Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Vogliamo tagliare la testa al toro?

I cattolici si battono contro l'aborto adducendo, come ragione, il fatto che "siano esseri umani a tutti gli effetti". Dimenticano, però, due piccoli particolari, facenti parte della loro dottrina fondamentale.

1) S.Tommaso nega agli embrioni la resurrezione, in quanto privi di anima razionale, e pertanto non ancora esseri umani. (Supplemento alla Summa Theologiae, 80, 4)

2) La Chiesa nega il battesimo ai feti abortiti in modo spontaneo. Nella prassi, cioè, la Chiesa non considera il feto una persona finchè non nasce vivo.

Cattolici, provate a replicare, se vi riesce.

P.S. stellinate in modo che più gente possibile legga la domanda. Grazie.

Aggiornamento:

-------------

Gerry

A parte l'uso obrobrioso che fai del condizionale, questa domanda riguarda una posizione teologica e non l'aborto. Temo tu non sappia neanche leggere.

Aggiornamento 2:

----------------

HOP

Una persona? S. Tommaso è uno dei PADRI DELLA CHIESA!!!!

Aggiornamento 3:

---------------------

TAMBURINO

E dove leggi che io consideri S. Tommaso come "fonte scientifica"? Ti faccio notare solo quanto sia contraddittorio tutto quello che la chiesa cattolica afferma. Si può ben dire che la vostra dottrina non ha un punto fermo (e lo si vede dalle risposte che avete dato a questa domanda) e che è estremamente "creativa".

----------------------

DANIELE

Ti do una pessima (per te) notizia; dio non esiste. La buona notizia è che non ne abbiamo bisogno. Neanche del suo "giudizio".

10 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    a quanto pare la chiesa ha cambiato idea:

    "Per persona la Chiesa intende un essere costituito di corpo e di anima spirituale.

    Pertanto poiché il feto è costituiti di corpo e di anima spirituale fin dal primo istante del suo concepimento, è persona umana."

    "Quanto ai bambini morti senza Battesimo, la Chiesa non può che affidarli alla misericordia di Dio, come appunto fa nel rito dei funerali per loro. Infatti, la grande misericordia di Dio che vuole salvi tutti gli uomini e la tenerezza di Gesù verso i bambini, che gli ha fatto dire: «Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite» (Mc 10,14), ci consentono di sperare che vi sia una via di salvezza per i bambini morti senza Battesimo. Tanto più pressante è perciò l’invito della Chiesa a non impedire che i bambini vengano a Cristo mediante il dono del santo Battesimo”

    (catechiscmo della chiesa cattolica)

    e tace su san tommaso...

  • Pico
    Lv 6
    1 decennio fa

    2273 Il diritto inalienabile alla vita di ogni individuo umano innocente rappresenta un elemento costitutivo della società civile e della sua legislazione:

    “I diritti inalienabili della persona dovranno essere riconosciuti e rispettati da parte della società civile e dell'autorità politica; tali diritti dell'uomo non dipendono né dai singoli individui, né dai genitori e neppure rappresentano una concessione della società e dello Stato: appartengono alla natura umana e sono inerenti alla persona in forza dell'atto creativo da cui ha preso origine. Tra questi diritti fondamentali bisogna, a questo proposito, ricordare. . . il diritto alla vita e all'integrità fisica di ogni essere umano dal concepimento alla morte” [Congregazione per la Dottrina della Fede, Istr. Donum vitae, III].

    “Nel momento in cui una legge positiva priva una categoria di esseri umani della protezione che la legislazione civile deve loro accordare, lo Stato viene a negare l'uguaglianza di tutti davanti alla legge. Quando lo Stato non pone la sua forza al servizio dei diritti di ciascun cittadino, e in particolare di chi è più debole, vengono minati i fondamenti stessi di uno Stato di diritto. . . Come conseguenza del rispetto e della protezione che vanno accordati al nascituro, a partire dal momento del suo concepimento, la legge dovrà prevedere appropriate sanzioni penali per ogni deliberata violazione dei suoi diritti” [Congregazione per la Dottrina della Fede, Istr. Donum vitae, III].

    2274 L'embrione, poiché fin dal concepimento deve essere trattato come una persona, dovrà essere difeso nella sua integrità, curato e guarito, per quanto è possibile, come ogni altro essere umano.

    La diagnosi prenatale è moralmente lecita, se “rispetta la vita e l'integrità dell'embrione e del feto umano ed è orientata alla sua salvaguardia o alla sua guarigione individuale. . . Ma essa è gravemente in contrasto con la legge morale quando contempla l'eventualità, in dipendenza dai risultati, di provocare un aborto: una diagnosi. . . non deve equivalere a una sentenza di morte” [Congregazione per la Dottrina della Fede, Istr. Donum vitae, III].

