Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Illuminazione: il momento critico, si supera e booommmmmmmmmmmmm...?

Leggendo le numerosissime esperienze di illuminazione nella storia, accade piu' o meno questo:

l'Essere posto all sua massima tensione, viene tirato come un elastico fino al suo massimo punto di tensione..oltre il quale , ricade in se stesso e accade tutto! Si ha un'implosione.

Quindi...non e' mai un'esperienza facile, tranquilla....

Oppure, esiste qualche altro modo???

Grazie

Angelica

Aggiornamento:

P.S. Lo sapete vero, che esiste la possibilita' di illuminarsi??? No..tanto per chiarire una cosa che per me e' scontata, ma magari tanti di voi non sanno neppure di cosa sto parlando!

Aggiornamento 2:

Bagnino..non e' proprio cosi': l'illuminazione non viene cosi' e basta: e' un desiderio..cosi' puro, che persino il desiderio d'illuminarsi non e' piu' desiderio!

E' una vera e propria impresa dell'Essere!

Pero' appunto..non so se ci sono casi d'illuminazione facile...facile...voolevo approfondire! ;-) Angelica

Aggiornamento 3:

Mara..le tenebre sono laddove non c'e' luce. Chi vede tenebre..e' perche' evidentemente e' al buio! Lo capisci vero..che dove non c'e' luce, c'e' buio? Questo si' che e' semplice!| ;-)

Aggiornamento 4:

Mara...un finto maestro, ossia tutti, deve farti paura solo se non sei saldo in te stesso!

La tua fede..se e' Werita', non puo' essere compromessa da nessun Maestro al mondo! Anzi..se e' un vero Maestro, ti dira' di non essere un Maestro! Perche' appunto...solo un Maestro puo' sapere che i Maestri non esistono fuori da noi( come ben dici tu sul discorso dell'orto). Angelica

Aggiornamento 5:

--

Brava Mara..vedo che ci stai arrivando! ;-) Angelica

Aggiornamento 6:

Mara...non era questa la mia domanda.quindi siccome non voglio uscire dal tema8 m'interessa veramente sapere qualcosa di piu' sull'illuminazione istantanea..sempre che esista), ti rispondo per l'ultima volta chi e' nella Luce, vede le tenebre per quello che sono! Capisci? Baci bella...che mi sei pure simpatica! ;-) Angelica

Aggiornamento 7:

--------------------------------------------

Si' Worf: quello di cui parli tu e' il Risveglio.

Ma quello di cui volevo sapere io..e' proprio quell'oltre.....

L'oltre...si raggiunge in Oriente grazie a discipline durissime,in Occidente altrettanto come la scienza di Ermete.

E' un lavoro..un'alchimia , una trasformazione che solo allo stadio finale, presenta l'Oro puro alchemico!

Quindi anche tu concordi..non esiste una strada senza lavoro duro! Angelica

Aggiornamento 8:

Worf..sai che l'altro giorno ho sognato proprio un cigno??? Era intrappolato in una rete nera...ora che mi ci fai pensare! ;-) Angelica

Cmq..capisco cio' che vuoi dire!!! Rispetto il tuo preferire un ambiente piu' raccolto! ;-) Angelica

13 risposte

Classificazione
  • Worf
    Lv 6
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    L'illuminazione è una morte, Angie. E' l'io che si arrende alla consapevolezza che da solo non può avere risposte.

    Allora ciò che consideriamo "io" muore. Non muore il corpo, ma tutto il resto, per un attimo, scompare: scompaiono le credenze, scompaiono i dubbi, scompare il "vecchio" senso che si dava alla vita e a sè stessi ... scompare il "mondo".

    La sensazione è proprio di "morire".

    Il "risveglio" dopo questo abbandono e bellissimo, ci si rende conto che le risposte sono sempre nel presente ... che non ha senso preoccuparsi per il futuro ... e che la morte non esiste.

    Si esperisce che l'amore cosmico non è una astrazione o un sentimento, ma una realtà, e che la tua esistenza, per quanto poteva sembrarti misera, ha comunque un posto, non è priva di significato ... è essenziale, è parte dell'Universo, o di Dio se preferisci.

    Le emozioni sgorgano nascenti, rigeneranti, nuove ... estremamente vitali e scopri di avere risorse prima impensabili.

    Ma questo che sto descrivendo è il cosiddetto "Primo Satori", che può accadere anche a chi non sa nulla di Zen, di Bibbie o di Buddhismo.

    Però è solo un inizio (o meglio una fine e un nuovo inizio) è sì un passo irreversibile, ma non uno stato di Grazia permanente ... non è il Nirvana.

    Ciao

    PS: il resto del lavoro è trasformare il Drago in un docile Cigno - il Risveglio è "Prometeico" ... poi va domato il Drago.

    Non ritengo Answers il luogo idoneo per parlare ulteriormente circa questa questione.

    Di nuovo, un saluto e un abbraccio. Worf.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Io inneggio rumorosamente a Worf.

