Come posso sfogare la mia rabbia?

Ho ventisei anni, ho avuto un'adolescenza difficile. A causa di gravi problemi di salute, mia madre c'era, non c'era, dentro e fuori per ospedali....con mio padre non avevo un gran rapporto anche se non mi ha mai fatto mancare niente (forse un po' d'affetto, ma lo capisco, ha avuto una vita allucinante...) ... dovetti pure smettere di praticare il mio sport preferito, ero magrolino e mi deridevano tutti. Avevo pochi amici, e quei pochi erano pure falsi, quelli veri erano ancora meno.

Un giorno, una dozzina d'anni fa o giù di li, ebbi un incidente, ruppi un braccio.

M'ingessarano il braccio storto, così dovettero romperlo nuovamente, così stetti ben 3 mesi col gesso, senza poter correre e giocare, ero molto vispo.

Stando sempre fermo iniziai a cadere in una grave forma di depressione, avevo delle idee ossessive molto pericolose, dovetti insomma resistere a tentazioni molto brutte cui non sto qui a specificare. Nessuno sapeva niente, perchè avevo paura che a dire ciò che provavo mi mandavano in un centro per persone malate mentali. Così dovetti crescere, con tutte le difficoltà e altre citate sopra e quel mio grave problema interno.

Sorridevo sempre, cercavo di aiutare tutti, nessuno poteva minimamente immaginare come stavo dentro. Non piangevo mai, di giorno, di notte bagnavo il cuscino dalle lacrime, piangendo in silenzio, per far si che mio fratello accanto non si accorgesse.

Un giorno persi mio nonno, la figura più importante della mia vita, proprio nel bel mezzo di tutto questo casino, era l'unica persona che mi dava la serenità che cercavo, ed ho il rimpianto di non esserlo andato a trovare in ospedale, dato che non doveva subire un'operazione importante,....non ce l'aspettavamo che finisse così la sua vita. Quel giorno andai a scuola, normalmente, tornando a casa vidi dalla strada persone che non conoscevo...entrando a casa vidi mio fratello che passava l'aspirapolvere nel grotto......da li ho iniziato a pensare....gli dissi .... non dirmi che è morto il nonno.... lui mi abbraccio e mi disse si, proprio mentre scrivo ora mi vengono le lacrime agli occhi....lo strinsi quasi a spezzarlo, il rimpianto di non avergli nemmeno potuto dire ciao l'avrò per tutta la vita.

Lo portarono appunto in questo grotto dove mio fratello aveva fatto le pulizie, il primo giorno non ho osato andare a vederlo, ma di notte, pensandoci su, per paura di avere un altro rimpianto, sono andato...

Era bello, rilassato, sereno, come solo una persona che non ha fatto altro che sacrifici e del bene puo' essere. Ho pianto molto, ma mi dava forza averlo visto.

Nonostante fossi gracilino, portai la cassa con onore, con mio padre mio fratello e un parente.

Andai avanti, col mio lavoro, un lavoro terribile perchè ero sempre a contatto con la gente, cosa che odiavo, ma non avendo idee, ambizioni, sogni, stavo li, a tirare a fine mese.

Guadagnavo bene, ma spendevo tutto in stupidate, compreso tanto tanto alcool, purtroppo.

Avevo periodi alti e bassi, iniziai a fare palestra seriamente, poi magari smettevo un po' e tornavo a essere un "vandalo", poi riprendevo...bene o male mi feci una buona struttura (non mi prese più in giro nessuno da allora) e avendo tante conoscenze e avendo compiuto alcune imprese, ragazzate insomma, diventai una sorta di personaggio, leader.

Un leader non puo' piangere, non puo' mostrarsi debole, e così, mentre tra virgolette godevo il rispetto che le persone provavano verso di me, dentro di me cresceva la rabbia per quello che ho passato e per il fatto di essermi costruito una sorta di maschera, per non abbassar più la testa, per essere duro con tutti, e fui davvero così.

Trattai male delle persone che non meritavano, di cui me ne pento ancora oggi.

Passarono gli anni, alti e bassi, nel 2004 feci 5 mesi di servizio militare, la mia "leadership" risaltava alla grande, ero il punto di riferimento e mi volevano tutti bene, io per primo verso i miei compagni.

Quello stesso anno finì una storia importante con una ragazza, una persona che ho amato, AMATO, quell'amore che veramente, ma veramente, ti fa fare cose che non puoi immaginare (scappai da militare, 300 km per andarla a trovare)....

Fu una storia difficile, molto difficile, lei soffriva di disturbi psichiatrici ed andavamo avanti a ricatti quali suicidi e cose così...cioè vivevo una situazione tesissima, già per il mio problema nato nell'incidente di anni prima, e per tutto il resto, per la frustrazione di un lavoro ingrato.... da li ebbi il crollo.

