Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 decennio fa

10000 confusioni,di un comune cittadino?

ciao questa non e' una domanda ma una serie di pensieri che non mi tornano.li elenco???? sono 20 anni che scassano le balle con le pensioni

e adesso si viene a sapere che l'inps e' in attivo,da qualche anno si parla che lo stato uscire fuori dall'economia ,ma per 60 anni lo stato si occupava di tutti i servizi, della leva obbligatoria,del sale ,del latte come abbiam fatto ad andare avanti per tutto questo tempo visto che ci dicono che cio' che lo stato tocca fallisce,fino a pochi anni fa avevano tutti il contratto a tempo indeterminato,le aziende di nettezza urbana per ogni camion avevano 3 operai adesso 1(data l'automazione) le banche erano pieni di dipendenti che prendevano parecchi quattrini avevano gli uscieri a volte le donne delle pulizie dipendenti della banca stessa,ora ogni operaio o impiegato con contratto indeterminato sembra un extra lusso,tutti a tempo con il minimo salariale,per non parlare della sanita' ,ora si parla sempre piu' di privatizzare,ma per 60 anni come si e' fatto????prima i negozi la domenica erano chiusi perche 40 anni fa era giusto che tutti potessero riposare la domenica,ora cio' non e' piu' giusto, bisogna lavorare anche la domenica,eppure negli anni 80 eran chiusi la domenica eppure c'era molta ricchezza e i consumi erano positivi,fra un po bisognera' fare schopping anche la notte?????ultima confusione il pil.il pil deve crescere sempre,ma le risorse sulla terra prima o poi finiranno o no??puo' essere fisiologico che a volte non cresca,ultimissima tornando alle banche,unicredit ha avuto un'utile di non so quanti miliardi,ma allora e' proprio necessario tagliare il personale?????ma il progresso non dovrebbe portare ad un benessere e ad una liberazione dal lavoro che totalizza la vita delle persone???io ho un sospetto ,che se prima si stava meglio era perche' dall'altra parte c'erano i comunisti e si aveva(giustamente)paura che venissero anche di qua',allora si elargiva qualcosa alle persone.chiedo scusa ,ma il mio e' soltanto una sfogo confusionato.ciao a tutti

Aggiornamento:

un'altra cosa l'universita'.l'universita' italiana fa schifo non funziona.poi ti dicono che l'italia produce tantissimi cervelli....ho capito ma sti cervelli dove si sono formati nei mercati rionali?????

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    mi sa che hai centrato il problema. Con le pensioni infatti, mentre come dici tu, ci "scassavano le balle" con la storia dell'INPS, le "scassavano" identicamente in tutto il mondo, qualsiasi fosse il sistema pensionistico del luogo. E allora vuol dire che si trattava di un preciso progetto, cosi' come gli slogan "privato è bello" e "meno stato più mercato", anche quelli diffusi non solo da noi ma in tutto il mondo, a cominciare dal thatcherismo britannico. Certo, le inefficienze nelle aziende statali c'erano: ma erano meglio quelle inefficienze dell'eccesso di efficienza delle gestioni private, che si esplica nel portarci via quanti più soldi possibile, risparmiando sulla qualità dei servizi offerti, in nome della massimizzazione dei profitti: ed era meglio la centralizzazione statale dei monopoli e degli oligopoli dei privati,

    Insomma, ci hanno fregati tutti in pieno.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.