Anonimo
Anonimo ha chiesto in Bellezza e stileBellezza e stile - Altro · 1 decennio fa

Cosa sono i semi di lino?

E a cosa servono?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Come tutti i semi oleosi (noci, mandorle, pinoli, pistacchi, ecc..), anche i semi di lino contengono validi principi nutritivi come proteine, minerali, vitamine, grassi benefici, sostanze anticancerogene e antiossidanti, e in più possiedono mucillagini che li rendono raccomandabili come coadiuvanti nella prevenzione della stipsi e contro il bruciore di stomaco.

    Per uso esterno, i semi di lino sono utilizzati per le affezioni dell'apparato respiratorio, per il catarro, raucedine, tosse e tracheiti e anche foruncolosi...in questi casi sotto forma di impacchi e fasciature.

    L’olio di semi di lino inoltre è ottimo per nutrire capelli secchi e sfibrati, per togliere l’effetto crespo e renderli lucidi.

  • 1 decennio fa

    L'olio di semi di lino viene spesso consigliato x la sua azione emoliente e lassante. Esso nutre i capelli,li protegge dagli agenti esterni e dona loro lucentezza,senza farli rimanere unti. Anzi prenderanno vigore e si ammorbidiranno.

  • 1 decennio fa

    È una pianta erbacea annuale alta tra i 30 e i 60 cm con fusto eretto, molto fragile, ramificato nella parte finale con foglie tenere, lanceolate. I fiori sono grandi, di colore azzurro-cielo[1] con 5 sepali, 5 petali, 5 stami gialli. I frutti sono capsule contenenti semi piccoli e neri od arancioni a seconda delle varietà. La radice è un corto fittone.

    Conosciuto come la più antica delle fibre vegetali, il lino deve la sua fama non solo alla versatilità dei suoi tessuti, ma anche alle innumerevoli proprietà dei suoi semi e dell'olio che da essi si ricava.

    Il lino viene coltivato in regioni a clima temperato sia per le fibre che per i semi. Dai semi si ricava l'olio che in passato era utilizzato come fissativo in pittura e per il trattamento del legno nel restauro di mobili.

    Oggi l'olio di lino viene utilizzato anche nell'alimentazione come integrato per le elevate qualità nutrizionali: è un sostituto molto più economico dell'olio di merluzzo. Viene utilizzato in fitoterapia come lassativo, antinfiammatorio ed emolliente mentre Nell'industria tessile viene utilizzato per creare vari capi d'abbigliamento e per la casa.

    Le fibre del lino sono usate fin dall'antichità. Nell'area mediterranea si hanno prove della coltivazione e dell'utilizzo di lino risalenti a oltre 6.000 anni fa mentre l'introduzione nel Nord-Europa avvenne in epoche preromane.

    La fibra è morbida, flessibile e più resistente di quella del cotone che però presenta costi di produzione inferiori, motivo per cui il cotone ha progressivamente sostituito l'utilizzo del lino.

    Esistono varietà con colorazioni di bianco, giallo, rosa, cremisi e porpora, violetto, blu.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.