Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaArte e cultura - Altro · 1 decennio fa

Un parere!! Please!!?

Allora, 1 mia amica di 14 anni sta scrivendo 1 "romanzo"....x ora sta ai primi capitoli , e mi ha mandato qst via e-mail!!!

Vuole 1 parere....su qst capitoli!

Io le ho dtt ke stanno bn ma vorrebbe qualke consiglio su cs cambiare cm procedere ecc ecc!!!

Le ho già dtt ke potrebbe cambiare qualcosa xkè si è ispirata trpp a vari film ke ha visto...xò vorrei sapere qualke vostro giudizio così magari poxo dire qualke cosa in più a Sara! (la mia amica)

Please potete leggerli? Sn solo 3!!

CAP.1 ARRIVO

Viaggiavo su di un treno con i miei genitori Zac e Kelly e con la “sgradevole”compagnia di mio fratello.

Lo scomparto era buio e stretto ed io non ero per niente entusiasta di andare in Florida, precisamente nella città di Brent .

Sì,è vero,mio padre aveva trovato lì un nuovo ufficio e quindi posto di lavoro per la sua professione

di ricercatore,ma, per me ,questo viaggio era una catastrofe.

Cambiare città scuola e amici di certo non mi attirava molto.

Il treno puzzava di lercio ed io avevo il cuore in gola.

Certo trattenere le lacrime non fa bene,è sempre meglio sfogarsi, ma io in quel momento non

riuscii proprio a farlo.

-Stai bene Ila?- m'incalzò mia madre.

-Abbastanza- mentii.

Guardai fuori dal finestrino, stavamo arrivando, e , faceva un caldo pazzesco.

Notai subito la temperatura alta tanto diversa da quella di Dublino.

Avrei certamente buttato via tutti i maglioni e le solite giacche invernali!

Mio padre arrivò con le braccia piene zeppe di panini dal bar e mio fratello di 13 anni ne

strappò subito uno ed io, con tutta la fame di una quindicenne che non mangia da un giorno,mi avventai sul primo hotdog a tiro.

Il panino era buono e caldo , così feci il bis.

Ero stanca morta dopo tante ore di viaggio e assalita dalla noia mortale mi appisolai.

Mi svegliai dopo mezz'ora quando il capotreno esclamò all'interfono:

-Tutti i passeggeri sono pregati di uscire, grazie-.

Misi tutta la mia roba a posto,presi il mio trolley blu ed uscii con gli altri.

-Ila,sei sicura di aver preso tutto?-

-Sì!!! Ma quante volte te l'ho devo ripetere!!-

Poi fui travolta da un'ondata di calore , saranno stati quaranta gradi penso.

Per un attimo rimpiansi l'aria condizionata puzzolente del treno.

Ci fermammo per strada e prendemmo un taxi giallo.

Il tizio voleva un cifra assurda per soli 8km!!!

Allora trattammo con lui fino ad arrivare ad una cifra adeguata.

Il taxi aveva un odore particolare , sapeva di big-babol alla frutta.

Chissà che profumo aveva messo!!!

Poi scaricammo ed andammo ad inaugurare la nuova casa.

L'abitazione dall'esterno appariva molto solida e carina .

Era una villetta a 2 piani con un orticello davanti.

La casa l'avevamo comprata già arredata e quindi potevamo aspettarci di tutto.

Mio padre aprì con cura la porta che si spalancò con un tremendo cigolio.

-Beh...ragazzi miei.. questa è la nostra futura casa-,la sua voce era tranquilla ,a

allo stesso tempo entusiasta

La sala da pranzo era grande, c'era un tavolo di medie dimensioni con quattro

sedie,una tv 32 pollici Lcd , un bel frigo , una cucina a isola e tutto ciò

che si può desiderare.

Anche le altre stanze erano molto belle, ma la mia superava tutte.

Nella mia camera c'era un letto a due piazze , una tv lcd,uno stereo,un computer,una

scrivania , due librerie,un armadio,un ping pong , e un pianoforte a coda.

E tutto ciò mi fa pesare " Ma perché i vecchi inquilini si sono voluti sbarazzare di

questa megacasa tutta arredata?"

"Assurdo",penso.

Quel pomeriggio disfai il bagaglio , riempii l'armadio di vestiti e misi a posto tutta

la roba per la scuola.

Eh, sì , la scuola , secondo anno delle superiori, non avevo proprio voglia che iniziasse e per fortuna era ancora il 14 di luglio.

Per cena mia madre preparò un piatto di pasta al sugo ed una bistecca,ah

dimenticavo, mia madre adora la cucina italiana e io e la mia famiglia amiamo la

pasta.

Ilaria, ti piace la tua nuova stanza?-

-Molto-,dissi con sincerità a mio padre

-Vedrai che qui ti troverai bene , avrai nuove amiche e potrai continuare a giocare a basket

se vuoi!-

- Non ti preoccupare per me papà ,me la caverò di certo-,questo era vero, anche se in

cuor mio ,nonostante la camera formidabile e la città splendida,ero molto dispiaciuta di aver lasciato

Dublino,e poi non avevo proprio voglia di dover iniziare lì da capo la mia vita .

Più tardi vidi qualche programma alla tv e andai a letto con la curiosità di provare il nuovo materasso.

2.CAP. PRIMO GIORNO

Mi svegliai di soprassalto ancora in preda ad un terribile incubo.

Nella notte avevo sentito delle voci che però non ero riuscita ad identificare.

Così,tutta sudata scesi alle nove di mattina a fare colazione con la mia famiglia.

Presi una tazza di latte con i cereali.

-Come va ragazzi?Dormito bene?-Chi poteva essere se non mia madre?

-E come no?-,feci io.

-Perché?-

-No,niente,non ti preoccupare-risposi sec

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Complimenti, è un ottimo inizio secondo me.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.