    Fonte/i: Fonte: catechismo Chiesa Cattolica (ufficiale) http://www.vatican.va/archive/ITA0014/_P7Y.HTM#19C
  • 1 decennio fa

    Purtroppo,quando una persona ,usa un padre della chiesa,che può esprimere una sua opinione e non per questo ,essere definita dogma,come se quel padre,stesse affermando una verità di fede(cioè un dogma)..........cosa vuoi che si risponda?

    Tu dimostrami che quello che pensava S Tommaso ,era un DOGMA della chiesa(ovvero,una verità di fede) e che poi è stato annullato e allora ti chiederò scusa e divento ateo.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    1) Riguardo a San Tommaso non so risponderti e dovrei indagare studiando i suoi scritti. Comunque è un domenicano e i domenicani attualmente non negano ai feti l'anima (leggi punto seguente)

    2) non è vero: la Chiesa considera i feti già persone anzi, per la Chiesa gli aborti sono persone sante che vanno direttamente in Paradiso senza passare per il purgatorio. A calcoli fatti negli ultimi decenni il Paradiso si sta riempendo soprattutto di milioni di persone che erano feti abortiti sulla terra. Comunque il sangue di queste persone grida vendetta al cospetto di Dio e non possiamo non aspettarci qualche castigo per questo grave crimine contro l'umanità.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Ebbene tagliamola !

    Se trascuri la revisione

    della tua coscienza e non riconosci i tuoi

    peccati davanti a Dio... la critica o l' accusa altrui ...

    non ti sarà utile nel Giudizio , vedrai ...

    C'è troppa gente ... che butta la sabbia

    negl' occhi di questi tempi

    ---

    ....zack....

  • 1 decennio fa

    Lo so che la mia risposta attirerà su di me le ire dei soliti ignoti però, nei grandi centri spiritualisti come il Cerchio 77 di Firenze e il Cenacolo di Milano, è riconosciuto il fatto che l'anima entri nel corpo solo al momento della nascita mentre, per tutta la gravidanza, assiste il feto con la sua energia quindi, secondo queste teorie,fino a quando non nasce, un feto non è completo in quanto è solo un embrione, anche se l'anima soffre lo stesso poiché viene creata una condizione karmica.

    Detto questo, è meglio che la Chiesa e i cattolici che dicono bisogna seguire la Bibbia ecc. è meglio che rivedano un attimo le loro asserzioni, poiché Dio e Gesù stesso, affermano chiaramente il libero arbitrio, noi siamo liberi, dico LIBERI di esercitarlo e NESSUNO ci può giudicare se non Dio o chi per esso ma sempre nel regno dei cieli!!!!

  • 1 decennio fa

    Mi stupisce che San Tommaso venga considerato fonte scientifica dagli atei.

    Mistero dei bancari

    Per quanto riguarda il battesimo ai feti abortiti spontaneamente, quindi MORTI, mi chiedo che senso avrebbe dare un sacramento ad una persona MORTA.

    Io ho visto battezzare un feto, abortito volontariamente e sopravvissuto quasi due giorni. doveva essere colpito da malformazione ed invece era sanissimo. i genitori (?) chiesero il battesimo, diedero il nome a quella povera creatura che era nata a tutti gli effetti al quinto mese.

  • 1 decennio fa

    be le tue argomentazioni sono contro la chiesa cattolica e non contro l'aborto.... cmq credo che un nascituro sia figlio sia della madre che del padre e quindi la decisione non può spettare alla sola madre .

    per me la donna che utilizzerebbe l'aborto per un figlio mio mi spezzerebbe il cuore

    La parola del SIGNORE mi fu rivolta in questi termini: «Prima che io ti formassi nel grembo, ti ho conosciuto, e prima che tu uscissi dal seno, ti ho santificato; profeta per le genti ti ho costituito» . (Geremia 1:4-5)

    Le tue mani mi hanno formato e modellato, integro tutt’intorno; ora vorresti distruggermi? Ricordati, di grazia, che mi hai fatto di argilla, e mi fai ritornare in polvere! Non m’hai colato come latte e fatto coagulare come formaggio? Di pelle e di carne mi hai rivestito, di ossa e di nervi mi hai intessuto. (Giobbe 10:8-11)

  • Concordo al cento per cento...chiesa bigotta!!!!

  • Edith
    Lv 4
    1 decennio fa

    Innanzi tutto è solo una perosna ad affermare che gli embrioni non risorgeranno... bisogna ricollegarsi al Cristianesimo per parlare della concezione che la Chiesa ha della vita... e poi vorrei sapere da dove hai preso l'informazione che la Chiesa non battezza i feti abortiti spontaneamente.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.