Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

definizione di PROSPETTIVA in generale?

sto facendo la prospettiva a scuola e mi serve una definizione GENERALE di prospettiva senza andare nello specifico. tengo a precisare che non è la prospettiva riguardante l' arte ma riguardante il disegno, questo link è un esempio

http://www.istitutomaserati.it/prospettiva/Immagin...

ringrazio anticipatamente

mi serve la soluzione al più presto

la risposta dovrebbe essere generalizzata ma ampia.

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Nell'arte il termine prospettiva indica genericamente ogni sistema di rappresentazione della profondità dello Spazio euclideo tridimensionale, che la sensibilità dei vari momenti del gusto e dei vari artisti ha impiegato nelle diverse epoche.

    Nell'arte egizia, greca e romana, la rappresentazione tridimensionale era basata su un tipo "intuitivo" di prospettiva, con la sovrapposizione parziale di alcune figure ed elementi e con visioni angolari o di scorcio. Questo tipo di rappresentazione è evidente ad esempio anche in alcuni affreschi pompeiani.

    Nel periodo paleocristiano si studiarono attentamente le leggi ottiche per conferire a mosaici e opere pittoriche il voluto senso di naturalismo, con l'uso oltretutto della "prospettiva inversa", un voluto capovolgimento della convergenza delle linee al medesimo punto di fuga all'orizzonte; tale espediente, lungi dall'essere un errore come si è pensato, era invece coscientemente applicato nelle immagini sacre ad alcuni elementi raffigurati - un tavolo, un altare - per eludere ogni apparenza di riproduzione della realtà e per diminuire la valenza dello spettatore, poiché ci si trova innanzi ad una "prospettiva" non calcolata in relazione a sé (un esempio, il mosaico "Ospitalità di Abramo e il sacrificio di Isacco" presso la ravennate Basilica di San Vitale).

    Soltanto nel XV secolo e XVI secolo la cultura umanistica occidentale ha determinato la coincidenza del gusto estetico con una visione razionalistica in senso matematico che ha dominato l'arte moderna e che solo all'inizio del Novecento si è dissolta davanti alle scuole di avanguardia (cubismo, futurismo, ecc.).

    Soprattutto al Filippo Brunelleschi va il merito della prima vera ricerca per determinare rigorosamente le leggi che regolano la prospettiva; il riflesso della sua opera si coglie nel lavoro di Tommaso Masaccio e degli altri seguaci, e dimostra che la conquista delle leggi della prospettiva fosse oramai cosa fatta dalla prima metà del XV secolo: fra i più grandi maestri della prospettiva quattrocentesca, si ricordano Piero della Francesca e Melozzo da Forlì, esperto in particolare della prospettiva "da sotto in su", perciò detta anche, da alcuni, prospettiva melozziana.

    Non soltanto le opere teoriche certificano la nuova coscienza propria del Rinascimento di una coincidenza tra riflessione razionale e fantasia creatrice, ma l'impiego stesso dei nuovi mezzi per la creazione di una visione dello spazio destinata a realizzare la dignitas hominis attraverso l'equilibrio tra personaggio e ambiente.

    Successivamente, sin dalla metà del XVI secolo, con il manierismo e poi con il barocco, si diffondono le anamorfosi, ispirate al capriccio, alla meraviglia, alla funzione di palcoscenico che lo spazio ha nel barocco. Da qui la visione illusionistica di soffitti aperti dalla prospettiva su trionfi religiosi o mitologici visti dal basso, l'arte dei quadraturisti si avvale del rapporto matematico a fini illusivi ben più rigorosi di quelli dell'arte romana, ma anche ispirati ad una diversa visione della vita.

    Del tutto differente è il caso del cubismo che reintegra la terza dimensione ma tende a riportarla sul piano eliminando ogni intento di rappresentazione ottica. L'oggetto è costruito mediante l'analisi della sua struttura tridimensionale e tutti i successivi sviluppi delle arti figurative sono stati condizionati in modi differenti da questa rivoluzione che è il più radicale capovolgimento della visione prospettica umanistica e rinascimentale.

  • 1 decennio fa

    prova a dare un' occhiata qui

    http://www.artekjara.it/Manuale/disegno/prospettiv...

    spero possa esserti di aiuto... è tardi, nn ho voglia d cercare altro

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.