La vicenda di Eluana Englaro, vi ha portato a fare delle riflessioni sulla vita e il suo significato?

Tralasciando il teatrino della politica e le strumentalizzazioni, cosa vi lasciato nell'intimo di voi stessi?

17 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Mi ha fatto capire che oltre alla Vita e alla Morte c'è un terzo stadio: l'Esistenza.. esistere non vuol dire vivere.. no, magari.. vivere significa scrivere un libro di cui tu stesso sei di ogni capitolo, di ogni pagina, di ogni frase l'autore ed il lettore.. la vita è una giostra di emozioni e di speranze, di delusioni e sorprese, di alti e bassi.. se togli tutte queste cose non stai vivendo.. stai semplicemente esistendo.. non sei morto.. morti si è biologicamente.. ma ti puoi considerare vivo? Sei e basta. Senza attributi.. e quel libro di cui solo tu custodivi la penna, diventa una pagina bianca sulla quale ogni macchia di inchiostro che ti sforzi di lasciare si cancella da sola..

    Eluana mi ha insegnato la grande differenza tra Vita ed Esistenza, una differenza che, nella mia limitatezza, non mi ero mai posto.. una differenza che mi ha fatto capire con che arroganza certe persone intendano imporre il dovere all'Esistenza.. la vita è un valore.. il diritto alla vita c'è, e deve sempre esserci.. ma quando questa si tramuta in esistenza, allora è semplicemente orrendo ed abominevole imporre a qualcuno il dovere di esistere.. chi me lo fa fare? Un cattolico? Un politico? No grazie. La mia vita potrete pure considerarla patrimonio comune, collettivo.. certo, mi arrabbierei un po', ma va bene.. ma la mia esistenza.. li solo io decido. E si rispetti la mia volontà.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Tanta amarezza...!!! E triste pensare che tutto questo e' servito solo per i giornalisti ed i politici...!!!

    Pensa a quante persone nella stessa situazione di Eluana ci sono...ma evidentemente non fanno notizia...!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ognuno di noi deve avere la libertà di scegliere sulla propria vita (o non-vita)....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • si, voglio fare il testamento biologico....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Non me ne vogliano i cattolici ma io penso che la vita sia caratterizzata dall' AGIRE e dal REAGIRE al mondo esterno e ai suoi stimoli. Tutto questo non era proprio di Eluana.Cosa c'è di naturale in una vita che viene portata avanti da respiratori artificiali e da alimentatori artificiali? Nulla di ciò è naturale.Forse la volontà di Dio era quella che lei morisse tanti anni fa in quell'incidente. Invece è stato l'uomo che l'ha tenuta in vita tutto questo tempo. Io non posso pensare che tutto questo sia un disegno di Dio, e cioè quello di fare vivere una donna in quelle condizioni per tutto questo tempo. Perchè allora questo non è un Dio buono. Un Dio buono l'avrebbe fatta uscire dal coma, l'avrebbe fatta tornare ad AGIRE e REAGIRE e lei ne avrebbe lodato la bontà di salvarla di averle ridato una vita con tutti i crismi. Ma in questo modo come può un padre consolarsi pensando "E'la volontà di Dio che mia figlia rimanga attaccata ad una macchina "? Come possono certi pensare che un uomo riesca a continuare a vivere in sospensione?Di solito la morte di un nostro caro è brutta ma almeno se una persona muore, il nostro dolore viene "attutito"dalla speranza o dalla certezza che il nostro caro riposi in un mondo migliore. Ecco, Beppino Englaro nemmeno questo poteva avere!E questo è disumano. E'umana la vita, è umana la morte ma non è umano un corpo attaccato ad una macchina.

    So che posso essere ritenuta blasfema ma questo è quello che penso e che provo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • una sensazione difficile da deglutire. non ci posso pensare... eluana è morta 17 anni fa.. e l'idea di porre fine a questo strazio è stata giusta.. ma non ciò che hanno fatto loro... avrei voluto magari che le facessero una puntura, considerata dalle istituzioni un omicidio!! e cosa è stato questo?? è stato meglio toglierle cibo e acqua? è stato bello per i genitori vedere la propria figlia tossire per la troppo sete? cosa mi ha lasciato? un senso di vuoto dentro.. penso a lei e spero che non abbia sofferto troppo.. perchè neanche il miglior medico questo può saperlo...

    solo lei e dio lo sanno..

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    La vita non è nostra ci è stata donata e nessuno può levarcela neanche con il nostro permesso.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Mita
    Lv 5
    1 decennio fa

    Io sono rimasta colpita da alcuni commenti che ho letto su vari giornali e siti. In molti, riportando il parere dei lettori, hanno detto e scritto: "Finalmente hanno staccato le macchine che tenevano in vita Eluana". Oppure "Finalmente hanno staccato la spina" Ma a quali "macchine" si riferiscono? I medici e anche la suora stessa che ha assistito Eluana per 17 anni hanno dichiarato: "Eluana non è mai stata attaccata a nessuna macchina/respiratore. Eluana ha sempre respirato da sola. Il cuore di Eluana batte da solo. I suoi polmoni funzionano da soli, così come tutti i suoi organi vitali. Solo l'alimentazione è assistita. Eluana apre e chiude gli occhi, ma non è mai stata dipendente da respiratori o similari.

