Fabrizio M ha chiesto in Casa e giardinoFai-da-te · 1 decennio fa

gambe pieghevoli per tavoli?

devo fare un tavolino con 4 gambe indipendenti pieghevoli, non trovo nessun sito per avere un idea, mi aiutate?? sapete anche i prezzi piu o meno??

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    ciao!

    molto semplice .....

    cominciamo con la misura del tavolino

    te lo spiego come se fosse io a farlo... le misure dopo le cambi a tuo piacere...

    un tavolino 80x 90 x 60cm di altezza

    materiale occorrente compro al .....brico.... o ...al fai da te....

    n° 1 tavola misura Standard

    n°4 gambe alte 60cm 5x5 cm

    n°4 cerniere larghe 40x40 mm x gambe

    n° 8 cerniere da 3 x 4 cm x traversi

    n°50 viti da legno 4x20 testa croce svasata

    n° 8 traversino da 3cmx 4cm lunghi 20 cm

    incominciamo ..

    avvito le cerniere sulle gambe e dopo sulla tavola ..

    le misure sta un po' attento che quando chiudo non vanno ad incrociarsi ma se chiudo si avvicina ....

    tra una gamba all'altra devi fare la croce sempre con cerniere che servono nella chiusura in modo che il tavolino quando è aperto non si chiude da solo

    spero che mi sia spiegato...comincia vedrai che non è difficile

  • 1 decennio fa

    Non ti serve un sito, caro amico, solo la logica. Se il tuo tavolo o tavolino è quadrato o rettangolare o circolare NON IMPORTA.

    Se le gambe le fai a sezione triangolare, belle spesse e le imperni con cerniera a libretto applicata sul lato piatto interno della gamba e del pianale del tavolo, si piegheranno all'interno, convergenti verso il centro del tavolo, dove potrai fissarle con un semplice sistema a gancetto. Semplice no? Ovviamente dovrai avere un fissaggio stabile per quando le gambe servono distese, per motivi di stabilità; basta che tu le faccia, IL CHE E' MEGLIO, e più semplice a montare e smontare, incernierandole in modo molto robusto su una base larga, e in modo che siano leggermente divergenti verso l'esterno a tavolino in uso, e con gommini fissati con viti alla base dei piedi di ogni gamba, antiscivolamento. Puoi ottenere questo semplicemente, smussando la testa superiore DI OGNI GAMBA ma leggermente (a fetta di salame) ossia con una differenza di uno o due millimetri, altrimenti le gambe divergerebbero troppo, dove va a contatto e viene sostenuto IL PIANALE DEL TAVOLO, e lo stesso discorso per la parte che tocca il suolo, che regge il gommino, con la stessa minima angolazione (a fetta di salame) per un appoggio stabile su una superficie più ampia e non su uno spigolo soltanto.

    Infine, basterebbe unire le gambe con quattro cavetti in nylon od acciaio tramite tendicavi a vite, collegati ad un anello in acciaio al centro, e comune a tutti e quattro i cavi e le gambe. Il che scaricherebbe qualsiasi tensione oscillazione o sforzo ecccessivo sull'anello centrale, sforzo che andrebbe sulle cerniere se essi non ci fossero. E' il principio delle catene da neve e dell'elastico centrale tenditore, che tirano e fanno aderire di continuo le catene sullo pneumatico, anche se qui invece sono le gambe che tirano l'anello e viceversa.

    E' più facile a farlo che a descriverlo; unica limitazione, l'altezza del tavolino sia se fosse quadrato, o circolare, perchè non può ovviamente l'altezza da terra, superare la lunghezza di metà della diagonale del pianale (per evitare interferenze fra le gambe , che si toccherebbero, O SOVRAPPORREBBERO, se piegate, è intuitivo, e similmente non può superare la lunghezza del raggio se fosse un tavolino circolare, perchè pure si toccherebbero al centro);

    Se il tavolino fosse circolare, per renderlo più stabile basta farlo con tre gambe, invece che quattro, e la legatura delle gambe a triangolo, fatta passare attraverso occhielli. Quindi basterebbe un solo cavetto.

    Questa precisazione perchè non hai specificato la FORMA del tavolino che vuoi fare, nè le dimensioni nè l'altezza da terra. Per un tavolino rettangolare, fosse troppo stretto e lungo le gambe sarebbero a rischio di incrocio fra di loro in posizione piegata, per cui non puoi superare una certa altezza ugualmente, ma il problema si risolve meglio perche se' le proporzioni del rettangolo fossero anche notevoli in lunghezza rispetto alla larghezza, basta inclinarle diversamente, rispetto all'asse della diagonale. Basta un millimetro anzi molto meno meno di differenza di rotazione alla base rispetto all'asse della diagonale, che genera automaticamente un angolo diverso di piegatura, così che non si potranno mai incrociare e sovrappore fra loro. Anche qui per la necessaria divergenza e stabilità delle gambe, stesso trattamento DELLA TESTA DI APPOGGIO DELLA GAMBA, (a fetta di salame) mi raccomando di pochissimi millimetri, perchè più le gambe sono lunghe e meno vanno smussate altrimenti divergerebbero e sporgerebbero troppo ai lati, sforzando troppo le cerniere e le viti di ancoraggio delle stesse.- (Per evitare questo ho appunto previsto i cavetti tenditori collegati al centro con anello comune. )

    Lo stesso trattamento di smussatura sulla parte che poggia al suolo, sempre a fetta di salame e con la stessa angolazione.

    Per un tavolino quadrato la piegatura delle gambe potrebbe pure essere ruotata leggermente rispetto alle diagonali, come sopra, se fosse necessaria un'altezza maggiore e fosse un tavolino piccolo ed alto, in ogni caso deve essere inferiore in altezza da terra alla lunghezza della diagonale anche con la piegatura angolata come sopra, non in asse con le diagonali o le gambe piegate sporgerebbero rispetto al pianale.-

    Ti domanderai, caro amico, perchè piegarle verso l'interno lungo l'asse delle diagonali o leggermente angolate rispetto ad esse, cosa che sembra una complicazione? Per avere la stabilità in ogni senso e non avere una struttura traballante da un lato o da un altro senza necessità di fissaggi ulteriori, o braccetti scorrevoli che complicherebbero la costruzione ed il montaggio, perchè le cerniere si aprono e chiudono a libro; se sottoposte a sforzi nell'altro senso per effetto del braccio di leva causato dalla lunghezza della gamba che farebbe spinte e torsioni di di decine e decine di chili farebbero presto a svergolarsi, compromettendo tutto il lavoro, ed il tavolo, specie se caricato sarebbe instabile; e prima o poi si rovescerebbe.

    Spero con questa mia di non avere confuso le idee E DI ESSERMI SPIEGATO BENE. Mi dispiacerebbe davvero fare parte dell' U.C.A.S, acronimo di UFFICIO COMPLICAZIONE AFFARI SEMPLICI, conosciuto pure come U.C.A.F, ossia UFFICIO COMPLICAZIONE AFFARI FACILI.....

    Ciao, spero di esserti stato utile.-

    Mauro

    Fonte/i: Ingegno, immaginazione, conoscenza della meccanica, della geometria e delle ferramenta, della lavorazione del ferro, e perchè no? Anche un poco di umorismo finale.-
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.