Mi licenziai, cambiai lavoro ma durai poco, 3 anni fino all'esaurimento totale.

Ora sono 2 anni quasi che non lavoro.

Ho uno studio di produzione musicale professionale, varrà 50.000 euro investiti solo per apparecchi di produzione, genere rap, ma ... niente è inutile.... in 5 anni ho prodotto moltissimissima musica ma.... mi trovo qui che non so che fare, non so perchè lo faccio. Non sento la necessità di farmi ascoltare, ho speso 8.000 euro solo per mezzi per registrare la voce e sono li....

Non ho p

Aggiornamento:

Non ho più stimoli, sono solo da quasi 4 anni, non sono più riuscito ad avvicinarmi, pur potendo molte volte, a una ragazza, perchè ero frenato dalla rabbia e allo stesso tempo dalla paura di far soffrire di nuovo qualcuno che non merita.

Sono qui, senza ambizioni, senza sogni, con una rabbia allucinante, penso spesso a scene di violenza, nei week end resto a casa perchè mi da fastidio la gente... almeno non bevo più, anche perchè son sotto terapia psichiatrica e prendo dei psicofarmaci potenti...le volte che ho bevuto ho perso la testa letteralmente....

Ultimamente sto pensando che se non fosse per i miei, mi sarei suicidato...lo so, è una vigliaccata, ma solo chi veramente ma veramente ha conosciuto il baratro puo' concepire e capire cosa intendo...

Non so come sfogarmi, ora faccio palestra, l'ho a casa, in ordine, ho un ottimo fisico ora e un'ottima forza....ma nei giorni dove son particolarmente nervoso, invece di sfogarmi la palestra mi rende ancora più nervoso....pure la musica,

Aggiornamento 2:

non riesco a sfogarmi, a tradurre la rabbia in creatività.... penso di avercela fatta per un po' ma ora non riesco più a concretizzare nulla.

Ho 26 anni ma me ne sento 80 alle spalle....a volte penso che stare con una ragazza potrebbe farmi bene ma in queste condizioni (interiori, per fortuna almeno, lo dico umilmente, esternamente sono un ragazzo piacevole)... come posso iniziare una conoscenza con tutti questi problemi?

Fra un po' finirà l'assistenza e passerà la domanda all'invalidità, ma è un disonore per me (lo so che non è una cosa eterna) ma mi fa male, a 26 anni e fisicamente in salute, grande e grosso,...stare in questa situazione. Anche verso i miei amici, che per fortuna sono presenti nonostante le mie ripetute assenze o bidoni vari (purtroppo non riesco a prendere un impegno e mantenerlo con certezza) mi sento quasi in colpa, loro si fanno un mazzo e io sto qui a far nulla, perchè stare fra la gente mi da ancora più rabbia e non è facile per me...

Io non so cosa fare, mate

Aggiornamento 3:

materialmente ho tutto, ho forse cercato la felicità negli oggetti, nelle belle cose, ma era forse tutta un'illusione...sono distrutto, stanco, non vedo un domani, nemmeno domani stesso....

Mi dicono tutti le stesse cose, cose che già so.....

Non so che fare, soprattutto per sfogarmi, oggi stesso ho rotto una manopola della playstation giocando online, se era un amico non oso immaginare ...

Scusate la lunghezza del mio post.

Grazie.

11 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ci ho messo un bel po a leggere tutto :P cmq..non sto qui a dirti di reagire, che la vita è una sola e va vissuta al massimo..te l'avranno detto un sacco di xsone.. io nn sono cresciuta cn tutti questi problemi, anzi la mia vita è molto semplice, a volte anke mi annoio..strano come gli uomini si assomigliano tanto ma hanno vite tutt'altro ke simili. Tutti dicono ke quell'imput ke ti cambia veramente la vita è l'amore..kissa forse è vero, pero io credo ke tutti abbiamo un anima gemella e credo anke ke la dovresti cercare anke tu (anke se è vero ke l'amore arriva quando meno te lo aspetti) ma se tu nn ti apri con gli altri come la troverai mai? capisco tutte le sofferenze ke hai avuto e so ke nn vuoi soffrire piu, ma la sofferenza prima o poi ti aprirà la porta alla felicità. Se rischi puoi perdere, ma se non rischi hai già perso..credimi. Condividere pian piano tutte le esperienze ke hai avuto con qualcun'altro ke ti ama ti fa sentire forte xke è proprio in essa ke puoi trovare conforto la forza di andare avanti e magari dire..be in fin dei conti la vita è proprio bella anke con i suoi lati negativi. So ke nn ti ho dato molto aiuto, ma piu che consigliarti nn posso fare =) se magari ti va di parlare contattami nn so..se no dimentica pure quello ke ti ho detto..un bacio e in bocca al lupo

