Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

Francia 59 centrali, Germania 17, Russia 31, Spagna 8, Svezia 10, UK 19, Paesi Bassi 1, Svizzera 5, Ucraina 15?

Francia Germania Spagna Svezia Uk + o - hanno le dimensioni dell'Italia avranno sicuramente anche loro il problema delle scorie, ma il nucleare lo usano ugualmente, perchè solo l'Italia dovrebbe avere questo problema??

Paesi Bassi e Svizzera sono molto più piccole dall'Italia perchè non hanno il problema delle scorie nonostante il loro territorio sia molto più piccolo del nostro??

in definitiva possibile che solo gli italiani non sanno dove mettere queste benedette scorie???

Aggiornamento:

cic93 va a giocare con la ps3 corri corri!!!!

16 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Perché in Italia ci sono dei politici sinistrati (handicappati di sinistra) che non capiscono niente di scienza.

    Prima di tutto le scorie non rappresentano un problema.

    Le centrali di III generazione producono scorie radioattive che possono servire da combustibile nucleare per quelle di IV!

    Questo è scritto in un articolo di Panorama Economy.

    Secondo, in Umbria ci sono giacimenti molto ricchi di Uranio che possono servire per l'Italia e mezza Europa.

    Terzo, per la fissione di ogni grammo di Uranio si produce energia pari a 3000 tonnellate di carbon fossile.

    Per l'industria meccanica, chimica e siderurgica, dove occorrono centinaia di megavatt di corrente, il nucleare è l'unica soluzione!

    Per le città piccole e per i paesi e quindi per le utenze domestiche, è meglio il fotovoltaico e l'eolico.

    Quindi tutto va valutato a seconda dei casi REALI (e non sulla base di utopie!).

    Comunque, se ci fosse un referendum, il popolo sarebbe favorevole sia al nucleare che al rinnovabile.

    L'uranio NON è in esaurimento!

    Inoltre la prima centrale in Italia di terza generazione sarà pronta entro il 2020 e non entro il 2025!

    Inoltre l'uranio per far funzionare le centrali atomiche, si può produrre dal Torio, un elemento chimico 4 volte più diffuso dell'uranio nella crosta terrestre. Per informazioni sul Torio:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Torio

  • 1 decennio fa

    Il problema, come al solito, è politico: l'Italia, come tu ben dici, è circondata da centrali nucleari situate in stati vicini... Se abbiamo un pò di memoria storica, possiamo ricordare la vicenda Chernobyl: una centrale distrutta in Russia ha contaminato l'Europa intera, e per svariati mesi non si poteva neanche mangiare verdura o bere acqua da ruscelli o fonti. Per me è una vera ipocrisia decidere di fare le centrali adesso: bisognava farlo prima.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    il tuo discorso andava fatto 20/30 anni fa,cioè quando era il momento di costruire le centrali nucleari.oggi costruire una centrale nucleare non ha senso,sarebbe pronta tra minimo 8 anni(in italia anche 15)e nel frattempo il combustibile potrebbe subire delle impennate tali da renderne sconveniente l' uso.la realtà è che noi italiani arriviamo sempre troppo tardi,dovremmo già avere almeno 5/10 centrali nucleari funzionanti sul territorio da almeno 20 anni.oggi l' unica è investire sull'eolico e il fotovoltaico se vogliamo l'energia che ci serve

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Hai dimenticato di dire che negli USA le centrali nucleari sono quasi 100.

    Ed il Campionissimo degli ambientalisti , Barack Obama, ha programmato la costruzione di altre 52 ( cinquantadue !!!)

    al confronto SARKOZY E BERLUSCONI SONO DEI DILETTANTI. ciao.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Perché ci sono ancora ambientalistominkia che ragionano per ideologia non conoscendo NULLA del nucleare!

    Sono post comunisti sfigati che si riciclano in qualche partitello in cerca di una poltrona, perché non avendo un lavoro, si ritrovano tutti quanti con la pezze al ****!!

  • 1 decennio fa

    Scusa! Ma da dove hai presso l' informazione che Svezia ha 10centrali nucleari? Svezia ha 10milioni abitanti e 2 centrali, cui una è chiusa da anni. Il governo non vuole chiudere l'altra, ma gli abitanti vicino alla centrale vogliono chiudere. BARSEBÄCK...

  • 1 decennio fa

    Hai ragione purtroppo qualcuno pur di andare contro il governo attuale dice di tutto

  • 1 decennio fa

    Il problema delle scorie c' è l' hanno, tanto che tutti i paesi che hai citato ad esclusione della francia hanno scelto di abbandonare la strada del nucleare (Costa già adesso molto di più di quello che che si può ricavare), La germania è il maggior produttore d' europa di energia da fonti rinnovabili e della sua tecnologia, pur essendo un paese che non brilla per ore di sole, la spagna sta costruendo la più grande centrale mondiale di energia fotovoltaica (Usando i soldi dell' europa). Sulla Russia e Ucraina è meglio lasciar perdere qualsiasi discorso, sia sulla sicurezza che sulle scorie. In Svizzera hanno deciso che dopo le attuali non si costruiranno più centrali e stanno progettando centrali idroelettriche di nuova generazione. Come vedi arriviamo sempre in ritardo.

  • 1 decennio fa

    il problema delle scorie è soltanto a lungo termine e per questo motivo molti paesi l' adottano.Il vero problema è che questa decisione viene giustificata con "così non saremo piu dipendenti dai paesi produttori di gas e petrolio"ma così diventeremo dipendenti dai produttori di uranio arricchito!

  • 1 decennio fa

    Purtroppo gli italiani hanno già delle scorie in casa.

    Vedi depositi temporanei di materiali radioattivi (mappa):

    http://www.indicius.it/torpore/energia_nucleare.ht...

    La Francia ha 59 centrali e leggo:

    "É che l’utente francese paghi costi elettrici aggiuntivi celati tra le imposte, per le spese militari? Nonostante questa scelta i consumi totali di energia in Francia sono coperti per il 70 % dai combustibili fossili! "

    dice Angelo Baracca, Professore di fisica all'Università di Firenze

    http://www.indicius.it/Politica/nuovo_nucleare.htm

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.