Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiScienze sociali - Altro · 1 decennio fa

Indipendentemente dal fatto etico, a me il padre di Eluana è molto antipatico. Voi che ne pensate?

Lui avrà anche fatto la sua lotta, ma se io avessi avuto un figlio/a in quelle condizioni, e avessi deciso di farlo morire, l'avrei portato in Olanda a fare l'eutanasia vera e propria.

Non avrei MAI accettato nemmeno la più remota delle possibilità che potesse soffrire. E sopratutto non l'avrei fatto/a morire per deperimento fisico.

E adesso leggo che dopo 17anni di rotture al mondo, nemmeno va ai funerali della figlia. E non mi dite che è per via dei media!

Io mio figlio/a non potrei non accompagnarlo nell'ultimo saluto al mondo.

Bah... sarò io che sono troppo sentimentale.

Aggiornamento:

Eh, no sandro!

Guarda che ad Eluana non hanno fatto l'eutanasia!

E io mi ci sono messo nei panni del padre, e proprio per questo ho detto che IO AVREI CHIESTO L'EUTANASIA VERA E PROPRIA, ovvero quella che non viene fatta in italia, ma credo in olanda.

Il padre il dibattito l'ha VOLUTO sollevare, qui in Italia, per principio.

Ma io prima del principio, GIUSTO O SBAGLIATO CHE SIA, avrei messo in primo piano la possibilità che mia figlia potesse soffrire

5 risposte

Classificazione
  • Mita
    Lv 5
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Io sono rimasta colpita da alcuni commenti che ho letto su vari giornali e siti. In molti, riportando il parere dei lettori, hanno detto e scritto: "Finalmente hanno staccato le macchine che tenevano in vita Eluana". Oppure "Finalmente hanno staccato la spina" Ma a quali "macchine" si riferiscono? I medici e anche la suora stessa che ha assistito Eluana per 17 anni hanno dichiarato: "Eluana non è mai stata attaccata a nessuna macchina/respiratore. Eluana ha sempre respirato da sola. Il cuore di Eluana batte da solo. I suoi polmoni funzionano da soli, così come tutti i suoi organi vitali. Solo l'alimentazione è assistita. Eluana apre e chiude gli occhi, ma non è mai stata dipendente da respiratori o similari.

    Non c'erano macchinari intorno al letto di Eluana, non monitor, non grovigli di fili, né spettrali bip bip, freddi e disumani come echi di un altro mondo. Il suo letto aveva solo lenzuola candide e biancheria profumata: nulla più. E intorno al suo corpo si davano da fare a turno quattro fisioterapisti: non stava mai 'ferma', Eluana, grazie a loro, e così braccia e gambe erano tornite, non avvizzite e magre, il viso era paffuto, la pelle morbida come un velluto. Ogni giorno le suore la spalmavano di creme e pettinavano i suoi capelli ancora nerissimi... «Staccare la spina», si è detto, ma si faceva presto: non c’era niente che si potesse staccare, perché Eluana a niente era 'attaccata' se non, tenacemente, alla vita. Non le hanno nemmeno ferito la gola con la tracheotomia, perché respirava come tutti noi, autonomamente, non c’era traccia di cannule o tubi, niente che la potesse infettare con tremori di febbre... Era una disabile grave, ma non aveva malattie. Lo ha ammesso anche il neurologo Defanti, amico di suo padre - «è una donna molto sana». Troppo. Perché morisse non restava che negarle cibo e acqua, renderla 'terminale' per fame e per sete: un sistema infallibile. “

    Fonte:

    http://www.avvenire.it/Cronaca/Eluana+vita+quotidi...

    Io ritengo che Eluana fosse viva, infatti è morta dopo 4 giorni di assenza di cibo e acqua. Dopo 4 giorni senza acqua forse morirei anche io. A mio parere in questo caso non si può parlare di accanimento terapeutico purché, come spesso detto, ad Eluana non veniva applicata nessuna terapia. Aveva solo il sondino per l'alimentazione.

    Secondo me è grave che i mass-media usino con superficialità e in modo non veritiero termini come "accanimento terapeutico" o "staccare la spina".

    L'alimentazione non rientra in nessuna terapia. Continuare a nutrire una persona non è "accanimento" , l'alimentazione rientra nei bisogni naturali dell'uomo nel senso che tutti abbiamo bisogno di cibo e acqua per vivere. Sarebbe "accanimento terapeutico" se con tanti macchinari e medicine si tiene in vita per forza qualcuno. Nutrire una persona non è accanimento terapeutico, Eluana non era “tenuta in vita” da strumenti esterni, Eluana viveva da sola senza nessun ausilio, era solo assistita nell'alimentazione.

    L’alimentazione assistita tramite sondino non è “alimentazione artificiale”, si parla di “alimentazione artificiale”, quando una persona è nutrita tramite P.E.G. Mi fa soffrire pensare che alla fine Eluana sia morta per mancanza di cibo e di acqua,

    anche dal punto di vista medico essere alimentati con un sondino non è sinonimo di "essere attaccati ad una macchina"

    Secondo me, purtroppo, la stampa non ha dato corrette informazioni e poi la gente si crea opinioni sbagliate.

