Perché ci facciamo distogliere dalle cose della vita e non guardiamo alla meta fissata?

Gesù le disse:Marta, Marta, tu ti affanni e ti preoccupi di troppe cose! Una sola cosa è necessaria. (Luca 10:41,42).

Un grande maestro di tiro con l' arco organizzò una gara tra i suoi allievi per valutare il loro grado di preparazione. Nel giorno fissato, un bersaglio di legno con al centro un cerchio rosso fu legato su un albero ad una estremità della radura. All' estremità opposta, fu tracciata sul suolo una linea, dietro la quale si piazzarono i concorrenti.

Un giovane avanzò baldanzosamente, impaziente di dimostrare la sua abilità. Afferrò saldamente l' arco e una delle frecce, poi si sistemò in posizione di tiro.

"Posso tirare, maestro?" chiese.

Il maestro che lo fissava attentamente gli domandò:

"Vedi i grandi alberi che ci circondano?".

"Si, maestro, li vedo benissimo tutt'intorno alla radura".

"Bene", rispose il maestro, "torna con gli altri perché non sei ancora pronto".

L' allievo, sorpreso, posò l' arco e obbedi.

Un secondo concorrente si fece avanti, prese l' arco e la freccia e mirò con cura. Il maestro si portò di fianco all'arciere e gli chiese: "Puoi vedermi?".

"Sì, maestro, posso vedervi. Siete qui vicino a me".

"Torna a sederti con gli altri" rispose il maestro, "Tu non potrai mai colpire il bersaglio".

Tutti i partecipanti, gli uni dopo gli altri, afferrarono l'arco e si prepararono a scoccare la freccia, ma ogni volta il maestro poneva loro una domanda, ascoltava la risposta e li rimandava al loro posto.

La folla sorpresa cominciÒ a rumoreggiare. Nessuno degli allievi aveva tirato una sola freccia.

Allora si fece avanti il più giovane degli allievi. Se n'era stato in disparte, silenzioso. Tese l'arco poi restò perfettamente immobile, gli occhi fissi davanti a lui.

"Vedi gli uccelli che sorvolano il bosco?" gli chiese il maestro.

"No, maestro, non li vedo".

"Vedi l'albero sul quale è inchiodato il bersaglio di legno?"

"No, maestro. non lo vedo".

"Vedi almeno il bersaglio?".

"No, maestro, non lo vedo".

Dalla folla degli spettatori si levò una risata. Come poteva quel ragazzo colpire il bersaglio se non riusciva nemmeno a distinguerlo dall'altra parte della radura?

Ma il maestro impose il silenzio e domandò pacatamente all'allievo: "Allora, dimmi, che cosa vedi?".

"Io vedo un cerchio rosso" rispose il giovane.

"Perfetto" replicò il maestro. "Tu puoi tirare".

La freccia solcò l'aria sibilando leggera e si piantò vibrando nel centro del cerchio rosso disegnato sul bersaglio di legno.

17 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    scusa se mi ricorda l' esame di guida. l' ho dovuto rifare in italia. quando stavamo per partire ho chiesto all 'istruttore :possiamo partire? lui ha risposto : quando sei pronto... ho capito mi voleva dire che ero senza cintura...

    Comunque vedo tanti che parlano a destra e a sinistra di tante cose ma parlare della salvezza dell'anima ne parlano veramente pochi . e pure la Bibbia dice :

    anche noi dunque poichè siam crcondati a sì gran nuvolo di testimoni deposto ogni peso e il peccato che cosi facilmente ci avvolge corriamo con perseveranza l'arringo che ci sta dinanzi , RIGUARDANDO A GESU' DUCE E PERFETTO ESEMPIO DI FEDE , IL QUALE PER LA GIOIA CHE GLI ERA POSTA DINANZI SOPPORTO' LA CROCE SPREZANDO IL VITUPERIO , E S' è POSTO A SEDERE ALLA DESTRA DEL TRONO DI DIO.ebrei 12

  • 1 decennio fa

    guarda dritto e segui quell' unica via che il Signore ha precedentemente preparato....

  • 1 decennio fa

    Mondo basato sul consumismo, sullo spreco, sull'acquisto di cose inutili.

    Senza tutto ciò penso che potremmo essere più felici perchè avremmo più tempo da dedicare ai veri principi della vita senza farci distrarre da pensieri insensati che ci rovinano l'esistenza.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Questa storia è un bel esempio. Grazie Mimmo.

    Può succedere a volte che strada facendo nel cammino spirituale si attraversino tante cose che ci distolgono dalla meta principale. Questo perche al inizio dei primi passi barcolliamo fra la nostra natura carnale e quella spirituale. Ma, man a mano che avanziamo, il Signore, il nostro “Maestro”,va perfezionando la sua opera in noi. In questo processo di santificazione ci va pulendo come un diamante grezzo fino a farci diventare puri.

    Lo importante non è darsene de colpe per le nostre disattenzione, ma più tosto alimentare l’olio delle nostre lampade con la luce della Parola, affinchè possiamo continuare verso la meta indisturbati.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Forse perche' non finalizziamo le cose della vita alla meta prefissata

  • MarCo
    Lv 6
    1 decennio fa

    Perché continuamente ci vengono proposte tante cose come se queste fossero il vero obiettivo della vita, ma nella realtà non lo sono affatto. C'è chi si fa distogliere, chi un pò meno, chi per niente, ma c'è anche chi sembra completamente distolto ma poi grazie a Dio riesce a centrare l'obiettivo e di questo si deve essere felici.

  • 4 anni fa

    Confido in me stessa e nell"amore in line with l. a. vita apprezzando ogni istante le piccole cose di tutti i giorni l"amore é lo scopo della mia vita ma non intendo l"amore di coppia l"amore che io chiamo universale cercando di far tutto con amore ascoltando gli altri imparando ogni giorno qualcosa di nuovo e riuscendo a stupirmi ancora nel vedere anche un bel sassolino esser felice di donare un sorriso esser felice se altre persone provano gioia Un abbraccio dolce anche a té Buon advantageous settimana!!!!

  • 1 decennio fa

    bell'esempio. difficile da mettere in pratica. se la via fosse dritta come la traiettoria della freccia nessun problema, ma le vie di adesso sono deviate continuamente da qualunque distrazione ci si ponga davanti.

    e andando nel sole che abbaglia, sentire con triste meraviglia

    cos'è tutta la vita e il suo travaglio, in questo seguitare una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia (montale: meriggiare pallido e assorto)

  • Siamo sedotti da Satana!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Perché non c'è meta! Il senso della vita sta nel viaggio, non nella destinazione!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.