Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeMedicina · 1 decennio fa

AIUTATEMI: Qual è la differenza tra la leucemia acuta e cronica, linfoide e mieloide?

AUTATEMI VI PREGO!!!!!

Sono una studentessa di farmacia e sto preparando l'esame di patologia.

Purtroppo mi sono trasferita in un'univarsità di farmacia lontano dalla mia regione e siccome nella mia vecchia università ho perso 2 anni pieni, ho cominciato a preparare le materie a casa per evitare di riseguirle nella nuova università MA con patologia, la materia che sto preparando da tre mesi, ho avuto parecchie difficoltà a studiare dal libro consigliato, che tra parentesi è un libro di medicina, il Robbins; inoltre prima di affrontare la materia ero riuscita a procurarmi gli appunti presi da uno studente Ma questi si sono rivelati estremamente confusionari e disordinati.

Ora, il punto è che nel giro di questi tre mesi ho studiato sodo e sono riuscita a capire la materia MA c'è un intero argomento che, sebbene abbia fatto ricerche su internet, abbia cercato di capire gli appunti dello studente e abbia letto più a fondo il libro, non sono riuscita proprio a capire; ed è un argomento estremamente importante...

L'argomento riguarda le leucemie e i linfomi.

Non riesco proprio a capirli.

Se è vero, le leucemie si dividono in acute , corniche, mieloidi e linfoidi.. MA

qual è la differenza?

Quali sono le loro caratteristiche?

In cosa le leucemie differiscono dei linfomi?

Vi prego spiegatemelo dettagliatamente_

Vi prego!! Sono disperata perchè ho l'esame giorno 8 APR!

Grazie mille_

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Allora come prima cosa bisogna dire ke il linfoma è una malattia neoplastica del tessuto linfoide molto simile alla leucemia ma...il linfoma è un tumore ke si presenta come una"massa" distinta mentre la leucemia interessa il midollo osseo ed è caratterizzata invece da un'ingente quantità di cellule tumorali presenti in circolo x tutto l'organismo e quindi,se vogliamo dirla così..sparse quà e là.

    Per quanto riguarda la classificazione della leucemia bisogna dire ke la classificazione tra acuta e cronica dipende soltanto dalla fase di avanzamento della malattia,ovvero..La fase iniziale cronica dura 3-10 anni poi la malattia subisce una trasformazione, attraverso una fase di transizione accelerata di circa 3-6 mesi, in leucemia acuta. Durante la prima fase i segni sono astenia e perdita di energia, dovuti ad anemia di media entità, notevole ingrossamento della milza e modesto aumento di volume del fegato.

    Per quanto riguarda invece la classificazione tra linfoide e mieloide..Quando il tumore colpisce i precursori intermedi dei linfociti T o B si ha leucemia linfocitica (linfoblastica, linfatica, linfoide); quando, invece, la degenerazione riguarda il progenitore comune di granulociti e monociti si ha leucemia mieloide (mieloblastica, mielocitica, granulocitica).

    LEUCEMIE ACUTE

    Ti elenco i principali sintomi delle acute poikè i sintomi sono abbastanza comuni sia x la linfoide acuta ke per la mieloide acuta

    I sintomi iniziali precedono, talora anche di anni, la malattia e includono anemia, comparsa di ecchimosi, sanguinamento delle gengive, febbre persistente, ascrivibili alla minor produzione di globuli rossi e piastrine da parte del midollo osseo. Inoltre si manifesta un caratteristico dolore osseo, spontaneo o in seguito a pressione, dovuto alla compressione che esercita il midollo osseo in espansione.

    In alcuni casi, tuttavia, l'esordio può essere violento con emorragia cerebrale, polmonare o gastrointestinale oppure con un grave episodio infettivo, non controllabile con i farmaci.

    A malattia conclamata si riscontrano anche ingrossamento della milza e dei linfonodi, soprattutto nella leucemia acuta linfatica, e talvolta del fegato.

    In fase avanzata le cellule leucemiche possono infiltrarsi: nel sistema nervoso centrale, dando cefalea, vomito, nausea, sonnolenza; nell'orletto gengivale; nella cute; nei reni.

    LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA

    È caratterizzata da una lenta iperproliferazione dei granulociti, che giungono quasi a completa maturazione, parallelamente a un incremento dei precursori dei granulociti a livello del midollo.

    Come già ti ho detto la fase cronica è quella che prevede la acuta.Durante la prima fase i segni sono astenia e perdita di energia, dovuti ad anemia di media entità, notevole ingrossamento della milza e modesto aumento di volume del fegato. La fase cronica, comunque, risponde molto bene alle terapie.

    LEUCEMIA LINFATICA CRONICA

    La forma più diffusa è dovuta a proliferazione incontrollata dei linfociti B, tuttavia si può avere anche neoplasia dei linfociti T. La leucemia linfatica cronica B ha un decorso molto lento, i sintomi perciò compaiono gradualmente negli anni: quando i linfociti invadono il midollo, il sangue, i linfonodi, la milza e il fegato, questi organi si ingrossano. I linfociti B leucemici non sono in grado di svolgere il loro ruolo immunitario (produrre anticorpi) per cui nei pazienti si manifesta anche immunodeficienza secondaria, con maggior vulnerabilità alle infezioni batteriche, virali e fungine. Questo tipo di leucemia vanta la prognosi più favorevole, infatti risponde bene alle terapie e spesso il decorso è benigno (guarigione) o stabile, cioè non peggiora per molti anni.

    La leucemia linfatica cronica T è caratterizzata da un considerevole ingrossamento solo epatico e infiltrazione preferenziale dei linfociti neoplastici a livello della cute. La prognosi è favorevole anche per questa forma, con una fase stabile di malattia a decorso prolungato.

    Spero di esserti stato di aiuto..e non ti preoccupare x l'esame..credo ke 3 mesi di studio siano più ke sufficienti!!!

    Un saluto

    Fonte/i: BIotecnologo medico e delucidazioni su internet!
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.