Cj ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

aiutino per un interrogazone please!!!?

raga fra 2 giorni dovrò essere interrogato in storia dell arte....il problema è k nn ho il libro e su internet e difficile studiare xk è trpp lungo ......l'interrogazione si basa sull arte dell ASTRATTISMO,DADAISMO,SURREALISMO....ki potrà darmi una mano raggruppandomi tutte le cose fondamentali di quest arte sarò grato di compensarlo con 10 punti.....grazie ciao!!!!!

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Allora ho letto questi e mi sembrano abbastanza semplici e riassunti ti ho levato qualche pezzo:

    Dadaismo:

    Il movimento Dada nasce intorno agli anni Venti del Novecento, come forma di provocazione, piuttosto che come corrente artistica vera e propria. Già nella scelta, (la parola «dada» non significa nulla) si rileva l'atteggiamento assunto dai Dadaisti. Le conquiste tecnologiche che dovevano portare ad un mondo nuovo, hanno invece condotto alla guerra; i Dadaisti attaccano con feroce ironia le convenzioni e le regole della società, accettate in genere passivamente dalla massa. Il gruppo Dada vuole contestare e negare tutto del passato: l'opera d'arte deve esprimere ribellione. Le immagini non devono essere progettate, ma nascere anche per caso; i materiali che costituiscono un'opera d'arte possono anch'essi essere trovati per caso. Così le opere Dada sono caratterizzate dall'assemblaggio di materiali diversi, come ad esempio biglietti ferroviari, tappi di sughero, chiodi. Vengono proposti come d'arte, oggetti qualsiasi: uno scola-bottiglie, una ruota di bicicletta o anche oggetti «assurdi» come una tazzina di caffè realizzata in pelliccia, o un ferro da stiro chiodato. Tutto può essere opera d'arte - dicono i Dadaisti - se è firmato ed esposto in una mostra. Le loro opere vengono perciò definite una «non-arte», una «anti-arte». Esse testimoniano un nuovo modo di esprimersi, non privo di una ricerca estetica con i richiami a forme del linguaggio cubista e futurista.

    I principali esponenti del movimento Dada sono: Duchamp, Picabia, Man Ray, Arp, Schwitters.

    Surrealismo

    Il Surrealismo si sviluppa negli anni Trenta del Novecento. In questo periodo si afferma la psicoanalisi con Freud, una teoria che studia l'influenza esercitata sul nostro comportamento dai desideri e dagli impulsi istintivi. Tali desideri ed impulsi, dei quali spesso non siamo consapevoli, si rivelano soprattutto nei sogni. Il Surrealismo

    cerca di riprodurre attraverso le immagini il nostro inconscio.

    Le opere di pittura e di scultura sono composte da oggetti che non hanno un legame logico tra di loro.,In questo modo sia ha una fusione di realtà e sogno. Oltre a questi accostamenti assurdi il ricorso alla deformazione e l'esecuzione nitida contribuiscono a creare nelle opere surrealistiche quella tipica atmosfera allucinante, inquietante. I Surrealisti con queste immagini intendono rappresentare non la realtà esterna, ma la realtà interiore dell'uomo, quella più nascosta, che si trova nel più segreto dell'anima, cioè l'inconscio con i suoi desideri, le sue frustrazioni, inquietudini, aspirazioni. L'artista si sente totalmente libero di esprimersi, senza costrizioni imposta dalla società, dalla tradizione, dalla morale, dalla logica, dalla religione. L'osservatore è libero di interpretare, di trovare significati simbolici. In questo senso il Surrealismo riprende e sviluppa la ricerca iniziata dal Simbolismo, che vedeva nell'immagine non la rappresentazione della realtà, ma la rivelazione di tutto ciò che nell'uomo sfugge al controllo della ragione.

    I principali esponenti del Surrealismo sono: Ernst, Mirò, Arp, Masson, Tanguy, Dalí, Magritte, Delvaux.

    Se hai domande su questo ho fatto la tesina ma non ho il documento su questo pc.

    L’Astrattismo

    L'astrattismo ha le sue origini in Germania nel 1910. In occasione della seconda mostra organizzata a Monaco da una associazione di Pittori, Kandiskij di cui ne è il principale componente elenca alcuni concetti sulla cui base sarebbe dovuto nascere il movimento Der Blaue Reiter, fondato sul modo di interpretare nell'arte pittorica una speciale funzione di purificazione degli istinti per manifestare l'essenza spirituale della vita reale. Kandiskij ritiene che l'arte deve essere l'antitesi della brutalità del mondo esteriore. Più il mondo diventa brutale più l'arte diventa astratta. Kandiskij ha un concetto di pittura tutto nuovo, diverso da quello sentito dal movimento di marca espressionista e professato dalla Die Brucke, anche circa la separazione tra arte e società. Il pittore dovrebbe rifiutare di rappresentare la brutalità del mondo esteriore e ripiegarsi sull'io per dare ascolto al principio di necessità interiore.