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 4 anni fa

    Se tu fossi CINESE potresti usufruire di questa iniziativa Senti qui....Spaccare gli oggetti in keeping with sfogare le proprie frustrazioni è un’usanza abbastanza comune. la soluzione è stata recentemente trovata da un commerciante cinese della provincia di Shenyang in Cina, che ha aperto un particolare “negozio” dove ogni donna frustrata può finalmente sfogare la propria rabbia sugli oggetti senza doversi preoccupare di rompere qualcosa. Il meccanismo è molto semplice: il negozio permette a tutte le donne che vogliano usufruirne di rompere ogni cosa che capiti loro sotto tiro, utilizzando però solamente una mazza da baseball ed avendo a disposizione un minuto in keeping with distruggere tutto ciò che vogliono in modo da permettere a tutte di sfogarsi, date le important code venutesi a creare all’ingresso del negozio; inoltre, in keeping with chi lo volesse, c’è anche l’opportunità di strappare fogli di carta o lanciare piatti. Personalmente io, quando sono molto arrabbiata prendo il falcetto e vado a fare giardinaggio ( estremo ) zappo, taglio l erba, poto gli alberi e sudo molto e mi scarico dalle tossine ( dell inc@zzatura)che avvelenano la vita. >_< ciao.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    ciao......la tua storia mi ha impressionato...anke se nn dovrebbe xk io ho 15 anni e da qnd sn nata la mia vita..è mlt difficile e credimi,nn lo dico tnt x ma proprio xk ti capisco anke se sinceramente nn so cm aiutarti a farti sfogare.....ps: lo so ke frs dirai ke sn ancora "piccola" x capire o almeno cs me lo dikono in tanti....ma ti capisco più di qnt tu lo credi...baci

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    ciao...guarda nn puoi capire k sensazione strana leggere il tuo post..ma in fondo ti capisco...so k nn sn nessuno x te, so k probabilmente ti dirò x l'ennesima volta cose k ti risenti dire da tanto, trp tempo...so anke k i consigli vanno dati solo se rikiesti...eppure guarda k la vita è 1 sola,e va vissuta al massimo,nn rinunciando mai a nulla...

    credo k se siamo venuti a qst mondo c sarà 1 motivo, e credo k qst motivo sia dntr di noi, da qlk parte, basta saperlo cercare...in fondo 1 vita snz stimoli nn è nulla,è solo 1 lunghissimo susseguirsi di giorni uno uguale all'altro...

    se proprio vuoi sapere cosa penso...penso k dovresti guardare avanti,nn piangere sul latte versato,ricominciare da 0..e mandare al diavolo le 1000 xsn k x 1 motivo o x l'altro ti hanno deluso,ti hanno fatto ridurre cm 6...xk se nn lo fai,sarà 1 pò cm darglirla vinta...nessuno merita 1 cs del genere...e nessuno merita le tue sofferenze,se sa di arrecartele...dimentica tutte le tristezze e le amarezze dll vita..o ti ritroverai 1 domani a pensare "kissà cm sarebbe andata se..."e nn esiste cosa peggiore...te lo posso assicurare...;)

    la vita è trp breve x piangersi addosso....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Forza e coraggio, ce ne vuole molto, e persisti, nulla è impossibile, ma con la VOLONTA', vedrai che ce la farai, e finalmente tutto, verrà, per il meglio.

    Ti auguro che sia, così, le avversità, RINFORZANO lo spirito e la mente, è solo un periodo di tempo passeggero.

    AUGURI,

    ciao selei5

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ho letto con attenzione la tua storia e mi sono commossa anch'io...penso che non sei l'unico...ma bisogna andare avanti ed avere fiducia nell'amicizia perchè è una grandissima cura oltre a farti seguire temporaneamente da uno psicologo.

    Se vuoi contattami

    ladonnadeldestino@hotmail.it

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sfoga positivamente la rua rabbia, prova a fare del volontariato verso chi sta vivendo fra 1000 difficoltà anche peggiori di quelle da te vissute, vedrai che il farlo ti darà molto e ti aiuterà a rientrare attivamente e positivamente all'interno della società!

    Ti aiuterà a ritrovare quei valori importantissimi che il tuo trascorso ha fatto si che nascondessi!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    io direi di diventare emo

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • di certo ti sei liberato un pò....

    ed è un inizio, piano piano verrà il resto.

    auguri!

    Fonte/i: io
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    wow nn so ke dire

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.