Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Un po' di luce nelle tenebre, ecco un esempio di civiltà dalla Gran Bretagna?

Un bimbo di nove mesi affetto da una patologia medica eccezionalmente rara (soffriva di un raro disordine del metabolismo, con danni cerebrali e forti difficoltà respiratorie) è morto oggi in un ospedale britannico dopo che i suoi genitori hanno perso una battaglia legale per costringere i medici a continuare le cure.

Premetto che TROVO INGIUSTO non proseguire le cure, tuttavia i medici e i genitori hanno confermato che al mondo c'è stato un solo altro caso, quindi non si sapeva bene che pesci pigliare.

PERO' la famiglia ha detto anche che nonostante la differenza di opinioni con i medici è enormemente GRATA allo staff sanitario per il suo lavoro nel cercare di prolungare la vita del bambino.

-----------

(vi immaginate in Italia? "Assassini! Assassini!")

Aggiornamento:

@tamburino: non l'hanno ucciso. Hanno decretato di non saperlo guarire. La malattia è arrivata da Dio, invece.

13 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    in italia queste cose capitano tutti i giorni. o pensi ch esia un esclusiva del resto del mondo?

    se ti riferisci al caso englaro quello, per me, rimane un omicidio istituzionalizzato.

    in cui l'unica persona che doveva esprimere il proprio parere non poteva farlo e al posto suo il padre e le istituzini si sono arrogate il diritto di sapere e scegliere per lei.

    oltre tutto la morte di questa persona è stata fatta

    da un tribunale "amministrativo" lo stesso che decide se le bocciature sono valide o meno.....

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Filone
    Lv 6
    1 decennio fa

    Sono perfettamente d'accordo con te. L'opionione dei medici era che la patalogia non fosse guaribile, e che il bambino soffrisse enormemente.

    Quello che i più fanatici fra i difensori della "vita" (gente che difende fanaticamente LA PROPRIA IDEA di vita) non riescono a capire è che si può essere in disaccordo su quello che è meglio fare in un caso del genere senza perdere il rispetto reciproco. Se si mantiene il buon senso, non è difficile da capire; ma è straordinario come spesso i parenti delle persone coinvolte, come i genitori di questo bimbo, riescano a mantenere il buon senso e la lucidità, nonostante la loro situazione terribile.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    ci son stato. noi ci vantiamo su tutto. loro mi sembrano leggermente avanti anche se non ce lo vengono a dire.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Pare evidente che questo bambino non potesse avere una vita decente, resta il fatto che i suoi genitori volevano che continuasse a vivere e lo stato glielo ha impedito, proprio giusto non è...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Una dimostrazione (se ce nera bisogno) che senza

    l' ingerenza diretta del vaticano e senza il servilismo

    strisciante dei nostri "LAICI" governanti .

    la giustizia umana può scegliere .

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    La Gran Bretagna è un Paese civile, l'Italia è popolata da mafiosi, rozzi e ignoranti.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Dabo
    Lv 5
    1 decennio fa

    Sbagliato! Questo era accanimento terapeutico. In questi casi è lecito staccare la spina! Altrra cosa è il sopprimere una persona perchè ti è d'impiccio curarla. Ma non era il caso di Eluana. Infatti la curavano le suore da vent'anni senza retribuzioni alcune. Il caso Eluana è stato un caso voluto e cercato a tutti i costi per sollevare un polverone mediatico.

    Ciao.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    i medici hanno dichiarato che il bimbo soffriva parecchio in quelle condizioni, inoltre non c'erano speranze di miglioramento.

    per cui hanno preso, immagino anche loro con sofferenza, la decisione di proporre a sospensione dalle cure.

    legittimo il tentativo dei genitori di proporre di continuarle, veramente da ammirare il loro atteggiamento nei confronti della decisione dei giudici, che certamente avranno ascoltato il parere di esperti SCIENZIATI per valutare la situazione di salute del bambino.

    non voglio nemmeno pensare alle crociate vergognose che sarebbero partite qui in italia e a come sarebbe stata strumentalizzata la situazione.

    nessun medico proporrebbe MAI E POI MAI la sospensione delle cure al paziente se ci fosse un altra soluzione.

    hai ragione, che lezione di civiltà.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Non sono d'accordo con quei medici, sono un genitore, non posso essere d'accordo, scusa.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Mio caro cuoco Tony se si da la stura a queste cose rischiamo che se la tua persona corrisponde al tuo avatar,fra qualche annetto quando certi soliti noti c'avranno preso un pò più di confidenza per far ancora più luce sulle tenebre,quelli un pò ciottelli com'è il tuo avatar verranno pietosamente soppressi. Perchè questi soliti noti non è che ci stiano poi tanto con la testa con le loro teorie sullo spazio vitale,la razza e tutte le altre balle.

    Ora se tutto va bene avremo finalmente una legge sul testamento biologico cosicchè non si ripeteranno più casi di ergastoli comatosi.

    A gridare alletuia come hai fatto postando questa tua domanda però si da ossigeno ai sopraddetti soliti noti,se non ne fai parte,dovresti tener conto del fatto che ci produciamo l'un l'altro e che le minchiate sulla zizania delle scritture oggigiorno possiamo appurarle scientificamente

    attraverso psichiatria,psicologia e tutte quelle discipline che si occupano dell'Uomo.

    ciao

    P.S.

    VEDO CHE LA CRICCA DEI SOLITI NOTI NON AMA ESSERE CONTRADDETTA E FREME DI POTER SCAGLIARE PIETRE PER LAPIDARE E FASCINE DA AGGIUNGERE ALLA PIRA:

    arriciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Impedire di curare una persona malata è una aberrante forma di fascismo legalizzato, se esistevano medici che desideravano curare il bimbo è indegno di una repubblica democratica impedire loro di farlo.

    Le scelte in questi casi debbono rimanere personali e vanno comunque rispettate.. ma non si può imporre volontà esterne ad un nucleo familiare in casi di vita o di morte..è aberrante

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.