.

    faccio presente che se la terra non avesse un campo magnetico che ci protegge dal vento solare l' atmosfera sarebbe in grave pericolo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    e la madonna che terminaccio si "scompone", si dice si decompone!, cmnq no rimane intatto perchè nello spazio non c'è forma di vita quindi quei batteri o nn so e 'ossigeno e alti gas non sono presenti, non avviene il processo di decomposizione... da quanto penso io, ma credo sia vero..

    nn centra niente ma. il mistero del triangolo delle bernuda e stato risolto!!, hanno scoperto che in quella zona sottomarina c'è un emanazione di gas metano che provocano votici e mulinelli che risucchiano navi e aerei se sono a bassa quota...era questo il mistero....ex mistero!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    in realtà nello spazio, la temperatura è si molto bassa ma le particelle d aria presenti sono molto poche rispetto a quelle presenti nell atmosfera terrestre, per cui ben anche ci fosse una temperatura di -50° il nostro corpo, o meglio, il corpo del povero malcapitato, non avrebbe una temperatura bassa. E inoltre errata l affermazione che non ci siano batteri esistenti nello spazio, in quanto è stato dimostrato che microbatteri terrestri potrebbero raggiungere pianeti come Marte, il problema della loro proliferazione non sarebbe lo spazio, quanto la sopravvivenza su Marte in assenza di ossigeno e acqua, quindi il corpo di un essere umano senza vita nello spazio, innanzitutto gonfierebbe a dismisura facendo sembrare il nostro amico un mostro alieno, successivamente i tessuti inizierebbero a cedere lacerando il corpo, quindi come ha detto chi ha posto questa domanda, il corpo si "scompone" e forse questi frammenti di essere umano avrebbero a distanza di tempo segni di decomposizione perche all interno di questi frammenti batteri possono nutrirsi del corpo sopravvivendo piu a lungo di quanto farebbero nello spazio aperto, spero di esserti stato utile.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    nello spazio non essendoci una atmosfera ricca di ossigeno e con pressione giusta i batteri incaricati di decomporre la materia organica (perché i batteri si cibano di materia organica come animali morti).

    la decomposizione consente nel mangiare qualcosa e di trasformarlo.

    esempio. tu mangi. quando mangi che cosa succede nello stomaco? tu decomponi la materia organica e la trasformi in nutrienti e escrementi.

    non credo di essermi spiegato tanto.

    Fonte/i: da nessuno
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    no se si congela i batteri muoiono e poi nello spazio aperto nn ci sn forme di vita.......nn hai mai sentito parlare di gente k quando morirà si farà assiderare per rimanere intatti?

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.