ஹnuvolaஹ ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 decennio fa

chiedo un piccolo consiglio per questa parte del mio romanzo , per favore?

ecco il link della prima parte

http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ag...

ed ecco la seconda parte

Prima vediamo che fa lui, come si comporta, non riesco a vederlo bene in faccia perché c’è quel colosso di Matteo che mi blocca la visuale completa, ma mi sembra che sta … salutando . Saluta ? Perché mi saluta ? Magari adesso mi vuole ? No, questa volta non ci casco, non ancora una volta, lui non mi vuole, sono solo io che mi immagino le cose. Distolgo lo sguardo , ma lo guardo un’ultima volta. Cosa ci avrò mai trovato in lui ? Beh, in effetti è carino, capelli marrone scuro, occhi azzurro mare con qualche punta di verde, alto. E anche di carattere non gli manca nulla, simpatico, gentile, intelligente , juventino . Mi giro verso Laura e cerco di fare conversazione con lei, ma la mia mente tende a vagare . Alla ricreazione Luca mi viene incontro e mi saluta ancora << Ciao Alessandra >> dice contento

<< Ciao Luca >> dico a bassa voce abbassando lo sguardo , poi gli dico << Senti, tu non mi piaci più , non in quel senso >> lui mi guarda un attimo, come se si fosse scordato della lettera , poi si illumina e dice << Ah, va bene >> non sembra né deluso o contento , niente, freddo, polare . Meglio per me . Laura mi richiama all’attenzione e mi dice << Nicole ? Nicole , ci sei ? >> io rimango ancora zitta

<< Certo che non c’è, in questo momento sta pensando a Luca >> riprende Marika , io non parlo , ma allungo il braccio sinistro da dietro abbastanza per colpirla sulla testa con uno schiaffo << Scusa, stavo scherzando >> la fulmino con lo sguardo e le dico << Meglio >> . Potrebbe sembrare che io sia diciamo la più popolare, la più temuta e rispettata, invece sono quasi l’ultimo anello della catena alimentare . In cima alla piramide regna Chanel , una ragazza , anzi, usiamo un termine più appropriato, lei è una ***** . Poi assieme a lei ci sono , ma un po’ sotto, Sara, Valentina e Giulia. Ancora più in basso c’è Marika , poi io, seguita da Laura e Alice e come ultimo anello della piramide troviamo Lena, Claudia e Maria. Piramide uguale alle caste indiane, uno nasce , cresce e muore nella propria casta senza via d’uscita, con la sola differenza che noi non crediamo nella reincarnazione .

Primo giorno di scuola superato. Sospiro appena scendo dalla macchina nera di papà e vado in camera mia dove Lola, Luna e Romero , i miei tre gatti mi aspettano. Sissi ovviamente sta allattando quindi nono può venire e la vado a salutare io. Lei scodinzola appena e le do da mangiare. Anche i gatti iniziano a farsi sentire e apro una scatoletta anche per loro. In camera mia prendo uno dei tanti libri e inizio a leggere lasciandomi alle spalle la giornata più che dura.

Aggiornamento:

ci tengo solo a ricordare che non mi si può direche non ho fantasia perchè è tutto vero, dalla prima all'ultima parola

Aggiornamento 2:

Oggi non è un giorno qualsiasi . Apro la porta della classe e tra i banchi cerco un volto in particolare, Laura . Oggi è il suo compleanno , 13 anni belli pronti. Le ho comprato una maglietta e questa sera farà il compleanno a casa sua . La Tuttolomondo guarda me e Lena con aria di sufficienza e ci fa un cenno con il capo. Arrivata al mio banco mi giro verso Laura e le sussurro << Auguri >>

<< Grazie >> e iniziano le lezioni. Qualcuno bussa alla porta , la professoressa dice un sonoro << Avanti >> e la porta si apre facendo entrare un ragazzo. Ha i capelli biondi, con qualche riflesso più scuro, lisci, un ciuffo gli ricade sulla fronte nascondendo i suoi occhi verde smeraldo . Con la mano si sistema i capelli e con un movimento leggero se li tira indietro facendoli muovere come un’onda. Abbastanza alto, ma non troppo , di corporatura normale, nella media, ma senza un grammo di troppo.

Aggiornamento 3:

Abbastanza alto, ma non troppo , di corporatura normale, nella media, ma senza un grammo di troppo. Indossa una maglietta a maniche corte nera con una scritta rossa, abbastanza trasparente , che lascia vedere a tutte le ragazze il suo fisico reduce da qualche giornata passata in palestra. Chanel lo guarda come una leonessa guarda un cervo, orami quel povero ragazzo non avrà scampo, entro una settimana sarà suo, quindi nessuna ragazza si potrà avvicinare, in quel lasso di tempo a lui << Ragazze e ragazzi , lui è Eric Masetti , nuovo della Sicilia … o sbaglio ? >> dice la Tuttolomondo abbassando gli occhiali da vista per guardarlo meglio

Aggiornamento 4:

<< No, non si sbaglia , vengo da Roma, ma mio padre cambia spesso luogo di lavoro e dobbiamo continuamente trasferirci >> dice calmo. Anche la sua voce è molto bella , ma a me non fa tanto effetto, certo è carino, ma non gli sbaverò dietro come Marika si prepara a fare << Ehi Ale, carino quello nuovo , speriamo che si mette qui vicino >>

<< Mary non preoccuparti, tanto entro una settimana sarà fidanzato con chi sai tu >> non dico il suo nome perché Chanel è davanti a me con il banco . Mi piacerebbe sbirciare nella mente di Eric, mi immagino mentre cerco disperatamente di capire i suoi pensieri per poi probabilmente scoprire che nella sua testa c’è solo aria

Aggiornamento 5:

