Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneScuole primarie e secondarie · 1 decennio fa

Aiuto riguardo L'america centrale?

per favore vorrei sapere il traffico di droga presente nell America centrale, dv essere una ricerca presa da internet x la scuola, non troppo corta poichè nn riesco a trovare nnt su qst argomento, please ..... mi serve entro gg pomeriggio

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il traffico in transito su larga scala di cocaina dal Sud America al Nord America continua. La determinazione dei paesi dell'America centrale, insieme con il Messico, a cooperare è stata tradotta in pratica, e l’azione coordinata ha portato ad importanti sequestri.

    Misure legislative contro il riciclaggio di denaro sporco sono state recentemente introdotte in alcuni paesi Caraibici e sempre più paesi si stanno unendo all’Unità Operativa Caraibica di Azione Finanziaria. L’Organo spera che quegli sviluppi condurranno a successi simili a quelli avuti in Panama, poichè i Caraibi continuano ad essere colpite da operazioni di riciclaggio .

    L’abuso di cocaina in America Centrale e nei Caraibi (in alcuni paesi sotto forma di “crack”) si sta diffondendo velocemente in conseguenza del traffico in transito su larga scala di cocaina. Alla luce del crescente traffico di eroina l’Organo chiede ai Governi della regione di intraprendere misure per prevenire un effetto di diffusione, che potrebbe portare all’espansione del fenomeno dell’ abuso di eroina.

    La violenza del crimine, in gran parte legato alla droga, affligge l’America Centrale e rappresenta un serio ostacolo al suo sviluppo economico, asserisce un rapporto presentato oggi dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC).

    “In questo rapporto i segnali di allarme sono evidenti: la criminalità legata alle armi da fuoco, la violenza delle gang, i sequestri, la proliferazione di compagnie private per la sicurezza”, spiega il Direttore Esecutivo dell’UNODC Antonio Maria Costa. “Questi non sono problemi intrinseci alla regione. Sono problemi che possono essere superati”.

    Il rapporto Crimine e Sviluppo in America Centrale: stretta tra due fuochi sottolinea la necessità di un maggiore sostegno internazionale alla regione, se si vuole che gli sforzi per lo sviluppo abbiano un impatto nel lungo periodo. Nessun problema incide sulla stabilità e lo sviluppo dell’America Centrale più del crimine. I numerosi punti deboli della regione creano condizioni favorevoli per il crimine, che a sua volta impedisce la crescita e ostacola lo sviluppo sociale.

    I Paesi del Centro America sono diversi, ma hanno una cosa in comune – sono tutti afflitti in qualche misura dalla droga, dal crimine e dal sottosviluppo.

    Molti Paesi della regione sono vulnerabili a causa di fattori socio-economici dovuti alla disuguaglianza dei redditi, all’urbanizzazione, alla povertà di massa, all’alta percentuale di giovani, al facile e ampio accesso alle armi da fuoco e ad un ambiente post-conflict ancora non stabile.

    Questi Paesi sono anche a rischio a causa della loro posizione geografica, trovandosi tra il maggiore paese fornitore di cocaina del mondo- la Colombia- e i maggiori consumatori di cocaina – gli Stati Uniti.

    Questo studio sull’America Centrale fa seguito a un rapporto presentato all’inizio di questo mese dall’UNODC e dalla Banca Mondiale su crimine e violenza nei Carabi, il quale giunge a conclusioni simili: gli alti tassi di criminalità e violenza nei Caraibi stanno indebolendo la crescita e impedendo lo sviluppo sociale.

    In America Centrale le rotte del traffico hanno aperto la strada alla distruzione. Circa l’88% della cocaina destinata agli Stati Uniti transita per il “corridoio” costituito da Centro America / Messico. Il Sud America produce annualmente circa 900 tonnellate di cocaina- per un valore di circa 60 miliardi di dollari americani nel 2003 - e i massicci profitti che ne derivano impediscono la crescita delle economie legittime in alcune nazioni di transito.

    Crimine e corruzione dilagano, mentre lo sviluppo tarda. “Dove regnano il crimine e la corruzione e il profitto proveniente dalla droga corrompe l’economia, lo Stato non ha più il monopolio dell’uso della forza e i cittadini non hanno più fiducia nei propri leader e nelle istituzioni pubbliche. Il risultato è che il contratto sociale viene fatto a brandelli e la popolazione si fa giustizia da sola”, dice il Direttore Costa.

    Gli alti indici di criminalità distruggono l’economia. Uno studio condotto nel El Salvador stima intorno all’11,5% del PIL il costo totale a livello nazionale derivante dalla violenza. Il turismo, fonte principale di entrate per diversi paesi della regione è particolarmente vulnerabile.

    Il crimine è fortemente legato ad alcune debolezze sociali ed economiche, tutte presenti nel Centro America. I suoi paesi sono considerati i più iniqui del mondo in termini di disuguaglianza di reddito.

    Diverse nazioni mostrano tassi di iscrizione alle scuole secondarie inferiori al 50% e la gran parte della popolazione di giovani disoccupati rischia di diventare un pool di potenziali criminali.

    Le Gang non sono il problema principale

    L’America Centrale è piena di armi da fuoco, eredità conseguente a decenni di conflitti sanguinosi. La regione riporta tra i più alti tassi di omicidi registrati nel mondo. Pur essendo la violenza delle gang uno dei p

  • 1 decennio fa

    cerca su google narcotraffico colombiano e ti uscirà un sacco di roba

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.