    Alcuni nomi di grandi personaggi dell'astrattismo e di alcune opere più importanti: Vasilij Kandiskij con Improvvisazione, Arnold Schonberg musicista e pittore con "lo sguardo rosso", Frantisek Kupka con "tasti di Pianoforte", Micalojus Ciurlionis con sonata della stella, Alexej von Jawlensky con Fanciulla con peone, Franz March con Mucca gialla,George Braque con Estaque

  • Mile
    Lv 7
    1 decennio fa

    Il movimento Dada nasce durante i terribili anni della prima guerra mondiale (1914 - 1918), quando tutti i valori umani apparivano irrimediabilmente travolti dalla logica orrenda del grande conflitto.

    Ne nasce una specie di disgusto e di rifiuto verso tutto ciò nel cui nome si dice di combattere (patria, onore, tradizione e così via), in altre parole verso tutte le forme costituite della società, in primo luogo verso le classi dirigenti, verso il potere economico e verso la cultura che rappresenta la società contemporanea.

    Dada è dunque una rivolta totale contro ogni aspetto della civiltà attuale.

    Dada vuole distruggere tutto, per ricostruire tutto il mondo completamente diverso, rendendo all'uomo quel ruolo di protagonista, che gli è stato tolto a favore dell'organizzazione alienante della società moderna.

    Il movimento sorse simultaneamente a Zurigo e a New York e si estese poi in buona parte dell'Europa, soprattutto in Germania e in Francia.

    Ufficialmente Dada nasce a Zurigo, nel 1916, in un cabaret cui venne dato il nome di Voltaire, il filosofo illuminista francese sostenitore della ragione contro ogni pregiudizio.

    Dai primi spettacoli di cabaret, viene via via crescendo un atteggiamento ironico, dissacratorio e provocatorio.

    Dada è contro la letteratura, la poesia, l'arte, contro tutto ciò che si è fatto passare per eterno, bello, perfetto; è contro le correnti artistiche moderniste: l'espressionismo, il cubismo, il futurismo.

    Dada è libertà: può essere quindi anche contro Dada.

    Il Dadaismo è un modo di concepire; non si interessa del valore artistico, ma dello shock che causa nello spettatore per toglierlo dalle sue pigre abitudini mentali.

    Tutto è arte: pezzi di legno grezzo inchiodati e colorati, per esempio, come in Trousse d'un Da di Hans Arp; oppure una ruota di bicicletta sovrapposta a uno sgabello bianco, come in Ruota di bicicletta di Marcel Duchamp.

    Tra le opere di Duchamp ricordiamo anche la Fontana, un orinatoio maschile in maiolica bianca capovolto e collocato su un piedistallo di legno; la Gioconda con i baffi, una riproduzione della Gioconda di Leonardo, su cui Duchamp dipinse i baffi e la barbetta.

    Aderiscono alla nuova corrente vari artisti americani, fra i quali il più noto fù Man Ray.

    In Germania i maggiori artisti tedeschi dada sono Hans Arp e Max Ernst, il cui dadaismo è contraddistinto dalla ricerca di un linguaggio espressivo nuovo.

    Con questo fine Ernst elaborò alcune tecniche, fra cui il montaggio di vignette o di fotografie preesistenti ritagliate da giornali e combinate reciprocamente in rapporti nuovi.

    Nel 1924 Breton fonda il surrealismo in cui convergono gli elementi del dadaismo. Il surrealismo vuole dare voce all'ansia di libertà sociale e politica, come pure all'inconscio: suoi referenti sono Marx e Freud: "Trasformare il mondo, ha detto Marx, cambiare la vita, ha detto Rimbaud. Queste due parole d'ordine sono per noi una sola" (Breton). Punti di riferimento delle letterature precedenti sono Baudelaire, Rimbaud, Lautréamont, Apollinaire, Mallarmé, Novalis. E' una tensione ideologica che si accompagna a strumenti letterari nuovi, come la scrittura automatica, le libere associazioni ecc.; nel 1920 ad esempio, Crevel, Desnos, Péret tentano forme di disegno e di scrittura in stato di semi-ipnosi.

    Astrattismo. Nelle arti figurative il concetto di astratto assume il significato di «non reale»: l’arte astratta non rappresenta la realtà, crea immagini che non appartengono alla nostra esperienza visiva. Essa, cioè, cerca di esprimere i propri contenuti nella libera composizione di linee, forme, colori, senza imitare la realtà concreta in cui noi viviamo.

    L’Astrattismo nasce agli inizi del '900, ma fu presente in molta produzione estetica precedente, anche molto antica. Sono astratte sia le figurazioni che compaiono sui vasi greci più antichi, sia le miniature altomedievali, per fare alcuni esempi. In questi casi, però, la figurazione astratta aveva un solo fine estetico ben preciso: quello della decorazione.

    L’Astrattismo nasce intorno al 1910, grazie al pittore russo Wassilj Kandinskij. Egli operava, in quegli anni, a Monaco dove aveva fondato il movimento espressionistico «Der Blaue Reiter». Il suo astrattismo conserva infatti una matrice fondamentalmente espressionistica. È teso a suscitare emozioni interiori, utilizzando solo la capacità dei colori di trasmettere delle sensazioni. Da questo momento, la nascita dell’astrattismo ha la forza di liberare la fantasia di molti artisti, che si sentono totalmente svincolati dalle norme e dalle convenzioni fino ad allora imposte al fare artistico.

    CIAO.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.