. Sicuramente sarà uno di quei ragazzi che si credono il mondo intero e che quindi sarà vanitoso fino all’eccesso , un compagno perfetto per Chanel , passerebbero le serate davanti allo specchio. Io non ci tengo molto ai trucchi o roba del genere , e sicuramente non faccio parte del gregge di pecore di cui Chanel è il capo . Però tutte le ragazze , compresa me , nessuna esclusa verrebbe essere come lei . Essere guardata da tutti, essere la protagonista dei pensieri dei ragazzi, anche quelli più sporchi. Avere una grande scelta di possibili fidanzati . Sarebbe come essere al ristorante e avere davanti un menù con tutti i nomi dei ragazzi della scuola, chiudere gli occhi e pescare un nome qualsiasi , se è un bel ragazzo, se lo prende subito e ci fa quel che vuole

Aggiornamento 6:

continua, ma vi evito il supplizzio

Aggiornamento 8:

ops scusate. devo chiarire una cosetta .

io mi chiamo alessandra , ma all'inizio volevo utilizzare un nome falso quindi scrivevo nicole, poi ho cabiato idea, e per sbaglio ho lasciato un nicole nel racconto

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Premetto che io non sono il tipo di lettorice/scrittrice che decanda i classici senza lasciare spazio alla letteratura di consumo, anche se non mi piace.

    Cmq, prima di tutto capisco che per determinate esigenze di spazio tu abbia voluto raccontare molte cose in poco tempo. Invece se di ciò vuoi farne un libro devi essere in grado si distendere e di sciogliere la narrazione. Non deve essere più lungo o più noioso, semplicemente più descrittivo. Non ho capito molto di tutta la vicenda perchè è narrata in modo frettoloso e i sentimenti non sono descritti nella loro pienezza.

    Poi chi è Alessandra? No perchè ogni tanto la protagonista mi sembra che venga chiamata così (ma non si chiamava Nicole?) insomma c'è un po' di confusione tra i personaggi. E poi parlano tutti allo stesso modo, non hanno personalità, soprattutto le amiche della protagonista. E' troppo lungo da accomodare e non ho la forza materiale di indicarti i punti critici e gli errori, perdonami u.u

    In ogni caso, x quanto riguarda la storia, i personaggi sono troppo giovani. Se a 13 anni la tua vita è incasinata in questo modo i tempi sono proprio cambiati O.O mi sembra una storia alla Moccia quasi, non è questione di fantasia, è questione che chiunque è in grado di scrivere una storia di adolescenti e quindi ci vuole un tocco di originalità. Siamo stati tutti adolescenti e tutti sappiamo come scriverne una bella storia della nostra esperienza. Non so quanti anni abbia tu ma per scrivere questo genere secondo me dovresti aspettare finchè non avrai una visione chiara del periodo di cui parli. Coloro che leggono queste storie sono adolescenti alla fine ma non per questo lo scrittore deve avere la stessa età, anzi, proprio per questo non ha una chiara visione del mondo.

    Cmq l'importante è che tu ti diverta quando scrivi, le critiche sono all'ordine del giorno in questo mondo.

    Secondo me un racconto è bello quando suscita emozioni ed è scritto bene (sullo scritto bene segui un po' i consigli dell'inizio).

    Spero cmq che non sia una cosa autobiografica perchè se no mi dispiace davvero, pensare che esista una piramide sociale a soli 13 anni non è bello... L'adolescenza sembra tanto incasinata ma nulla è come appare!

    Buona fortuna ;)

  • Ciao Alessandra!!

    Come già ho detto e come ripeto, sei brava, non c'è che dire. Attenta però agli errori di ortografia e noto anche che hai sbagliato con i nomi, prima fai finta di chiamarti Nicole, poi Alessandra e poi di nuovo Nicole. Comunque per quanto riguarda il modo in cui scrivi mi piace molto e caZZarola rispecchia davvero le situazioni attuali delle classi italiane.

    Consiglio: lascia perdere Luca... Mamma mia quanto odio le tipe come Chanel, xD

    Modestia a parte sono carina, ma non certo *****, le ragazze come lei le odio e devo dire che ce n'è almeno una x classe... Purtroppo...

    p.s. Ma quale supplizio?! A me piace, mi ci sto appassionando, spero che continui a metterlo, ^^

    Ormai che hai cominciato devi farcelo finire, altrimenti è unì ingiustizia!! Pleaseeeeeeeee, =P

  • 1 decennio fa

    Macché supplizio!

    Sei brava, te l'ho detto già rispondendo a qualche altra tua domanda. Non dare troppa importanza agli errori di ortografia, certo nella stesura definitiva non ci dovranno essere, ma per quello basterà correggere il manoscritto alla fine.

    L'importante è il contenuto, la sostanza, e da questo punto di vista non ho critiche da farti: per quello che ho letto finora il libro è interessante, a me è rimasta la voglia di andare avanti a leggere, di sapere come prosegue, e ti assicuro che non mi succede spesso coi libri che leggo...

    Solo un'osservazione: parlando della gerarchia delle ragazze fai riferimento all'ultimo anello della piramide, ma la piramide non ha anelli...

    Per il resto il giudizio ti ripeto è molto positivo, le situazioni sono realistiche (come il discorsosulla "gerarchia sociale" ad esempio, o quando nella prima parte facendo il gioco obbligo o verità non ti eri ricordata che si può fare una domanda sola...) e l'impressione non è di leggere una cosa falsa, un prodotto commerciale, come succede a volte...

    PS: secondo me rispetto alle prime cose che ho letto hai fatto notevoli progressi, brava! Continua a scrivere!

  • 1 decennio fa

    "ma mi sembra che STA salutando"???? Io non vado più avanti di così.

    E dato che è sotto il mio naso, "supplizio".

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.