? ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Cosa sono i giardini galleggianti?

sto facendo una ricerca sugli aztechi e dice che facevano giardini galleggianti. qualcuno sa dirmi che sono o come funzionavano? grazie

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Durante i secoli, la gente indigena nahua del lago Xochimilco e di ciò che resta del lago Texcoco, nella prima periferia della megalopoli di Città del Messico, hanno praticato un sistema agricolo e orticolo unico nel suo genere: i giardini galleggianti o “chinampas” (dal nahuatl “chinamitl: lett. “gruppo di canne lacustri sopra una superficie”).

    La Valle del Messico, una grande conca di 81000 km quadrati situata fra le alte montagne vulcaniche, quando vi entrò Cortés e gli altri conquistadores, nel 1519, racchiudeva cinque laghi denominati con il nome dei suoi abitanti: Zumpango, Xaltocan, Texcoco le cui acque sono salmastre (il fenomeno è originato dai feldspati di sodio - “tierra salitral” del dilavamento delle rocce vulcaniche), Xochimilco, Chalco ad acque dolci. Tutti e cinque i laghi, però, presentavano un costante cambiamento dei loro livelli, andamento che faceva disseccare quelli situati a nord, durante la stagione invernale.

    Cultura indigena

    Ma ad essere più esatti si trattava dello stesso lago, il Texcoco, le cui barriere naturali e artificiali provocavano la differenziazione di cinque separate sezioni. Durante l’epoca spagnola, siamo intorno al 1607, un ingegnere ignorando e burlandosi delle conoscenze di gestione ecologica degli Aztechi, fece scavare un canale di 25 chilometri agli ormai schiavizzati indigeni con l’idea di disseccare il lago e adibire queste terre al coltivo agricolo terrestre.

    Il risultato, come si legge nella cronaca di Torquemada (1607), fu disastroso: il lago presentava un elevato contenuto di sali disciolti che causarono la sterilità delle terre interessate all'esperimento. Così Città del Messico invece di una grande area di terre fertili si trovò attorniata da un deserto inutile anche per il pascolo. E non basta. Durante gli inverni secchi dal suolo si alzavano nubi di polvere che contribuirono ad incrementare le condizioni inospitali ed insalubri della città. La distruzione dei sistemi idraulici, la pratica irresponsabile del diserbaggio delle terre alte che attorniavano la Valle, sommate all'inevitabile liscivaggio ed elevamento dei fondali del lago provocarono catastrofiche inondazioni della città fino al 1865.

    La coltivazione con il sistema delle “chinampa?” pare abbia preso il via con lo sviluppo della capitale azteca preispanica, la grande Teotihuacan, costruita nel 1325 nella parte più bassa della vallata, con le opere di disseccamento delle zone pantanose fra il 300-1000 a.C. e grazie alla creazione di un sapiente sistema idraulico durante tutto il periodo Classico. Un consistente numero di fonti storiche ed archeologiche suggeriscono che non solo Teotihuacan ma anche molte altre città vennero fondate sopra dei banchi di chinampas grandi e separati, che, gradualmente ampliati, hanno finito per dare vita a un’isola.

    Zattere acquatiche

    I laghi Chalco e Xochimilco, poi, alimentati dai fiumi Amenacameca e Tlalmanalco e da diverse sorgenti, grazie ai loro bassi fondali e alla vitalità dei suoli di origine vulcanica, favorirono l’espansione, in tutta la regione di Puebla e Tlaxcala, di un sistema di coltivo galleggiante e lo sviluppo di un altro sistema agricolo assai simile: i “tlateles".

    Per sviluppare le chinampas, gli Aztechi costruirono un complesso e accurato sistema di dighe attraverso il quale regolavano il travaso dell' eccedenza di acqua da un lago all’altro, come mostrano gli scavi archeologici delle prese d’acqua di Teotitlan e le gallerie filtranti sotterranee (simili alle fogarras y qanats delle culture arabe) di Tepeaca e sotto Tehuacàn; la chinampa, infatti, richiede un preciso livello di acqua nei canali che la circondano e l’oscillamento del livello non può sorpassare la ventina di centimetri.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.