Silvia
Lv 5
Silvia ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Quale albero potrebbe parlare di te?

Fonte di fascino e mistero, per me, da sempre, gli alberi restano saldi, immobili, in ogni tempo e in qualunque condizione...

Lo scorrere del tempo li rende più grandi e più forti, quasi immortali...

Sono un punto fermo, una consolazione, una fonte di vita...ci regalano frutti, ombra, aria pura...e sono i testimoni complici e discreti di un bacio, di un segreto, dei nostri silenzi...

Quale albero ti rappresenta meglio? e perché?

Aggiornamento:

Se fossi un albero io sarei un ulivo perché è un albero sempre verde, che cresce lentamente, e le cui radici si dirigono obliquamente nel terreno, ma non si addentrano nel suolo profondamente...ma che alla fine regala dei frutti buonissimi

24 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    "Taror api saisnuna" più tolleranti di un albero. I grandi mastri di Yoga usano l'esempio dell'albero per insegnare la vera tolleranza, puoi tagliarlo, bruciarlo, inciderlo, amputarlo, non si lamenterà mai, ma sarà sempre ben disposto ad offrirti la sua ombra, i suoi frutti, la legna da ardere, costruire, ecc. Gli alberi sono nostri maestri e fratelli di vita. Il mio albero preferito è il Baniano, il più sacro, maestoso, grande, misterioso che ci sia. E' il testimone di tutti i tempi, e sotto la sua ombra maestosa si riunivano i più grandi asceti per raggiungere la perfezione, compreso il Signore Bhudda. E' adorato con l'offerta di acqua da milioni di fedeli indiani, e in Sicilia nel giardino botanico, in Calabria, e in Sardegna ci sono degli esemplari meravigliosi. I miei omaggi ai fratelli più tolleranti della terra.

  • ?
    Lv 7
    1 decennio fa

    L'abete argentato contro il quale mi sono stampato tanti anni fa con un cagiva 125. Ci siamo conosciuti...intimamente direi.

  • Janet
    Lv 6
    1 decennio fa

    Da sempre il salice piangente. Per ovvi motivi. Quella tristezza mistica che lo caratterizza, quel continuare a vivere sempre più forte attingendo dalle lacrime della Terra...meraviglioso.

  • 1 decennio fa

    Un nordico cedro che si erge in mezzo ad una landa disabitata sotto i raggi discreti e tenui dell'aurora boreale...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • il pesco...xk mostra le sue migliori proprietà al momento giusto

  • 1 decennio fa

    Nel calendario celtico sarei una quercia, ma un “sensitivo” o cmq una persona con doti speciali ha detto che io sono un baobab.

    La spiegazione del perché è nella descrizione dell’albero

  • 1 decennio fa

    L'albero di limoni. Un bell'albero, i frutti sono buoni, li usi in cucina per tante ricette. Il limone poi sta bene nella coca cola e nel tè...ma sono anche abbastanza acidi.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Un olivastro,tipico della mia terra..la Sardegna!

  • 1 decennio fa

    credo che un albero non possa rappresentare bene la mia esistenza.

    un albero lo immagino forte, con corteccia per difendersi dall'esterno e salde radici ancorate alla sua terra.

    io non ho mai piantato radici profonde in qualche luogo che possa sentire realmente mio. la vita che faccio dove sono mi va stretta, sogno l'evasione. ho sempre saputo che non avrei trovato l'amore qui dove sono, che sarei dovuta andare via, anche di poche centinaia di chilometri, l'importante era respirare diversamente, slegarmi da qua.

    infatti ho trovato l'amore. dall'altra parte dell'italia rispetto a me, che sono nata sulle coste adriatiche marchigiane. lui è di sassari.

    vorrei anadrmene con lui e piantare radici insieme, crescere insieme, ed invece a distanza di due anni mi ritrovo ancora qua, senza soldi, con un lavoro precario, un universita' in bilico e lui lontano. le mie radici sono ancora senza terreno e le mie foglie un po' ingiallite.

    forse piu' che ad un albero assomiglio ad un fiore in un vaso. che con le sue quattro spine crede di avere una corazza indistruttibile, ma in fondo in fondo è consapevole della sua fragilita'...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Caspita bambina...Sei davvero una grande poeta lasciatelo dire!Beh...io forse sarei stato una quercia secolare.Robusta,legnosa e sarei vissuto x secoli interi...Ma dai,ora sono io quello curioso,dicci tu kosa saresti voluta essere se fossi stata un albero...By

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.