Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

commento del film fight club con brad pitt?

qualcuno ha un commento del film fight club con prad pitt.. un commento abbastanza lungo e dettagliato. grazie..

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Tratto dall'omonimo romanzo di Chuck Palahniuk, Fight Club rappresenta uno dei tentativi più riusciti di espressione del disagio, del cinismo e del consumismo della società contemporanea.

    Di fronte alla maniacale ossessione per l'arredamento funzionale Ikea, per gli interminabili spostamenti in aereo, per la bieca banalità delle giornate lavorative, un giovane (Norton) sceglie la via drastica della ribellione, del combattimento corpo a corpo, del terrorismo, seguendo il folle ed affascinante Tyler Durden (Pitt), incontrato in aereo. La figura scaltra, decisa e nichilistica di Tyler si insinua come una liberazione nella vita del giovane, in alternativa a quella abituale, fatta di crisi d'insonnia e di frequenti visite a centri di sostegno per malati terminali, giusto per tirarsi un po' su, per rincuorarsi della propria situazione che, a confronto di quella del povero Bob, gigantesco energumeno con le tette malato di cancro ai *********, non è poi così male.

    Tyler diventa per Norton un maestro, una guida, quasi l'iniziatore di una setta, messianico e profetico, con i suoi brillanti aforismi ("l'automiglioramento è masturbazione".) Salverà la sua vita dal consumismo, dall'oblio, dall'irrealtà di un mondo patinato ed ovattato, terrbilmente vacuo, in cui tutto "è la copia di una copia, di una copia".

    E allora, le soluzioni sono due: o si sale in aereo sperando ogni volta in uno schianto (cosa però ahimè non così probabile), o si segue uno come Tyler, ci si fa marchiare la mano con liquido corrosivo, si va a vivere in una casa disabitata lasciando ai deboli ogni comfort, e ogni mercoledì ci si rinunisce segretamente in uno scantinato, il Fight Club appunto, a massacrarsi di pugni a mani libere, senza alcun tipo di protezione.

    C'è di più: l'epopea autodistruttiva è appena cominciata. Nemmeno le attenzioni di una donna particolare, incontrata ai gruppi di sostegno (Bohnam-Carter) potranno arrestare il giovane (non a caso senza nome, a sottolineare il qualunquismo del personaggio) e il suo nuovo, terribile amico Tyler nei onari ed irreversibili: mescolando napalm, nitroglicerina e succo d'arancia si ottiene un potente esplosivo. Si può far saltare in aria anche un intero palazzo. Si potrebbero, a questo scopo, riunire i membri del Fight Club e organizzarli in squadre d'azione terroristica, sotto il comando di Tyler.

    In un delirio di cinsimo e sequenze rapide, riprese crude e taglienti, il regista David Fincher reinterpreta il libro di Palahniuk con grande abilità. Il film appare come una scelta di vita drastica ed irreparabile, che sembra scappare di mano al protagonista, sempre più gravemente, fino al colpo di scena finale.

    Attori perfetti per le loro parti (Brad Pitt meraviglioso, con occhiali da sole e fisico marmoreo, Norton sublime, espressivo, rassegnato; la Bonham Carter carismatica, di una femminilità non convenzionale).

    Inquietante, liberatorio e dissacrante, Fight Club non manca di risvolti filosofici e psicologici interpretabili nelle maniere più disparate (c'è chi ha visto nelle azioni terroristiche l'ultima, drastica propaggine delle rivolte comuniste contro il consumismo, chi l'espressione dell'anarchismo più riuscita e chi un pericoloso richiamo alle squadre d'azione fasciste).

    Quello che colpisce è la devastante autodistruzione che si respira per tutto il film, non senza trovate ironiche e suggerimenti preziosi (come versare il proprio sperma in una mousse, se si è camerieri e il cliente non è particolarmente simpatico).

    Da vedere, per sorprendersi e riflettere.

  • 4 anni fa

    Ciao Ginevrina cara!!! Io salvo senza dubbio "intervista col vampiro" -Mr. & Mrs. Smith elimino: -In Mezzo Scorre Il Fiume -Una Vita Al Massimo -A Letto Con l'Amico Bacini

  • Anonimo
    1 decennio fa

    quoto Vin

  • 1 decennio fa

    miiinkia ke film....ero in vakanza kn i miei amici strafatti e ubriaki...e c siamo fatti dei viaggi assurdi.....poi alla fine si skopre ke brad pit e il protagonista sn la stessa persona...ooooops!!!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.