Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Ho bisogno del testo teatrale de "la giara" di Pirandello! Pleaseee! 10 punti!!!?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    tt:

    La giara

    Commedia in un atto 1925 (?)

    PERSONAGGI

    Donna Lola Zirafa

    Zi' Dima Licasi, conciabrocche

    L'avvocato Scimè

    Comare Rosalia

    Tararà, Fillicò, contadini abbacchiatori

    La 'gnà Tana, Trisuzza, Carminella,

    contadine raccoglitrici d'olive

    Altre Contadine

    Primo Mulattiere

    Secondo Mulattiere

    Nociarella, ragazza di undici anni, contadina

    Campagna siciliana. Oggi.

    ATTO UNICO

    Spiazzo erboso davanti alla cascina di donna Lola Zirafa in vetta a un poggio. A sinistra è la facciata della cascina, rustica, a un sol piano. La porta, rossa, un po' stinta, è nel mezzo; sopra la porta, un balconcino. Finestre sopra e sotto: quelle di sotto, con grate. A destra, un secolare olivo saraceno; e, attorno al tronco scabro e stravolto, un sedile di pietra, murato tutt'in giro. Di là dall'olivo lo spiazzo scoscende con un viottolo. In fondo, degradanti per il pendio del poggio, altri olivi. È ottobre.

    Al levarsi della tela, Comare Rosalia, sentendo un canto campestre delle donne, che vengono su per il viottolo a destra con ceste colme d'olive sul capo o tra le braccia, montata sul sedile attorno all'olivo saraceno grida:

    Comare Rosalia: O oh! Ma cosa cantate? Toppe senza chiave! E te, mocciosa levati di qui! Piano, corpo d’un diavolo, attente al carico!

    Le donne e Nociarella vengono su dal viottolo a destra, cessando il canto.

    Trisuzza: O che vi piglia, Comare Rosalia?

    Contadina nona: Avete imparato anche voi a sacramentare?

    Carminella: Anche gli alberi bestemmiano in questa campagna.

    Comare Rosalia: Ah, vorreste che vi lasciassi seminare per terra le olive?

    Trisuzza: Seminare? Io, per me, non ne ho lasciata cadere nemmeno una.

    Comare Rosalia: Se Donna Lola, Dio liberi, s'affaccia (al balcone)!

    La 'gnà Tana: Eh, per me si può affacciare dalla mattina alla sera!

    Contadina Prima: Chi fa il suo dovere, non teme nulla.

    Carminella: O che non si può nemmeno più cantare?

    La 'gnà Tana: Macché! Solo bestemmiare si può.

    Contadina Seconda: Loro, padrona e servitrice, fanno a gara a chi le spara più grosse.

    Trisuzza: Non so come Dio non gliela fulmini questa cascina.

    Contadina Terza: e tutti gli alberi attorno!

    Comare Rosalia: Eh via! finitela! Linguacce! Andate a scaricare e non la fate lunga!

    Carminella: Si séguita a raccogliere?

    Comare Rosalia: O che volete far festa? C'è tempo per altri due viaggi. Via, sbrigatevi, su, su...ANDATE!

    Spinge verso l'angolo della cascina a sinistra le donne e Nociarella.

    Qualcuna, andando, riprende a cantare, per dispetto. Comare Rosalia, rivolta verso il balcone, chiama:

    Donna Lola!

    Donna Lola (dall'interno a terreno): Chi mi vuole?

    Comare Rosalia: Sono arrivate le mule col concime.

    Donna Lola:

    venendo fuori, sulle furie. È un donnone sui quaranta, dagli occhi di lupo, sospettosi; iraconda. Porta in capo un vecchio cappellaccio bianco a larghe tese e agli orecchi due cerchietti d'oro. Senza giacca, con una camicia dì ruvida flanella, a quadri, violacea; le maniche rimboccate:

    Le mule, a quest'ora? Dove sono? Dove l'hai mandate?

    Comare Rosalia: Di là, stia tranquilla. Però il mulattiere vuol sapere dove deve scaricare.

    Donna Lola: Ah si? Scaricare: senza farmi vedere cosa m'ha portato? E poi ora non posso: sto parlando con l'avvocato.

    Comare Rosalia: Della giara?

    Donna Lola (squadrandolo): Ohi, dico, chi t'ha promosso caporale?

    Comare Rosalia: No, dicevo...

    Donna Lola: Tu non devi dir nulla; obbedire, e mosca! Poi, come t'è venuto in mente ch'io stia parlando proprio della giara?

    Comare Rosalia: Perché lei non sa che apprensione ‑ apprensione? – no che terrore per questa giara nuova. A vederla esposta là nel palmento. (Indica a sinistra, verso la cascina.) La levi, la levi, per l’amor di Dio! Prima che si rompa.

    Donna Lola (urlando): Deve star lì, e nessuno deve toccarla!

    Comare Rosalia: Con questo va e vieni di donne e di ragazzi, messa com'è accanto alla porta!

    Donna Lola: Sangue di... hai giurato di farmi andar via col cervello?

    Comare Rosalia: Basta che poi non si prenda un dispiacere.

    Donna Lola: Non voglio parlar d’altre cose, mentre ho cominciato un discorso di là con l'avvocato. Dove vuoi che la metta quella giara? Nella dispensa non c'è posto, se prima non si leva la botte vecchia; per ora sta lì dov’è.

    Sopravviene da destra il mulattiere.

    Primo mulattiere: Oh, insomma, dove lo devo scaricare questo concime? A momenti è bujo,

    Donna Lola: Eccone un altro! Sant'Alò vi facesse romper il collo, a voi e a tutte le vostre bestie! Vieni a quest'ora?

    Secondo mulattiere: Prima non s’è potuto.

    Donna Lola: E io voglio che i mucchi sul maggese me li facciate dove e come vi dico io; a quest'ora è troppo tardi.

    I mulattiere: Oh! Lo vuol saper, Donna Lola. Io scarico le mule dove viene, dietro il muro di cinta, e me ne vo.

    Donna Lola: Pròvati!

    Il mulattiere: Ora glielo fa vedere! (S'avvia infuriato.)

    Comare Rosalia: (trattenendolo): Via, calma, calma!

    Donna Lola

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Guarda se vai su google e digiti

    la giara testo teatrale

    e alla 5 riga trovi il PDF da scaricare direttamente.

    Ciao.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Io ce l'ho,ma a cosa ti serve?

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.