Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Goku ha chiesto in SportArti marziali · 1 decennio fa

La sottile linea tra...efficiente ed efficace...?

Durante la pratica; allenamento, combattimento sul ring o reale che sia; nella vostra arte marziale e perchè no anche nelle altre puntate o puntereste di più all'efficacia o all'efficienza di una tecnica?

E in che modo lo fate?

Have your say...

Aggiornamento:

l'efficacia sia inerente alla bontà di un risultato ottenuto (grado di conseguimento degli obiettivi), mentre l'efficienza sia legata al miglior funzionamento per ottenerlo (impiego ottimale delle risorse disponibili)

Aggiornamento 2:

scusate per la poca chiarezza della domanda...

Aggiornamento 3:

mi spiego ancora meglio...perchè credo di aver fatto un casino...date più importanza al modo in cui si arriva a colpire o al colpo fine a se stesso?...

Aggiornamento 4:

@Kentai: non preoccuparti sei stato molto chiaro a mio parere...

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Credo che in ogni arte marziale si ricerchi un equilibrio tra i due aspetti. La filosofia generale è "fare il danno maggiore con il minor sforzo", ma è ovvio che non sia sempre così. Talvolta è difficile mediare le due cose...

    In un combattimento reale (nel senso di "necessario per la sopravvivenza") senza dubbio conta di più l'efficacia: non è importante tanto come agisci, l'importante sono i risultati delle tue azioni, l'efficienza in questo caso passa in secondo piano.

    Praticando è invece importante curare entrambi gli aspetti: allenandosi molto sull'"efficienza" si può far si che questa sia "automatizzata", o meglio "naturalizzata" (vero Shodaime? ^^), in modo che, in caso di necessità, ci si possa concentrare sull'"efficienza".

  • auri
    Lv 6
    1 decennio fa

    efficacia efficacia...

    ho avuto un maestro di muay thai che insisteva molto su questo punto.

    sai, alla fine, la cosa che conta è chi resta in piedi

  • 1 decennio fa
    Fonte/i: @ Donatello Pinto Madonna che tristezza.... Spero tu non abbia più di 12 anni. In quel caso va bene , sei un bambino , devi sempre fare tanta strada , in caso contrario attento ti stai condannando da solo.... Ma che Kung fu fai ? Sarà mica Wing Tsun ?
  • 1 decennio fa

    credo ke si dovrebbe fare una giusta sintesi di efficacia e efficenza.

    un colpo alla nuca con un bel calcio girato volante carpiato è di certo efficace.il problema è di riuscire a farlo in maniera efficente.

    un pallino ad soft air tirato da 30 metri nello sterno con un fucile di precisione è efficente,ma non certo efficace da stendere il tizio.

    efficacia ed efficenza sono concetti variabili...ma alla fine conta sempre ki rimane in piedi,come diceva qll'anziano maestro cinese abate del tempio di con kon ki llai...

    ah,no...era Auri...

  • Kentai
    Lv 5
    1 decennio fa

    se dovessi trovarmi in una situazione reale o in un ring credo che userei una tecnica efficace. magari una molto semplice con effetto immediato, in modo che sia difficile sbagliare a farla e che l'avversario la blocchi. però se chi ho davanti fosse preparato allora forse cercherei di utilizzare una tecnica efficiente. che magari da sola non serve a chiudere la cosa ma che, se usata dove, come e quando si deve, possa farmi vincere. per esempio (spero di aver capito bene il concetto di efficiente) se fossimo armati di spada, o bokken o altro, e non riuscissi a finirlo con un colpo, potrei iniziare a agitare l'arma a vuoto avanzando, così magari non lo intimidirei ma lo scoraggerei a attaccarmi d'impulso e potrei farlo indietreggiare in un punto dove i suoi movimenti sono limitati o impacciati. così la tecnica non l'ha annientato ma è stata efficiente perchè mi ha portato a condurre lo scontro. comunque questo si può fare sove si può sfruttare il campo di battaglia. in ogni caso io prediligo l'attacco efficace

    non so se quello che ho scritto sia un esempio calzante alla domanda. però comunque io sono per un attacco che va a segno subito, senza distrazioni

    scusa se non era quello che intendevi

  • 1 decennio fa

    io faccio kung fu da 2 anni e il mio maestro critica la poca efficacia di arti marziali come il judo,il karate o la box(tahilandese o occidentale che sia) perchè costringono in una situazione reale e non sul ring,il praticante all'ipocrisia verso la propria arte o verso l'inefficacia della difesa e ora ti elenco i perchè:

    -è vero il judo ti insegna a cadere o a fare le leve ma come si reagirebbe a un colpo diretto di kung fu?esso ti lasciarebbe cadere a terra senza più rialzarti

    -il karate(specialmente quella porcheria occidentalizzata)lo insegnano solo ad okinawa ed esso si avvicina molto al kung fu(solo quello di okinawa)anche se l'errore è la sua rigidità e la sua poca efficacia per la strada con i suoi saltelli e le sue posizioni scomode

    -la box thailandese oppure occidentale ti insegna a tirare pugni in maniera grezza e arrivato ad una certa età non raggiungi quella perfezione del fisico che puoi ottenere con qualsiasi arte marziale ma solo parkinson ,malattie celebrali e gobbe e in aggiunta per la strada non esistono solo pugni e calci..di fronte ad un avversario che ti fa una leva articolare che fai?provi a tirargli un potente calcio o un potente pugno?(e guarda che le leve articolari ti fanno perdere ogni forza di reagire)

    quindi ascolta..la cosa bella che il kung fu ti insegna è l'efficacia e la tecnica al momento stesso..non esiste una cosa senza l'altra..come fai a tirare un pugno senza avere una corretta posizione?

    e poi non guardare i film..per difenderti con il kung fu per la strada non serve una posizione strana..quelle posizioni tipo la gru o la mantide servono solo per sviluppare i princìpi dell'equilibrio

    queste cose le ha dette il mio maestro che ha sfidato i maestri di tutte le arti marziali:cinture nere con dan,boxer,kikboxer..e ha insegnato loro che per essere efficaci non servono tecniche strane o muscoli giganteschi dei boxer..ma compostezza del corpo..per poi non parlare di quelli alti che si credono fortissimi..avversario più grande,bersaglio più grande..;)ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.