    Non c'erano macchinari intorno al letto di Eluana, non monitor, non grovigli di fili, né spettrali bip bip, freddi e disumani come echi di un altro mondo. Il suo letto aveva solo lenzuola candide e biancheria profumata: nulla più. E intorno al suo corpo si davano da fare a turno quattro fisioterapisti: non stava mai 'ferma', Eluana, grazie a loro, e così braccia e gambe erano tornite, non avvizzite e magre, il viso era paffuto, la pelle morbida come un velluto. Ogni giorno le suore la spalmavano di creme e pettinavano i suoi capelli ancora nerissimi... «Staccare la spina», si è detto, ma si faceva presto: non c’era niente che si potesse staccare, perché Eluana a niente era 'attaccata' se non, tenacemente, alla vita. Non le hanno nemmeno ferito la gola con la tracheotomia, perché respirava come tutti noi, autonomamente, non c’era traccia di cannule o tubi, niente che la potesse infettare con tremori di febbre... Era una disabile grave, ma non aveva malattie. Lo ha ammesso anche il neurologo Defanti, amico di suo padre - «è una donna molto sana». Troppo. Perché morisse non restava che negarle cibo e acqua, renderla 'terminale' per fame e per sete: un sistema infallibile. “

    Fonte:

    http://www.avvenire.it/Cronaca/Eluana+vita+quotidi...

    Io ritengo che Eluana fosse viva, infatti è morta dopo 4 giorni di assenza di cibo e acqua. Dopo 4 giorni senza acqua forse morirei anche io. A mio parere in questo caso non si può parlare di accanimento terapeutico purché, come spesso detto, ad Eluana non veniva applicata nessuna terapia. Aveva solo il sondino per l'alimentazione.

    Secondo me è grave che i mass-media usino con superficialità e in modo non veritiero termini come "accanimento terapeutico" o "staccare la spina".

    L'alimentazione non rientra in nessuna terapia. Continuare a nutrire una persona non è "accanimento" , l'alimentazione rientra nei bisogni naturali dell'uomo nel senso che tutti abbiamo bisogno di cibo e acqua per vivere. Sarebbe "accanimento terapeutico" se con tanti macchinari e medicine si tiene in vita per forza qualcuno. Nutrire una persona non è accanimento terapeutico, Eluana non era “tenuta in vita” da strumenti esterni, Eluana viveva da sola senza nessun ausilio, era solo assistita nell'alimentazione.

    L’alimentazione assistita tramite sondino non è “alimentazione artificiale”, si parla di “alimentazione artificiale”, quando una persona è nutrita tramite P.E.G. Mi fa soffrire pensare che alla fine Eluana sia morta per mancanza di cibo e di acqua,

    anche dal punto di vista medico essere alimentati con un sondino non è sinonimo di "essere attaccati ad una macchina"

    Secondo me, purtroppo, la stampa non ha dato corrette informazioni e poi la gente si crea opinioni sbagliate.

    Mi sorgono vari interrogativi: nel codice del Diritto è ribadito più volte che la volontà deve essere espressa tramite atto scritto affinché tale manifestazione di volontà si possa ritenere valida. Anche per la vendita di un immobile, per delegare qualcuno ecc, tutto deve essere fatto tramite atto scritto, altrimenti non è valido. Quindi mi chiedo come mai sia stata data tanta importanza e validità al fatto che Eluana a 18 anni avrebbe detto che nel caso fosse successa una cosa così sarebbe voluta morire. Da quando il Diritto si basa sul "mi aveva detto" ?

    Per quanto riguarda la volontà di Eluana non c'è nessun atto scritto. A 18 anni nel pieno della vita, senza magari pensarci o rifletterci veramente, Eluana potrebbe aver anche detto una cosa del genere. Bisogna tener conto dell'età e del contesto in cui tali affermazioni siano state fatte. Io non credo che a 18 anni Eluana abbia preso una tale decisione motivandola e parlandone a lungo, riflettendoci bene. Poi c'è tutta la questione se sia veramente vero che Eluana abbia espresso veramente tale volontà. Penso che tutti avrete letto nei giorni scorsi la lettera di Crisafulli in cui smentisce tale cosa: http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/arti...

    Ho letto quanto scritto dal professor Alessandro Bassi Luciani e riporto qui di seguito le parti che mi hanno colpita: "Eluana non è sottoposta ad alcun accanimento, il quale, per essere tale, necessiterebbe di terapie mediche che, invece, non vengono eseguite sempli

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    ma in effetti Eluana è morta ieri 9 febbraio 2009 presso la clinica la Quiete a Udine, molti dicono per arresto cardiocircolatorio, molti dicono per la mancata nutrizione.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    mi ha lasciato un punto interrogativo,è stato giusto oppure no?La morte fa parte della vita però la vita è un dono!Sai cosa ti dico?Se hanno fatto morire Eluana,allora devono morire tutte quelle persone PEGGIO di lei?La vta è una grande donoma se per il padre Eluana è morta 17 anni fa è stato giusto così

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.