    Mi sorgono vari interrogativi: nel codice del Diritto è ribadito più volte che la volontà deve essere espressa tramite atto scritto affinché tale manifestazione di volontà si possa ritenere valida. Anche per la vendita di un immobile, per delegare qualcuno ecc, tutto deve essere fatto tramite atto scritto, altrimenti non è valido. Quindi mi chiedo come mai sia stata data tanta importanza e validità al fatto che Eluana a 18 anni avrebbe detto che nel caso fosse successa una cosa così sarebbe voluta morire. Da quando il Diritto si basa sul "mi aveva detto" ?

    Per quanto riguarda la volontà di Eluana non c'è nessun atto scritto. A 18 anni nel pieno della vita, senza magari pensarci o rifletterci veramente, Eluana potrebbe aver anche detto una cosa del genere. Bisogna tener conto dell'età e del contesto in cui tali affermazioni siano state fatte. Io non credo che a 18 anni Eluana abbia preso una tale decisione motivandola e parlandone a lungo, riflettendoci bene. Poi c'è tutta la questione se sia veramente vero che Eluana abbia espresso veramente tale volontà. Penso che tutti avrete letto nei giorni scorsi la lettera di Crisafulli in cui smentisce tale cosa: http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/arti...

    Ho letto quanto scritto dal professor Alessandro Bassi Luciani e riporto qui di seguito le parti che mi hanno colpita: "Eluana non è sottoposta ad alcun accanimento, il quale, per essere tale, necessiterebbe di terapie mediche che, invece, non vengono eseguite sempli

  • Xander
    Lv 7
    1 decennio fa

    prova a metterti nei suoi panni

    ha passato 17 anni sperando in un miracolo per la figlia, soffrendo incredibilmente e accudendo oltre a lei anke la moglie malata

    dopo 17 anni di silenzi al momento in cui lui decide di far morire la figlia si scatena un batti e ribatti politico sull'eutanasia, e i politici a cui nn frega nnt della vita della persona(vedi berlusconi o napolitano ke una visita all'ospedale dove si trovava eluana potevano pure farla,invece di fare inutili didiscorsi) litigano a vicenda per fare una legge invece di dare conforto a un povero padre lo accusano anke di averla uccisa,allora perkè deve andare a un funerale ke nn ha valore per lui ma lo ha come fatto mediatico,lui ha salutato già a modo suo la figlia

    Fonte/i: mi piacerebbe vedere qualke risposta in più a questa domanda peccato ke nn c'è nessuno
  • Anonimo
    1 decennio fa

    in Olanda non te la facevano come NEMMENO IN SVIZZERA

    ENTRAMBI PAESI NEI QUALI DEVI RISIEDERE ED ESSERE CITTADINO PER CHIEDER UNA PRATICA DEL GENERE

    E adesso leggo che dopo 17anni di rotture al mondo, ????

    ma TI VERGOGNI? SAI COSA VUOL DIRE AVERE UNA FIGLIA IN QUELLE CONDIZIONI?SAPERE CHE LEI ERA UNO SPIRITO LIBERO...e vederla cosi?

    Sai che .dopo aver visto Alessandro(nella stessa rianimazione capitatale) il suo amico esattamente 1 anno prima di quel maledetto 18 gennaio 1992

    Eluana conoscendo la situazione nella quale si e' venuta a trovare si rese conto dell'invasivita' dell'iter rianimativo e ritornando a casa ne aveva parlato dicendo 'nel caso succedesse qualcosa del genere a me voi dovete intervenire e sospendere questo iter rianimativo' perche' vedeva che il suo amico era invaso in tutto e per tutto da mani altrui e per lei era diventata una VERA E PROPRIA OSSESSIONE''

    nemmeno va ai funerali della figlia. E non mi dite che è per via dei media!

    Ebbene NO E CONOSCO BEPPINO ENGLARO....SAI PERCHE NON CI è ANDATO?PERCHE è STATO IN QUESTI GIORNI ED E TUTTORA SOTTO SCORTA AVENDO RICEVUTO TELEFONICAMENTE VIA SMS E VIA MAIL.....MINACCE DI MORTE

  • 1 decennio fa

    Sia come sia credo invece che dovremmo ringraziarlo tutti quanti per aver sollevato il problema e spinto così i nostri pigri strapagati politici a darsi una mossa in merito al testamento biologico.

    Il grosso guaio dei nostri giorni è proprio che più nessuno fà niente per principio,e non solo per far le leggi che gli tornan comode.

    Visto che scrivi MAIUSCOLO che avresti fatto questo e quello comincia,molto in minuscolo,ad andare a fare un pò di volontariato in una struttura dove ci sia qualcuno nelle stesse condizioni in cui ha versato Eluana per 17 anni.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    é eutanasia quella che è stata fatta a Eluana vera e propria e per di più illegale perché l' ordine dei medici ribadisce che per staccare il sondino che alimenta un paziente deve esserci una fondamentale condizione: DEVE ESSERE IN GRADO DI ALIMENTARSI DA SOLO l' eutanasia consiste nel procurare la morte di un malato indipendentemente dalla modalità! Il padre di eluana a prescindere dai suoi problemi personali, le sue idee ha fatto un gesto che va contro il diritto alla vita! non è questione di morte più o meno dolorosa ma del significato della vita che ormai si sta perdendo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.