Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeChimica · 1 decennio fa

Come si riduce (si decompone) HNO3 ossidante?

Sono sempre in dubbio su queste tre reazioni:

(1) NO3(-) + 3 e(-) + 4 H(+) ----> NO + 2 H2O

riduzione da (+5) a (+2)

(2) NO3(-) + 1 e(-) + 2 H(+) ---> NO2 + H2O

riduzione da (+5) a (+4)

(3) 2 NO3(-) + 8 e(-) + 10 H(+) ---> N2O + 5 H2O

riduzione da (+5) a (+1)

La (2): NO2 si forma dopo, è una reazione successiva. Anzi, il fatto che si formi NO2 significa che "prima" si è formato NO e quindi sarebbe giusta la (1)

La (3): possibile che N si riduca così tanto, da +5 a +1 ??

Vorrei il vostro parere. Grazie.

Aggiornamento:

Dimenticavo:

- personalmente uso sempre la (1)

- la (3) mai

- la (2) .... non lo so, perchè l'ossidazione da NO a NO2 è successiva, cioè a mio parere non farebbe parte della redox del HNO3.

3 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Se effettui questa reazione in un sistema isolato, procede secondo la 1).

    Purtroppo NO non rimane molto tempo invariato.... ma a contatto con l'atmosfera diventa subito NO2.

    Ad ogni modo la vera reazione è la 1)... mentre la formazione di NO2 è successiva e avviene con un proprio meccanismo di reazione che non passa da NO3(-).

    La 3) è completamente sfavorita sia termodinamicamente che cinematicamente... in assenza di opportune condizioni e di un opportuno catalizzatore non avviene per niente.

    Ciao"

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ma non dipende dal riducente??

    voglio dire...se il potenziale del riducente è alto allora si ridurrà molto...

    poi dipende dall'ambiente, se acido o basico...

    ad esempio NO2 si forma solo in ambiente basico o neutro.

    N2O in tutti e due gli ambienti ma con almeno due reazioni (due nell'acido, tre nel basico)....! (e come hai detto te sarebbe giusta la 1)

    ma cmq (sempre in relazione all'ambiente da NO3 si può formare: (acido) N2O4, HNO2, NO

    (basico) N2O4 NO2 (anche subito, non è detto sia successiva)

    con le relative aggiunte di acqua...

  • Lyla
    Lv 6
    1 decennio fa

    Ti dico quello che mi hanno detto in varie occasioni i miei professori:

    per comodità si usa far ridurre NO3^- a NO, però questo è parzialmente vero in quanto non avviene mai una sola reazione, ma ci sono altre reazioni colaterali. La differenza sta nella quantità che si sviluppa di ciascun ossido e questo dipende anche dalle condizioni in cui avviene la redox, vedi temperatura, pressione, umidità, e quant'altro. L'unico modo per vedere cosa succede sarebbe fare delle analisi e quindi fare delle misurazioni sperimentali.

    Anche io uso sempre la prima, ma gli altri gas esistono in natura senza problemi, anche se NO2 tende a reagire abb. in fretta con sè stesso per formare N2O4. NO è cmq abbastanza stabile, anche se reagisce di sua sponte con O2. Cmq dipende tutto anche dalle condizioni di reazione...a volte si può avere la formazione di N2 o anche di NH3 se le condizioni sono particolarmente favorevoli, quindi dipende anche da chi viene ossidato.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.