    (e derido cristina, ma questo sempre)

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Esiste due metodi per raggiungere l’illuminazione, un come hai descritto te, dove uno scende giù fino ad un punto (che più giù non si può) e raggiunge l’illuminazione come se passasse attraverso una barriera che gli ha impedito “vedere” Poi esiste l’altro metodo che consiste in un aumento di consapevolezza fino ad un punto che si raggiunge lo stesso stato.

    Sembra che lo stato dell’animo, le emozioni siano come un cerchio dove si può arrivare a massimo sia scendendo e passando il fondo, che salendo fino ai livelli massimi.

    In altre parole, dall’infinito a zero e da zero all’infinito.

    Esiste un libro che si chiama proprio cosi Scientology 8008 (dove l’8 rappresenta il simbolo dell’infinito).

    Il problema dell’illuminazione non è raggiungere questo stato, ma il mantenere questo stato !!

    Questo universo sembra essere specializzato a fare scendere la china, e quando si raggiunge l’illuminazione, uno ha la tendenza a sentirsi “solo” e deve scendere per poter comunicare con quelli che non “vedono” per indicare la strada … ma devono scendere… non si può essere da solo nella cima vedendo che ci sono altri che cercano di salire, o sono intrappolati in giochi stupidi.

    O ci salviamo tutti o non si salva nessuno … questo è un dato molto duro da digerire, non è come vorremo che sia… e forse un giorno (spero non molto lontano) potremo creare il paradiso in terra.

    Io ci provo con Scientology e altri con la loro strada, ma dobbiamo arrivare tutti nella cima cosi da poter sentirsi illuminati ed stabili in questo stato.

  • Catia
    Lv 6
    1 decennio fa

    Ciao, essere illuminati significa, comprendere una verità! Come essere saggi sigifica scegliere la via da percorrere con gli Angeli e con Dio e Gesù. Ogni qual'volta comprendi hai un'illuminazione, come ogni qual volta accetti la via tutto ti semberà chiaro e limpido, senza fatica e senza sottomissione. Ecco che a grandi linee ti ho spigato una comprensione. Come a cuore aperto ti annuncio che l'amore puro è gia unìilluminazione. Come essere a contatto con gli Angeli è già una via. Essere di parte, non è una via, come pensare di lottare non è saggio. Come non è amoroso avere, cosi non è Divino pretendere. Ciao, ti auguro una dolce giornata.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    @ mara &cris se non amassi il consumismo industriale veramente come dici,probabilmente non saresti su answer e/o davanti al computer

  • 1 decennio fa

    per quel che ne so, l illuminazione accade e basta, l'ego cade con le menzogne e gli inganni della mente e ti senti parte del tutto, vedi Siddartha che raggiunse tale stato, quando raggiunse il "giusto mezzo".e mi pare che anche Osho (se illuminato lo si consideri), non mi pare accadde in modo "traumatico".

  • Anonimo
    1 decennio fa

    cara angelica non ti conosco, ma già non ti sopporto...

    il mio amico risponde solo alle tue domande...

    ehi alby, quand'è che la smetti?????

    ps: fai delle domande più interessanti, please...

    ahh dimenticavo accendi la luce se hai poco illuminazione...

    magari con qualche lampadina di 100 o più watt!!!!

  • 1 decennio fa

    'morire, dormire, sognare forse...'

    quando anche il mio ego oggettivo sarà edotto ti manderò una cartolina :))

    delle letture, in questo campo, diffido.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    BOOOMMMMMMMMMMMMM o quasi...

    Sai che la mente umana funziona come un buco nero? Certo che qualche differenza c'è; la materia è sostituita dalle esperienze (che alla fine sono fatte cmnq di energia) e le differenze finiscono lì. Più materia/esperienza assorbi e condensi in un punto (in un concetto per noi) più lo spazio/tempo (per noi coscienza) sprofonda ... fino a "forarsi" creando una singolarità; un portale verso il "luogo" da cui tutto l' universo proviene... . L' illuminazione definitiva non si raggiunge MAI perchè quando c'è l' illuminazione tu non ci sei più (sei dall' altra parte), la vita è un assorbire indiscriminato a cui noi (ignoranti che non possiamo essere altro) vogliamo dare un senso per fare nostra prima del tempo (del collasso).

    Fonte/i: Spero ti abbia fatto piacere sapere di dover lasciare il tuo corpo in pazzia un giorno (io sono felice ;D). Ps Questo è il principio di assunzione in cielo col corpo (corpo mentale volendo essere precisi). Leggi come si formano ed "evaporano" i buchi neri http://it.wikipedia.org/wiki/Buco_nero
  • Acq
    Lv 7
    1 decennio fa

    La viva marea mortale gorgoglia intorno all'uomo sullo scoglio, e lambendolo monta. Fino a che nell'ultimo attimo infinetesimale il tempo si fermi infinitamente. E l'uomo che non avrà levato la testa nemmeno d'una linea per prendere nuova aria, si potrà dire in possesso dell'infinita potestas: egli avrà conosciuto se stesso, avrà l'assoluta conoscenza e la libertà. Chi vuole avere sua la vita, essere un attimo solo persuaso di ciò che fa, deve impossessarsi del presente: vedere ogni presente come l'ultimo, e nell'oscurtià deve crearsi da sè la vita.

    [Michelstaedter]

    Fonte/i: Se ho ben capito
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.